Immagine
 libri... di Admin
 
"
Imagine there's no countries
It isn't hard to do
Nothing to kill or die for
And no religion too
Imagine all the people
Living life in peace...

John Lennon
"
 
\\ Home Page : Storico : Libri di narrativa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Francesca Cingoli (del 11/10/2007 @ 15:25:54, in Libri di narrativa, linkato 27066 volte)
16 luglio 1942. Nello stadio del Vélodrome d’Hiver a Parigi furono rinchiuse dalla polizia francese migliaia di famiglie ebree, vittime dei rastrellamenti notturni ordinati dai nazisti. Oltre 4000 furono i bambini imprigionati. Rimasero ammassati lì per giorni, senza cibo, senza acqua, in attesa di essere deportati nei campi vicino a Parigi; molti finirono ad Auschwitz. Sarah Starzynski aveva 10 anni quando i poliziotti francesi, improvvisamente trasformati in nemici, irruppero nel suo appartamento nel Marais, portandola via insieme ai genitori, giusto il tempo di vestirsi. E di nascondere il fratellino di 3 anni, Michel, dentro l’armadio segreto, sicura di rientrare subito a casa, liberarlo dal nascondiglio, e riprendere la vita di sempre. Così, con la chiave dell’armadio in tasca, Sarah si mise in fila, insieme a tutti gli altri, sotto gli sguardi indifferenti dei vicini di casa. La storia di Sarah prese quella notte un strada molto diversa, fatta di paura, atrocità, ma anche generosità e conforto. E segnata da una promessa che Sarah non fu in grado di mantenere e con cui dovette continuare a convivere, confrontandosi con il dolore e con il senso di colpa. Sessant’anni dopo, una giornalista americana residente a Parigi, Julia Jarmond, ha l’incarico di preparare un reportage sui fatti dell’estate 1942. Attraverso le sue indagini e le interviste ai sopravvissuti, Julia scopre un legame inatteso e profondo con la piccola Sarah, che la porterà a ripercorrerne a ritroso il cammino, per riallacciare le fila del ricordo, del perdono e della pace. Un romanzo intenso e commovente, una storia raccontata, per la prima metà del romanzo, a due voci, quella del passato e quella del presente, in cui il racconto di Sarah e quello di Julia si alternano, per poi incontrarsi, intrecciarsi e procedere insieme. Ambientato tra Parigi e New York, il romanzo è il racconto di un segreto, sconvolgente e appassionante, che coinvolge più famiglie attraverso sessant’anni di storia. La chiave di Sarah appartiene a quel genere di romanzi che ti incatenano con la potenza della loro storia, nonostante alcune prevedibilità del racconto, e una seconda parte che perde un poco di forza e d’intensità, con qualche concessione di troppo alle vicende amorose di Julia. Su tutto, però, il romanzo ha il pregio di raccontare con passione ed efficacia una pagina di storia vergognosa e sconosciuta ai più, che è una pagina di atrocità ma anche di indifferenza, sulla quale riflettere, perché il valore di ogni storia, e di ogni piccola Sarah, è semplice, e universale, come le parole ebraiche che si stampano nel cuore di chi legge: Zakhor. Al Tichkah. Ricorda. Non dimenticare mai.

DE ROSNAY TATIANA
CHIAVE DI SARAH (LA)
Editore: MONDADORI
Pubblicazione: 01/2007
Numero di pagine: 319
Prezzo: € 17,50
EAN: 9788804563723
 
