Immagine
 Bernina... di Admin
 
"
Tutti sappiamo che i libri bruciano, ma sappiamo anche che i libri non possono essere uccisi dal fuoco. Gli uomini muoiono, i libri non muoiono mai. Nessun uomo, nessuna forza possono abolire la memoria. [Messaggio all'American Booksellers Association, 23 aprile 1942]

F.D. Roosevelt
"
 
\\ Home Page : Storico : Libri di narrativa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Francesca Cingoli (del 19/03/2007 @ 07:32:37, in Libri di narrativa, linkato 10088 volte)
La vedova scalza è un libro difficile, ruvido: è una lettura complessa, dove l’abbondante uso della lingua sarda (non è un dialetto!) non aiuta il lettore ad abbandonarsi alla storia e a perdersi nella musicalità del racconto.
Siamo in Barbagia tra le due guerre: la terra è aspra, dura, la gente passionale e violenta. E’ un’atmosfera arcaica, primitiva quella che si respira fin dalle prime pagine.
La natura è forte e selvaggia, non concede tregua, con il suo sole, la polvere, i profumi, forti e invadenti.
La vedova scalza - Salvatore NiffoiE’ Mintonia, ormai anziana, a raccontare la sua storia sarda, dalla lontana Argentina, tramite una lettera-diario inviata alla nipote amata.
Le pagine del diario sono una sorta di intimo testamento di Mintonia, e raccontano una storia di amore e passione, sfida e violenza, rabbia e vendetta.
E’ la storia di Mintonia e Micheddu che si amano, giovanissimi, alla faccia dei pregiudizi e delle malelingue del paese, Taculè: perché Micheddu è un balordo, un fuorilegge, un ladro, un assassino.
Mintonia è innamorata, ed è soprattutto una donna forte, di valore, una donna che non accetta di essere relegata in casa, senza poter pensare e vivere. Mintonia ha studiato, è innamorata dei libri, che, uno alla volta, e con grande cerimonia, le vengono donati dallo tziu Imbece, il più bel ritratto di tutto il libro. Alla fine la sua eredità di saggezza sarà proprio la sua biblioteca.
La natura orgogliosa e forte di Mintonia le farà affrontare tutto, le maldicenze, le cattiverie, la fuga di Micheddu, che, ricercato, si dà alla macchia, e anche l’umiliazione del tradimento, e la tragedia della morte.
Nel paese di Taculè, gli sgarri si pagano, e con gli interessi, e Mintonia consuma la sua vendetta con coraggio e fierezza.
La vedova scalza è un romanzo inusuale, che si impone per la crudezza delle sue immagini e i virtuosismi del suo stile: lascia nel cuore la sensazione, mitica e fuori del tempo, della terra sarda, il sapore della salvia e del mirto, e la visione selvaggia del mare.
Personalmente, ho amato tanto la lettura de La leggenda di Redenta Tiria, il precedente romanzo di Salvatore Niffoi, con la sua struggente poesia da ballata popolare. Ho faticato di più a leggere La vedova scalza, i cui virtuosismi appesantiscono tanto la narrazione.
Ci sono però immagini, forti, dalle tinte fosche, che mi rendo conto mi resteranno impresse a lungo, a ricordo di Mintonia e del paese di Taculè: e questo credo sia il dono più grande della lettura, e di un bel libro.

Libro:

Autore: SALVATORE NIFFOI
Titolo: LA VEDOVA SCALZA
Editore: ADELPHI
Pubblicazione: 03/2006
Prezzo: € 15,00
 