Di Benedetta Secchi (del 09/10/2007 @ 20:56:13, in Libri di narrativa, linkato 7010 volte)
Bill Bryson, uno dei migliori e più venduti scrittori di viaggio, con il suo ultimo libro, The Life and Times of the Thunderbolt Kid, pubblicato in Italia da Guanda con il titolo Vestivamo da Superman, racconta in modo assolutamente vivace, ironico e divertente come è stato crescere negli anni 50. Bryson nasce nel 1951,a metà di quello che viene spesso indicato come il secolo del sogno americano, a Des Moines, una cittadina che si trova al centro dell'Iowa, uno stato del centro degli USA nel pieno di quella che sarà definita ed indicata come la generazione più grande della storia degli Stati uniti, i “baby boomers”.Come molti bambini della sua generazione cresce con una grande fantasia tale da permettergli di crearsi un alter ego, una vita fittizia in cui, semplicemente indossando una vecchia felpa rossa con una stampa a forma di fulmine e un asciugamano come mantello, si trasforma nel temibile THUNDERBOLT KID/RAGAZZO FOLGORE, che riesce, con la sola potenza del suo sguardo ad annientare i nemici vaporizzandoli e a scappare da situazioni potenzialmente pericolose. Attraverso il racconto di come avviene questa metamorfosi, Bryson ci racconta la vita quotidiana della sua famiglia e della sua città natia, un viaggio indietro nel tempo, una storia vera della vita negli anni Cinquanta, così vicina a quella di molti lettori, ma a tratti così diversa da far pensare che sia davvero il racconto di una famiglia di un'altra galassia: era l'epoca in cui tutto ciò che era tecnologico, auto, tv, elettrodomestici di ogni genere e tipo (per non parlare poi del boom del nucleare e di progetti assurdi come razzi per l’invio della posta) si diffondeva rapidamente e diventava sempre più comune di anno in anno, l'epoca in cui nulla sembrava essere nocivo, ma anzi, DDT, sigarette e colori al piombo sembravano non solo innocui, ma che potessero addirittura far bene alla salute. Bryson fornisce ritratti deliziosi e coinvolgenti di quanti hanno gravitato intorno a lui e hanno contribuito ad arricchire la sua vita di bambino: il padre, un giornalista sportivo dall'indiscusso talento, che scriveva per il giornale locale e che aveva abitudini buffe, come la pratica di ginnastica isometrica, una fortissima propensione al risparmio, e la strana abitudine di fare spuntini notturni indossando pigiami adamitici; la mamma, anch'essa giornalista per la testata locale, esperta di decoro d'interni e di tutto quanto concernesse la cura della casa, ma in realtà alquanto sbadata e poco incline ai piaceri della vita domestica; infine i due compagni, i due amici, Willoughby e Katz che trascinano Bryson in una serie di avventure rocambolesche e che lo fanno avvicinare ai piaceri dell’adolescenza e della rivoluzione del 1968.Un libro spiritoso, divertente ricco di quello humour sagace e brillante che saprà conquistare tutti quelli che sono stati bambini e che, probabilmente, vorrebbero esserlo tuttora.

È così che va il mondo, naturalmente. Le cose vengono gettate via. La vita prosegue. Ma spesso penso sia un peccato non aver tenuto le cose che ci rendevano diversi e speciali e attraenti negli anni Cinquanta... Che bel mondo sarebbe. Che bel mondo era. Non rivedremo più nulla di simile, temo.

BRYSON BILL
VESTIVAMO DA SUPERMAN
Editore: GUANDA
Pubblicazione: 06/2007
Numero di pagine: 309
Prezzo: € 16,00
EAN: 9788860880529
 
Di Admin (del 03/10/2007 @ 17:59:38, in Libri di narrativa, linkato 28286 volte)
Segnaliamo l'uscita del romanzo L'eleganza del riccio, edito in Italia da E/O, grande caso letterario del 2007 in Francia. Il volume ha conosciuto nel paese transalpino 6 ristampe e ha venduto complessivamente 600.000 copie, ha conquistato vari premi e ha già venduto i propri diritti cinematografici. L'autrice, Muriel Barbery, laureata in filosofia , è nata a Casablanca, in Marocco, nel 1969. La storia è ambientata in una splendida Parigi; la cornice è quella di un elegante caseggiato abitato dall'alta borghesia della capitale francese. Dalla finestre del palazzo, la portinaia Renée osserva lo scorrere vacuo di quest'esistenza lussuosa: Renée sembra avere in un certo senso antropoformizzato la propria condizione vitale. E' "grassa, sciatta, scorbutica e teledipendente", quasi a confermare i luoghi comuni sui portinai: ma in segreto coltiva una grande cultura da autodidatta, ama "l'arte, la filosofia, la musica e la cultura nipponica". L'altra protagonista del romanzo è la dodicenne Paloma, figlia di un ministro incapace di comprendere i pensieri della ragazzina; Paloma ha una sensibilità spiccata e un'intelligenza brillante. Incompresa e stanca di vivere ha deciso di farla finita il giorno del suo compleanno, il 16 giugno. Fino a quel momento continuerà a fingersi una dodicenne mediocre, senza particolari qualità, simile a tante sue coetanee.
Due personaggi "nascosti" dunque, che al di là della propria esistenza "ufficiale", mantengono una vita segreta e intima. L'occasione per conoscersi sarà rappresentata dall'arrivo di monsieur Ozu, un ricco giapponese che saprà smascherare l'antico e ben custodito segreto di Renée.

BARBERY MURIEL
ELEGANZA DEL RICCIO (L')
Editore: E/O
Pubblicazione: 09/2007
Numero di pagine: 321
Prezzo: € 18,00
EAN: 9788876417962
 
Di Francesca Cingoli (del 02/10/2007 @ 15:28:19, in Libri di narrativa, linkato 14513 volte)
<< A partire da questo momento, vi avverto, la mia cronaca è un poco frammentata, io stesso lì che ho vissuto ciò che vi racconto, mi ci ritrovo a mala pena….vi parlavo di <> non potreste nemmeno in <> farvi un’idea di questa lacerazione, di filo, di treccia e di personaggi…del nudo e crudo avvenimento così brutale…pari pari, ahimè!...una di quelle inculate che d’improvviso ci fu più niente…e che io stesso qui a raccontarvi, venticinque anni più tardi, tergiverso, mi ci ritrovo male….frusto a frusto! mi perdonerete…>>

Rigodon è l’ultimo romanzo di Louis-Ferdinand Céline, completato il giorno prima della sua morte, avvenuta il primo luglio del 1961, ma censurato e pubblicato solo nel 1969. Lo scrittore francese, detestato per il suo antisemitismo, accusato di collaborare con i tedeschi, scomodo e sgradevole ai più, diede con questo scritto il suo personalissimo e inimitabile addio al pubblico: un racconto odissea sull’orrore e lo strazio della guerra. E’ il 1944 quando Céline, sua moglie Lili e il loro gatto Bebert affrontano il lungo e difficilissimo viaggio attraverso la Germania stremata, con viaggi in treno a metà strada tra un'avventura picaresca e una tragica odissea, attraversando stazioni fantasma, paesi distrutti, paesaggi avvolti nelle urla e nello strazio dei feriti, dilaniati dal fosforo liquido della Raf: devono raggiungere Copenaghen, dove la Landsman Bank ha in deposito i manoscritti e tutti i beni di Céline. Sul loro cammino c’è il peggior scenario di morte dolore e atrocità che l’umanità ha saputo partorire: cadaveri, rovine, gruppi di miserabili allo sbando, lebbrosi, gente impazzita dalla fame e dal dolore, bambini affamati, orfani o abbandonati. E tanta disperazione. Un racconto che è esso stesso una follia, una detonazione linguistica, un unico intenso lamento scritto con uno stile indefinito, e irripetibile. La narrazione difficilmente segue una linea razionalmente percorribile, ma si perde in mille gorghi, in tanti mulinelli linguistici che fanno perdere il filo, assorbono, annullandolo, ogni comune senso della logica, e regalano una immane sensazione di assurdo. Con sapienza Céline riprende qua e là il bandolo, ritornando sui suoi passi, chiedendo scusa al lettore e ricominciando a tessere la sua tela di immagini, suoni, diresti quasi di gesti, perché la narrazione sembra recitata da un folle cantore, vecchio, a tratti delirante ma eccezionalmente potente. Rigodon non è solo un racconto di guerra, ma un’allucinazione violenta e brutale, che colpisce con la forza espressiva di un linguaggio unico, gergale e contratto, a tratti persino comico, e comunica tutto l’orrore dell’assurdo: l’ultimo capolavoro del genio paranoico e visionario di Céline.