Di Francesca Cingoli (del 12/03/2007 @ 07:39:34, in Libri di narrativa, linkato 11822 volte)
Come molti lettori, sono caduta vittima della Wilson-mania dopo aver letto Eureka Street, e ho cercato e acquistato Il dolore di Manfred sull’onda di quell’entusiasmo: per la seconda volta la scrittura di Robert McLiam Wilson mi ha sorpreso, commosso e conquistato.
Perché Il dolore di Manfred - Robert McLiam Wilson è bellissimo, doloroso, e intenso: un libro che ti entra nel profondo del cuore, destinato a restarci per lungo tempo.
Manfred è anziano e malato: un dolore forte e tenace si è accampato nelle sue viscere. E’ un dolore contro cui Manfred non vuole combattere, anzi, un dolore che Manfred coltiva con morbosa attenzione.
Perché in quella sofferenza vede la speranza della sua fine: Manfred è un uomo senza pace e senza redenzione, incapace di assolvere se stesso e i propri errori. Manfred vuole morire: la sua è una pena intima, profonda, e senza soluzione, segnata dal senso di colpa e dal rimorso.
Il suo dolore – quello più implacabile, il dolore della sua mente – si nutre del passato e degli errori fatti, del dolore provocato alla moglie Emma, per troppo amore e gelosia.
Un passato, quello di Manfred ed Emma, ebrei, che è fatto di sofferenza e di privazioni, di guerra e olocausto, che ha segnato le loro vite e le loro emozioni.
Manfred ed Emma si sono separati, e da vent’anni si incontrano una volta al mese su una panchina del parco. A Manfred non è mai concesso di guardare il volto di Emma.
Sarà la narrazione, che ripercorre il loro rapporto a svelare, dolorosamente, il perché di questo rituale patetico e triste, in un continuo intreccio di passato e presente, di dolori fisici e interiori, di passioni e soprusi.
Il dolore di Manfred è un romanzo triste, carico di pietà e di emozione: un racconto di grande maturità, nel quale il sentimento dell’amore è analizzato nelle sue morbosità e nel suo autodistruttivo desiderio di possesso, ma anche nella sua dolce e misteriosa eternità. E’ in questa capacità acuta e sottile di indagare e comprendere l’anima e la fragilità umana che ho ritrovato il Robert McLiam Wilson di Eureka Street.
L’ho iniziato una domenica mattina continuando a leggere tutto il giorno, incapace di smettere, finché non l’ho terminato. Pentendomi poi perché non ce n’era più….
Inaspettato e commovente.

Libro:

Autore: MCLIAM WILSON ROBERT
titolo: DOLORE DI MANFRED (IL)
Editore: FAZI


 
Di Laura Di Donato (del 08/03/2007 @ 07:34:25, in Libri di narrativa, linkato 14616 volte)
Andrea Camilleri, dopo molti anni di assenza, si reca a Siracusa in occasione della rappresentazione di una tragedia classica. Mentre sta seduto sui gradoni del teatro greco, uno sconosciuto dalla faccia da delinquente e dall’odore non particolarmente apprezzabile gli infila nel taschino un foglio, con un numero di telefono. A questo numero, da tassative indicazioni, Camilleri telefona da una cabina pubblica…
Dalla cabina telefonica in poi, Camilleri si trova coinvolto in una storia che, nonostante sia solo il contorno del vero contenuto del libro, già di per sé è interessante: il numero di telefono non ha proprietario, e il non-proprietario fornisce allo scrittore le indicazioni per un misterioso incontro, che avviene in un casale sperduto nella campagna ai piedi dell’Etna.
Il colore del sole - Andrea CamilleriDurante il soggiorno in questo casale l’ospite misterioso svela la ragione del suo invito: appassionata lettrice dei romanzi di Camilleri, sua moglie, recentemente scomparsa per una malattia, chiede che allo scrittore, i cui libri hanno alleviato i tanti momenti di sofferenza, sia data la possibilità di leggere, e di fare di questa lettura ciò che preferisce, alcuni scritti inediti di Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, che risalgono all’estate del 1607, passata tra Malta (dove Caravaggio si trovava per sfuggire ad una condanna) e la Sicilia.
Il poco tempo a disposizione di Camilleri e l’impossibilità di portar con sé il manoscritto, lo portano alla decisione di trascrivere una parte di questi scritti, volta a raccontare, più che l’aspetto puramente biografico, gli incubi di un uomo ormai perennemente in fuga da chi lo vuol catturare, dai propri incubi (un cane che lo insegue per sbranarlo), e dalle proprie osessioni (il sole nero, che gli impedisce di distinguere i colori, coprendo tutto di una coltre scura).
Il ricorso ad una presunta trascrizione, l’eterogeneità dei contenuti (tra narrazione di eventi reali e trascrizione dei suoi incubi), rende bene l’idea della fluttuazione di Caravaggio tra la realtà e l’incubo.
La narrazione si dipana così, con l’intreccio di due storie: la supposta trascrizione dei diari del Caravaggio, e il mistero intorno a quanto vissuto da Camilleri per il ritrovamento di questi scritti.
Si tratta di un divertissement dell’autore, che gioca tanto con il mistero di un diario ritrovato, quanto con la lingua del Seicento. Non è sicuramente il Camilleri da leggere per primo, o per conoscere lo stile di questo scrittore, e non è, senz’altro, un modo per conoscere il Caravaggio.
È semplicemente un libro piacevole e ben costruito, che si riallaccia alla capacità di Camilleri di calarsi in un’analisi storica e civile molto precisa, che già ha avuto modo di essere apprezzata in romanzi quali IL RE DI GIRGENTI, PRIVO DI TITOLO, LA BOLLA DI COMPONENDA, IL BIRRAIO DI PRESTON, LA CONCESSIONE DEL TELEFONO, e altri ancora.