CELINE LOUIS-FERDINAND
RIGODON
Editore: EINAUDI
Pubblicazione: 05/2007
Numero di pagine: 271
Prezzo: € 17,00
EAN: 9788806186821
 
Di Francesca Cingoli (del 24/09/2007 @ 10:43:14, in Libri di narrativa, linkato 8881 volte)
Romanzo di contrasti nella New York dei giorni nostri, che conosce la tracotanza della classe intellettuale, le fatiche quotidiane di chi è arrivato dalla provincia, l’arrivismo e l’eleganza delle feste e dei salotti, e poi il risveglio con la ferita, traumatica e insanabile, dell’11 settembre. Le due torri crollano scoprendo all’improvviso la fragilità di una città, e insieme a questa l’orgoglio e le contraddizioni di uno dei suoi simboli, il giornalista-opinionista liberal Murray Thwaite, l’imperatore, carismatico e autorevole, sul quale fanno perno tutti i rapporti umani, gli scontri personali e ideologici, le inconciliabilità sociali del romanzo. La vecchia classe intellettuale è chiusa, moralista e carica di falsità, incapace di generare altro se non continue riletture dei propri pensieri, riproposti nella cultura fasulla del copy&paste, sempre uguali e sempre diversi. I giovani imprenditori rampanti vivono un delicatissimo equilibrio tra successo, soldi, ristoranti e lusso, e il fallimento, con dolorosi traslochi nei quartieri “sbagliati”, ripensamenti di vita, depressioni. New York è una scacchiera, sulla quale i giochi avvengono solo nelle caselle corrette, nei pochi isolati che contano, fuori dai quali non ha senso esistere. La casa è un bene precario, e i lussuosi appartamenti di Manhattan si perdono in un lampo (squarcio su una scottante attualità….), in un rivolgimento di fortuna inatteso, che fa crollare tutto il castello e la spavalderia. In questo scenario duro anche se abbagliante, Marina è la figlia di Murray, bellissima e mediocre, che cerca di trovare se stessa all’ombra soffocante del padre, e che non ha una sua strada, né una vera idea, o ideologia, o messaggio da comunicare, e finisce per scrivere un libro sui vestiti dei bambini, un affresco del conformismo delle maschere sociali, che porta all’inevitabile e amara conclusione che “i figli dell’imperatore sono nudi”. Ludo, australiano, arrogante e spaventosamente arrivista, si avvicina a Marina, pur odiandone il padre, e sognando di portare la rivoluzione con l’ennesima rivista di cultura e opinione, sfrontata e supponente. Frederick “Ciccio”, il nipote dell’imperatore, arriva a New York dalla provincia, abbandonando tutto, e affrontando la sfida con l’ansia dell’autodidatta e il sogno di scardinare il sistema, lasciando tutti stupiti. La sua figura è inquietante e nello stesso tempo patetica, un misto di rabbia e candore in cui si sente tutto il dolore di un mondo che combatte per farcela, e affoga nel mare del conformismo. Ma è Danielle a rivestire il compito più complesso, intimo e doloroso di raccontare una vicenda di rapporti umani tortuosa e moderna, e le contraddizioni di una città affascinante e impenetrabile. E’ lei, intelligente, indipendente, ma al tempo stesso insicura e fragile, il personaggio più riuscito in una galleria di caratteri, forti ed efficaci, di questa cruda commedia newyorkese, tutti simboli inquieti della società mediatica contemporanea.