Libro:

Autore: CAMILLERI ANDREA
Titolo: COLORE DEL SOLE (IL)
Editore: MONDADORI
Pubblicazione: 02/2007
Numero di pagine: 122
Prezzo: € 14,00
Prezzo NicePrice: € 9,80
 
Di Francesca Cingoli (del 05/03/2007 @ 07:39:45, in Libri di narrativa, linkato 13775 volte)
Ultima India - Sandra PertignaniUltima India è il reportage di un viaggio, ed è insieme anche il diario interiore dell’autrice, la testimonianza della sua riflessione sul senso più intimo della spiritualità e della saggezza.
Sandra Petrignani
è andata in India nel 1994, per conoscere l’ultima India. «Ultima», perché anch’essa sta scomparendo, destinata ad essere fagocitata dall’occidente, omologata dal turismo, e privata per sempre della sua identità. «Triste, solitario y final»: il paese dell’anima, l’India, dove il divino convive con l’uomo, appare in questo breve libro consacrato alla sua realtà multiforme.
Sandra Petrignani non ci passa un’immagine unica e stereotipata dell’India suggestiva e turistica, ma ci fa parte delle contraddizioni di un paese, nel quale la bellezza è intrisa di miseria e tragedia, e la vita respira l’odore e la cenere dei morti bruciati nelle strade di Benares. Immagini atroci e delicatissime si susseguono in questo diario. Accompagnata dalla guida Ayyappam, che ripete due volte ogni parola, con il sorriso disarmante della semplicità, l’autrice visita templi, città, scuole, luoghi sacri sperduti nel nulla. Ogni visita è un incontro, uno scambio, e un tentativo di dare risposte a domande troppo grandi, nella ricerca di un nuovo senso della propria umanità.
Sono tanti gli incontri, sia con indiani sia con occidentali: ognuno di essi è un momento di confronto, nel quale l’autrice mette a nudo il suo bisogno di capire. L’accompagnano anche le sue riflessioni letterarie, attraverso ricordi e citazioni nei quali si susseguono Moravia, Calvino, Tabucchi, Chatwin e Simone Weil. Sono tante le domande, ma la risposta che l’India concede è una sola: «Non cercate di capire, affidatevi. E’ il consiglio di tutti i santi».
E’ questa capacità, unica e indecifrabile per l’occidente, di abbandonarsi al divino, alla spiritualità, che insegna a vivere nel sacro. Liberarsi dell’occidente, e perdersi nelle contraddizioni di un paese intriso di spiritualità, dove gli dei danzano, e dove si piantano alberi invece che chiese, perché il sacro convive con la natura e la vita: così anche un villaggio povero, apparentemente privo di attrattive, può essere un tempio alla divinità, un luogo di devozione e incontro con dio.
«Affidatevi»: Ultima India ci regala questo messaggio che non è proprietà di nessuna religione e di nessun popolo, ma può appartenere ad ogni uomo.

Libro:

Autore: PETRIGNANI SANDRA
Titolo: ULTIMA INDIA
Editore: NERI POZZA
Prezzo: € 14,50
 
Di Valeria Surico (del 27/02/2007 @ 08:23:21, in Libri di narrativa, linkato 19780 volte)
Quando qualche giorno fa, mentre uscivo dall'ufficio, ho visto nell'area della libreria dove vengono catalogati i libri prima che vengano messi in vendita l'ultimo libro della Vargas ... quasi lo rubavo dalle mani di un collega per la gioia e la fretta che avevo di leggerlo! Come già scritto sono una sua vera fan!
Il suo ultimo romanzo è forse il più bello di quelli che ho letto [ahimè posso solo leggere quelli tradotti in italiano se potessi leggere in francese, avrei di che soddisfare la mia "voglia" di Vargas...] anche se è veramente difficile sciegliere il preferito o il migliore tra libri che ti sono piaciuti così tanto!

Unica nota di rammarico è la quasi totale assenza dei mitici Evangelisti che mi sono un po' mancati!

Nel risvolto di copertina si dice:

Nei boschi eterni - Fred VargasUna scrittura asciutta e tersa come un cristallo; un intreccio diabolicamente perfetto; una Francia esoterica, di oscure, vivissime credenze. Un romanzo dolente e insieme ironico, il piú inquietante e noir di Fred Vargas, in cui ogni elemento ne richiama un altro in una catena di suggestioni e di echi in cui nulla smarrisce mai la propria ragione d'essere.

Il fantasma di una monaca del Settecento che sgozzava le sue vittime non fa paura al commissario Adamsberg, ma tutto il resto sí. Da un momento all'altro sprofonda in un mondo che sembra tornato al Medioevo, dove si straziano i cervi dei boschi normanni, si profanano cadaveri di vergini per estrarne misteriose sostanze, e le pozioni magiche assicurano la vita eterna, a costo di orrendi delitti. Mentre un rivale che arriva dal piú lontano passato, e che parla in versi, gli vuole rubare tutto. Un puzzle inestricabile, fatto apposta per far smarrire la ragione a chiunque. Ma non a uno «spalatore di nuvole», come Adamsberg. Anche se, ancora piú delle altre volte, arrivare alla verità vorrà dire riuscire a strapparsi un pezzo di cuore...

All'origine del «caso Vargas» in Francia, dove i suoi romanzi raggiungono regolarmente il vertice delle classifiche (e Nei boschi eterni ha superato tutti gli altri per numero di copie vendute), ci sono lo stile ironico e incisivo, la capacità di prendere per mano il lettore fino alla rivelazione finale, e l'accuratezza nei dettagli piú sorprendenti, che le viene dalla passione medievalista e dalla professione di zooarcheologa. Da qui il gusto per la détection, per le impronte, le tracce, le piccole cose senza importanza che permettono di dedurre, per una qualche «associazione di idee», la soluzione di un caso. E c'è naturalmente la simpatia con cui è ritratto il mondo dell'Anticrimine parigina del commissario Jean-Baptiste Adamsberg - uno «spalatore di nuvole», uno che preferisce procedere a zigzag e aspettare le soluzioni, invece di cercarle - e dei comprimari. Cioè il suo vice, il coltissimo, iperrazionalista e pieno di complessi comandante Danglard; la titanica amazzone Violette Retancourt, tenente, capace di «indirizzare l'energia come vuole»; Camille, la molto autonoma compagna della vita, che in questo romanzo vediamo separata di fatto da Adamsberg, ma madre di suo figlio Thomas, di nove mesi, cui il commissario propina indimenticabili suggerimenti educativi...