MESSUD CLAIRE
FIGLI DELL'IMPERATORE (I)
Editore: MONDADORI
Pubblicazione: 05/2007
Numero di pagine: 493
Prezzo: € 18,50
EAN: 9788804563075
 
Di Roberto Seoni (del 14/09/2007 @ 07:00:55, in Libri di narrativa, linkato 5279 volte)
Lo scrittore toscano Edoardo Nesi, nato a Prato nel 1964 e finalista nel 2005 al Premio Strega con L'età dell'oro, firma un nuovo intensissimo romanzo, dall'emblematico titolo Per Sempre. Riaffiorano in questo lavoro alcune delle tematiche tipiche dell'opera di Nesi: la deriva di una società, quella italiana, in disgregazione; la perdita dei valori e dei riferimenti; la nostalgia indefinita per un passato migliore che forse non è mai esistito, ma a cui ci si aggrappa perchè è meglio un'illusione del proprio presente. Un arcano dolore vela, come una cortina fumogena dell'anima, la storia di Alice, ventenne figlia di genitori separati, la cui inquietudine si manifesta in un singolare rapporto con la divinità cristiana, e in particolare con la sua incarnazione umana, Gesù Cristo. Alice ha cinque orecchini al lobo destro e cinque a quello sinistro; ha un piercing sul naso, una piccola barretta d'agento a forma di freccia; ha i capelli tinti di rosso ed è daltonica; ha sette tatuaggi, ed un ottavo lo ha in cantiere. Soprattutto Alice ha una madre che da quando è stata abbandonata dal marito, è caduta in depressione: passa le sue giornate sul divano, a guardare in TV le televendite. Almeno fino a quando Alice non le procura delle pastiglie psicotrope che la aiutano a dimenticare il suo male di vivere. Il guaio è che la ragazza non sta certo meglio della madre: in breve incomincia a spezzettare e sniffare le pastiglie, viene licenziata dal Call Center in cui lavorava e avverte sempre di più un vuoto indefinibile che cerca di riempire salendo al tramonto sul terrazzo di casa, guardando il calare del sole in bilico sul cornicione. Da lassù può vedere il suo quartiere innevato, il palazzo della Cayenna, abitato interamente da "Non Italiani", gli enormi cartelloni pubblicitari e, da qualche tempo, la "voragine", un buco enorme che si è aperto proprio di fronte al suo palazzo a seguito di un cedimento dell'asfalto. Cominciano allora le visioni: i ricordi dell'ex fidanzato, Edoardo, si mescolano con le apparizioni di un Gesù Cristo che sembra uscito direttamente dall'iconografia pasquale occidentale, mentre le uscite con l'amica Deborah, all'insegna della cocaina, si trasformano in epifanie semi-mistiche in cui sembrano moltiplicarsi i segnali di una misteriosa investitura. Dio vuole assegnare una missione ad Alice? O è tutto il frutto di un'immaginazione alla deriva, eccitata dall'uso di droghe?
Ciò che colpisce nel romanzo di Nesi è innanzitutto l'atmosfera: ovattata, "natalizia" (la vicenda si svolge nei giorni del Natale 2006), si mantiene costante per tutto il racconto, sfociando a tratti in una sorta di "realismo magico" tutto italiano. La profondità della vicenda si cela dietro le pieghe del racconto, a manifestare la sensazione di una deriva epocale e insieme personale che lo scrittore intende trasmettere attraverso il pensiero della protagonista. Alice è l'eroina di una moderna favola nera, senza lieto fine, misteriosa: forse uscita da un film di Tim Burton o da qualche romanzo cyberpunk; ma è anche la ragazza della porta accanto, dura e fragile nel contempo, pura ma contaminata da una società ingiusta e incomprensibile. Di lei il lettore non può fare a meno di innamorarsi.