Libro:

Autore: VARGAS FRED
Titolo: NEI BOSCHI ETERNI
Editore: EINAUDI
Prezzo: € 15,80
 
Di Francesca Cingoli (del 26/02/2007 @ 09:10:21, in Libri di narrativa, linkato 57529 volte)
Il titolo originale de La bambina che salvava i libri è The Book Thief. Perché la protagonista Liesel Meminger di fronte ai libri non può resistere: li deve possedere, e li ruba.
E il primo libro rubato, sul quale imparerà a leggere, è un manuale per necrofori, che sottrae durante il funerale di suo fratellino.La bambina che salvava i libri - Markus Zusak
Siamo nella Germania nazista, e Liesel e suo fratello sono in viaggio verso Molching, presso Monaco, dalla loro nuova famiglia adottiva.
Arriverà solo Liesel, una bambina triste, sola, che scopre il potere delle parole attraverso i pochi libri che la fortuna, e una buona dose di coraggio, le consentono di fare suoi.
E’ accompagnata nelle sue giornate per le strade di Molching dall’amico del cuore, il bambino dai capelli color limone Rudy, che sogna, nella sua fresca ingenuità, di essere il campione nero Jesse Owen.
Liesel conoscerà il fascino della libreria del sindaco, piena di libri e suo rifugio di lettura, le ceneri dei falò propagandistici, da cui salverà un volume bruciacchiato, la magia delle parole che il padre imbianchino le dipinge sui muri della cantina, per aiutarla a conoscere sempre più parole, e con esse, sogni sempre più liberi.
Saranno i libri ad accompagnare le notti sue e dei suoi vicini di casa nella paura dei bombardamenti, tutti ammassati negli scantinati più profondi, con la sua voce di bambina spaventata a fare forza.
Un giovane ebreo, Max, accolto e nascosto in casa dai genitori di Liesel, le farà il dono più prezioso: un libro speciale, scritto sulle pagine dipinte di bianco di Mein Kampf, il regalo del sogno e della speranza di vita, un racconto di amicizia e poesia.
La bambina che salvava i libri è un libro magnifico, che l’australiano Markus Zusak ha scritto ispirandosi in buona parte ai racconti dei genitori, vissuti in Germania in tempo di guerra.
E’ un racconto di grande poesia, nel quale la piccola Liesel non è la sola protagonista: i ritratti che il libro ci lascia sono tanti, e per ognuno di essi Zusak ci regala un tratto unico, che rivela grande umanità e ispirazione. Restano nel cuore il giovane Rudy, scalmanato, sempre affamato, disposto a qualsiasi cosa per un bacio, il padre di Liesel, Hans, dagli “occhi di argento”, che le insegna a rollare le sigarette, si stringe a lei nelle lunghe notti piene di incubi e le suona la fisarmonica, Rosa, la mamma, dura, tozza, incapace di cucinare una minestra decente, ma piena di compassione per il ragazzo ebreo Max, che accoglie in casa e cura con attenzione materna. Ma sarà Liesel a vegliare più di tutti sul giovane, quando anche le notti di lui sono segnate dagli incubi. Per lui, malato e febbricitante, Liesel raccoglie ogni tipo di regalo, foglie, bottoni, soldatini, con la purezza dell’infanzia e la poesia del cuore. A Max cerca di donare anche una nuvola in cielo, descrivendola su un foglio di carta: poche parole per regalare tutto il mondo.
E infine, la narratrice di questo meraviglioso racconto: la Morte stessa, una voce narrante umana, leale, compassionevole, affannata nel lavoro cui la guerra la costringe, ma sensibile ai racconti di chi resta, sfiorandola, e salvandosi.
Sono le parole e i libri a nutrire e salvare Liesel, a guidarla fuori dall’orrore della guerra, dalla vista degli ebrei in marcia verso Dachau, dal massacro delle bombe, verso la speranza di un futuro.
Una storia immensa, e un libro originalissimo, davvero da leggere.

Libro:

Autore. ZUSAK MARKUS
Titolo: LA BAMBINA CHE SALVAVA I LIBRI
Editore: FRASSINELLI
Prezzo: € 18,00
 
Di Valeria Surico (del 21/02/2007 @ 07:46:28, in Libri di narrativa, linkato 78149 volte)
"Sono nato due volte: bambina, la prima, un giorno di gennaio del 1960 in una Detroit straordinariamente priva di smog, e maschio adolescente, la seconda, nell'agosto del 1974, al pronto soccorso di Petoskey, nel Michigan".

Middlesex - Jeffrey EugenidesCal/Calliope, voce narrante di Middlesex, è un ermafrodito identificato ed allevato come bambina fino ai quattordici anni. Cal/Calliope viene riconosciuto come maschio dopo un incidente e successiva visita medica che dà un nome preciso ai dubbi che inevitabili iniziavano a sorgere in famiglia su Calliope.
Responsabile della sua "eccentricità biologica" è la carenza di un enzima [5-alfa-reduttasi] dovuto a ragioni genetiche che attraversa come una colpa tre generazioni e che ora si manifesta dando inizio all'odissea di Callie.
Il libro è un viaggio che ci proietta nei sogni e nei segreti della sagra familiare dei Stephanides, tra furbi imprenditori e ciarlatani, sagge donne di casa e improbabili leader religiosi, in un alternarsi di nascite, matrimoni, scandali e segreti, che dalla Turchia ottomana si trasferisce nell'America del Proibizionismo e della guerra, dei conflitti razziali e della controcultura, del Vietnam e del Watergate. L'ineluttabilità dell'amore percorre il libro e ti accompagna dall'europa all'america moderna per ritornare in europa.

Colpisce nel libro l'americanizzazione della famiglia greca a cominciare dai nomi dei personaggi e la contrapposizione dei doppi sia generazionale tra i personaggi, sia storica tra culture diverse che ovviamente "umana" nella doppiezza per definizione di Cal/Calliope.

Ricordo con il sorriso sulle labbra il passo del libro in cui si cerca di dare una spiegazione antropologica/sociale alle diversità e alla contrapposizione uomo/donna ... consiglio il brano a tutte quelle donne che come me spesso si chiedono perhè il marito/compagno non è in grado di trovare il cartone di latte nel frigorifero vuoto!!

Con Middlesex Jeffrey Eugenides ha vinto il premio pulitzer nel 2003 che non è mai male!

Libro

Autore: EUGENIDES J.
Titolo: MIDDLESEX
Editore: MONDADORI
Prezzo: € 8,80
 
Di Francesca Cingoli (del 20/02/2007 @ 06:58:49, in Libri di narrativa, linkato 18173 volte)
Il silenzio di Cleaver di Tim Parks Il protagonista de Il silenzio di Cleaver è il più famoso giornalista televisivo di Inghilterra: ricco, famoso e sicuro di sé, Harold Cleaver ha intervistato il presidente degli Stati Uniti in piena campagna presidenziale. Un’intervista forte, aggressiva e coraggiosa, il capolavoro della sua carriera. Lusingato dai media, premiato dai dati di ascolto del suo talk show, gratificato da una vivace vita sessuale extraconiugale, Cleaver si nutre del suo successo.
Sarà la biografia del figlio maggiore, che lo dipinge come un egocentrico avido e manipolatore, a scardinare la sua sicurezza.
Furibondo per il ritratto pubblico infamante, costretto ad affrontare il confronto con il suo ingombrante ego, Cleaver lascia Londra e fugge in Italia, in un paesino del Sud Tirolo: lì si accampa in una baita isolata, spegne i cellulari, e cerca la solitudine e il silenzio.
Diventare muti dentro la testa, ecco la vera sfida.
Una sfida che per Cleaver è persa in partenza: il silenzio della sua nuova vita è assordante, un continuo vociare della mente che lo tortura in una lunga riflessione sulla sua vita.
Affiorano le debolezze, gli errori, i disincanti di un uomo che sotto il peso dei suoi chili e del suo orgoglio cerca di capire e capirsi, decodificando le accuse del figlio in un continuo dialogo con se stesso.
La morte della figlia tanto amata, il rapporto complesso con la compagna, le scelte di una vita spesa proiettato solo su se stesso e sul potere carismatico delle sue parole: Cleaver ripercorre tutto con rimpianto, con disagio ma anche con tanta rabbia.
La ricerca della solidità e concretezza nella vita semplice della montagna sembra impossibile per Cleaver, che riesamina, nel silenzio della sua mente, tutta una vita: nel chiarore della montagna innevata, nelle passeggiate nel bosco, o nelle buie serate solitarie, le parole di Cleaver affollano le pagine rimbombando, in un flusso di coscienza che fa emergere senza pietà le debolezze di un uomo disorientato.
Così il silenzio per Cleaver, abile, acuto e sarcastico giornalista, si trasforma nel confronto più difficile e aspro della sua carriera, che lo mette a nudo di fronte alle sue scelte.
Il silenzio di Cleaver è un bel romanzo, elegante e acuto nel percorrere gli stadi dell’emozione umana, ma anche nell’analizzare con ironia il feroce e assordante potere pubblico dei media, che invadono di parole, spesso inutili, la nostra vita.
Tim Parks, scrittore inglese trapiantato in Italia, e amante del nostro paese, ci regala con questa bella storia anche uno spettacolo prezioso: l’emozione e la solennità dei paesaggi sudtirolesi, e la silenziosa seduzione delle montagne innevate.