NESI EDOARDO
PER SEMPRE
Editore: BOMPIANI
Pubblicazione: 09/2007
Numero di pagine: 154
Prezzo: € 14,00
EAN: 9788845259258
 
Di Paola Giovanettoni (del 13/09/2007 @ 07:00:28, in Libri di narrativa, linkato 2708 volte)
Una Milano spocchiosa e viziata, un gruppo di amici che si crede al di sopra di tutto e di tutti, una moralità sovvertita, un intreccio di amore e di interessi economici. Matteo vuole Margherita, Frans vuole Luca, Luca vuole Camilla. Ci si sposa solo con chi è più ricco, si frequentano solo i locali alla moda, via Marghera non è neanche a Milano ma in provincia. Solo il quadrilatero della moda è ammesso, il Jamaica è il ritrovo privilegiato, i matrimoni a cui si è invitati vogliono Berlusconi e Agnelli, i vestiti che si indossano vengono spediti dalle capitali della moda tramite aerei privati.

Un mondo in cui il nulla regna sovrano ma che, aimè, esiste e prolifera in una città che sembra aver perso la bussola. Un ritratto sconcertante ma veritiero che mette in evidenza solo il lato più meschino di una città che, nonostante tutto, meriterebbe di essere raccontata anche in altro modo. Cos’è, infatti, una città se non l’insieme di quanti la abitano?

Ecco perché questo libro suscita, in chi è milanese, un misto di insofferenza e curiosità, irritazione e rassegnata consapevolezza. Milano, infatti, non è solo lo squallore di vite sprecate come quelle dei protagonisti di questo primo libro di Carlo Mazzoni. Un’elite, se così la si vuole definire, che butta al vento le mille opportunità offerte per godere di un benessere letteralmente rubato. Fortunatamente Milano non è solo questo… La domanda, come si suol dire, sorge spontanea. Perché si dovrebbe leggere questo libro? Per capire quanto in basso si può precipitare quando si ha la convinzione che ogni cosa sia dovuta. Arroganza, sfrontatezza, falsi sentimenti e presunzione.

MAZZONI CARLO
POSTROMANTICI (I)
Editore: SALANI
Pubblicazione: 01/2007
Numero di pagine: 288
Prezzo: € 14,00
EAN: 9788884518422
 
Di Francesca Cingoli (del 10/09/2007 @ 07:00:51, in Libri di narrativa, linkato 11614 volte)
Dora è una trentacinquenne che vive a Los Angeles, figlia di una mediocre famiglia americana, con madre alcolista e bibliomane, e padre lontano e mai presente. Divorziata da Palmer, ricco – bello – fascinoso - carismatico - superimpegnato - mapocoletterato, Dora vive in un residence a cinque stelle, circondata da macro disordine, bottiglie di vino rosso, abiti firmati e montagne di libri. Montagne di libri dovunque, perché fin da bambina i libri sono il suo rifugio. Nella lettura Dora si abbandona, dimenticando l’infanzia, le storie andate a male, il lavoro di giornalista che ha perso anni prima, le tante fobie, le delusioni quotidiane. Un paio di bicchieri di vino, un bagno caldo, e la maratona di lettura notturna consente a Dora di sopravvivere alle difficoltà di ogni giorno. Le amiche, l’ex marito, la sorella cercano di richiamarla alla normalità dalla segreteria telefonica che, opportunamente inserita, protegge Dora dal mondo esterno. La libreria vicino a casa è il naturale approdo di ogni giorno, dove è inevitabile l’innamoramento e la storia di passione con il bel commesso Fred, commediografo in erba. Ma non aspettatevi Bridget Jones: Dora è altissima, magrissima, somiglia a Nicole Kidman, frequenta feste e vernissage, veste Prada e Valentino, e fa vita da miliardaria, pur piangendo costantemente miseria, ed essendo disoccupata. Non fa molta simpatia…. La sua storia si dipana tra tentativi di introspezione, slanci di generosità filantropica, vicende familiari di grande amarezza, amicizie e riavvicinamenti. Ma soprattutto citazioni: Dora ama fin da piccola fare gite nelle case dei suoi scrittori preferiti, conosce la biografia di ogni autore, elargisce versetti e frammenti di libri a ognuno e in qualsiasi momento, in una forzata e a volte un po’ stridente esibizione di passione e erudizione. Dora non è un personaggio in cui si ha piacere a immedesimarsi, non è simpatica e non crea partecipazione nel lettore; la storia qua e là rallenta in momenti prevedibili, o stentati nel tentativo di essere comici e surreali (come quando Dora salva un cervo) o tristi e malinconici (come nel caso dell’amicizia con la piccola nipote di Fred). Nel complesso il libro si risolve in una commedia romantica a metà strada tra trasgressione e buoni sentimenti, in pieno filone disimpegnato femminile-femminista, ma puntellato da innumerevoli lusinghe al lettore appassionato. Vale la pena leggerlo per le ottime citazioni, nelle quali il lettore maniaco-compulsivo sguazza, e si diverte pure, e le epigrafi in testa a ogni capitolo, tutte da gustare.

"Al di fuori del cane, il libro é il miglior amico dell'uomo.
All’interno del cane c’é troppo buio per leggere..."

Groucho Marx (1890-1977)


KAUFMAN JENNIFER; MACK KAREN
LIBRI E AMORI A LOS ANGELES
Editore: MONDADORI
Pubblicazione: 05/2007
Numero di pagine: 297
Prezzo: € 18,00
Prezzo NicePrice: € 15,99
EAN: 9788804568896
 
Di Francesca Cingoli (del 04/09/2007 @ 17:25:02, in Libri di narrativa, linkato 2262 volte)
Un viaggio nella storia giapponese e nella mente umana, che inizia con la scomparsa di un gatto, e dalla normalità di un tranquillo quartiere residenziale proietta il lettore in un thriller complesso e magico, dove nulla è troppo strano e irreale. Il protagonista è un comune trentenne, di quelli che passano inosservati, sposato, disoccupato per scelta dopo un lavoro poco gratificante in uno studio legale, che passa le giornate da casalingo, attendendo a casa la moglie che lavora, e brancolando senza entusiasmo in mille progetti di vita. Una misteriosa adolescente gli fa compagnia negli assolati e sonnolenti pomeriggi estivi, nelle vicinanze di una casa abbandonata, dove lui si apposta sperando di trovare il suo gatto. Una telefonata inattesa mette in moto tutto il meccanismo narrativo: una voce di donna languida, una confidenza che rivela un passato, forse dimenticato, forse mai esistito, e via, si precipita nel baratro dell’irreale. La storia è intricatissima, frutto di vero e sapiente virtuosismo narrativo, che incastra piani diversi e dimensioni parallele. In vari momenti si è turbati dalla confusione, godibilissima, tra le atmosfere rarefatte del sogno e quelle, silenziose e ovattate, di una realtà inverosimile ma assolutamente vera e concreta. Perché non c’è nulla di strano: una moglie che se ne va, un cognato antipatico e arrogante, qualche infelice episodio familiare sepolto nella memoria. Ma ogni piccolo episodio apre le porte sul passato e sulla coscienza: la storia giapponese penetra con frammenti di inumana crudeltà negli spazi cerebrali del protagonista, che ne raccoglie l’eredità e il pesante fardello di consapevolezza. Ed è così che dalla normalità di un gatto che sparisce chissà dove, ci si ritrova nelle profondità di un pozzo senz’acqua, in un buio freddo che aiuta a scoprire se stessi e a muoversi in un’altra dimensione, in eleganti camere d’albergo, forse solo sognate, dove voci di donna (sarà la moglie?) chiamano e invocano aiuto, o in raffinati locali high tech dall’atmosfera rarefatta, in compagnia di affascinanti medium dal cappellino rosso. Una voglia bluastra compare sul viso del protagonista, per poi scomparire, i pc si svegliano nel cuore della notte con scampanellii, e raccontano storie di guerra, e racconti di amore infelice, mentre un uccello invisibile continua il suo lento lavoro, avvitando le viti che tengono insieme il mondo e le sue assurdità. L’uccello che girava le viti del mondo ti afferra con violenza dalle prime pagine e ti trattiene con grande magia e arte: non è un libro facile, ma è senza dubbio un libro unico, un labirinto nel quale muoversi in libertà, scoprendone tutti gli angoli nascosti, correndo in ogni direzione, per ritrovarsi, più di una volta, al punto di partenza. Alla fine, non senza impegno, dal labirinto si riesce ad uscire, per ritrovare la pace e la risposta a mille domande sulle rive di un laghetto ghiacciato, nel mezzo di un gelido e rassicurante pomeriggio invernale. Una grande esperienza di lettura.

MURAKAMI HARUKI
UCCELLO CHE GIRAVA LE VITI DEL MONDO (L')
Editore: EINAUDI
Pubblicazione: 06/2007
Numero di pagine: 960
Prezzo: € 16,50
EAN: 9788806188177

 
Di Admin (del 31/08/2007 @ 07:33:53, in Libri di narrativa, linkato 4246 volte)
Un romanzo come un delizioso cameo: Mal di pietre conferma le qualità della scrittrice Milena Agus, alla sua seconda prova letteraria dopo il discreto successo di Mentre dorme un pescecane. Il romanzo è entrato nella cinquina dei finalisti dell'ultimo Premio Strega, conoscendo la ribalta nazionale e ottenendo un ottimo exploit di vendite in Francia (cinquantamila copie vendute e quarta ristampa in un mese). Pubblicata dal piccolo editore Nottetempo, la Agus riesce a costruire in sole 119 pagine un curioso ritratto di donna: a raccontare la storia è la nipote, che accarezza con tenerezza le vicissitudini della vita della nonna. Una vita comune, scontata, e un matrimonio di convenienza vengono interrotti alla soglia dei quarant'anni da un soggiorno in una località termale della penisola, per curare il "mal di pietre" (calcoli renali). Il "mal di pietre" diventa una metafora delle pene d'amore, del tormento sentimentale: è l'incontro con il Reduce, un uomo dall'indole gentile e dai modi raffinati, a indurla a scrivere e a manifestare i propri sentimenti.
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19
Ci sono 89 persone collegate

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Autori (1)
Biografie (1)
Colleghi (2)
Contributi dei lettori (1)
Cool Books (1)
DVD e Film (4)
Eventi (1)
Eventi e Mostre (26)
Gialli e Noir (5)
Guide turistiche e viaggi (5)
Libri di architettura e design (6)
Libri di Arte (7)
Libri di climatologia (1)
Libri di cucina (4)
Libri di diritto e fisco (1)
Libri di economia e marketing (14)
Libri di fotografia (4)
Libri di giardinaggio (5)
Libri di grafica (5)
Libri di informatica (4)
Libri di moda (1)
Libri di musica (3)
Libri di narrativa (183)
Libri di narrativar (1)
Libri di Sport (3)
Libri di Storia (5)
Libri per bambini (6)
Manuali HOEPLI (1)
News (20)
Para-Libri (1)
Poesia (5)
Recensioni dai nostri lettori (2)
Recensioni ed Articoli (2)
Saggistica (14)
Solidarietà (1)
Teatro (1)

Catalogati per mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Defining and analyzi...
04/02/2014 @ 10:47:53
Di Casino betting
Rökning är den främs...
04/02/2014 @ 08:16:47
Di www.lauras.se
A physicist is an at...
04/02/2014 @ 07:47:31
Di Synthroid +armour+equivalent

Titolo
Hoepli (10)
Viaggiando (17)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Abbastanza
 Per niente
 E' imprescindibile!

Titolo
HOEPLI S.p.A.

Sede Legale:
Milano (MI)
Via Hoepli, 5 CAP 20121
Telefono: 02 864871

Iscrizione registro imprese:
00722360153 del registro delle imprese di Milano

Capitale sociale in euro:
Deliberato: 4.000.000,00
Sottoscritto: 4.000.000,00
Versato: 4.000.000,00




16/10/2019 @ 20:04:14
script eseguito in 109 ms


Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

X