Libro:

Autore: PARKS TIM
Titolo: IL SILENZIO DI CLEAVER
Editore: IL SAGGIATORE
Pubblicazione: 09-2006
Prezzo: € 16,00
 
Di Francesca Cingoli (del 13/02/2007 @ 07:12:50, in Libri di narrativa, linkato 4840 volte)
Ventotto Barbary Lane è il quarto episodio della miniserie Tales of the city, che in America ha ottenuto un grande successo, coronando Armistead Maupin icona della scena letteraria gay.
E’ una variopinta commedia, ambientata nei primi anni 80 in una strada di San Francisco.
Il numero 28 è abitato da una serie di personaggi eccentrici: Mary Ann, giornalista in carriera, e il marito Brian, insoddisfatto cameriere di ristorante, Michael “Mouse”, l’amico del piano di sotto, distrutto dalla morte del suo compagno, e la padrona di casa, la signora Madrigal, che coltiva marijuana in casa e cucina per tutti.

Le storie dei personaggi prendono vita quando in Barbary Lane capita Simon, giovane ufficiale inglese, bello e affascinante, che crea il prevedibile pandemonio nella vita di tutti, anche in virtù di uno scambio di appartamenti con Michael, che andrà a vivere per qualche settimana nella sua scalcinata casa di Londra.
Neo inquilino in Barbary Lane, Simon scatenerà con la sua presenza (a San Francisco), e la sua non-presenza (a Londra) una serie di situazioni dettate da equivoci e incomprensioni, seduzioni e infedeltà.

Voglia di gravidanza, senso di isolamento, incapacità di intrecciare relazioni, amicizia, amore coniugale, amore fraterno, amore e basta. In Ventotto Barbary Lane le persone si cercano, talvolta con leggerezza e frivolezza, ma sempre con il senso un po’ sgomento e malinconico di chi sta lottando con la propria solitudine, e cercando un suo posto nel mondo.
E’ il ritratto di un’America nella quale l’insidia dell’AIDS sta apparendo lentamente, facendo le prime vittime, e togliendo disinvoltura e serenità alla casualità dell’incontro.
Ironico, con tratti di stravaganza, e una carrellata di personaggi efficaci e simpatici, Ventotto Barbary Lane alterna registri leggeri e pop ad altri più cupi.

Fenomeno di costume in America, e anche in Italia con tanto di forum di appassionati, la saga di San Francisco Tales of the city, di Amistead Maupin, è anche (ovviamente) una fortunatissima serie televisiva con ospitate illustri.
Per chi ama il genere.

Libro:

Autore: MAUPIN ARMISTEAD
Titolo: 28 BARNABY LANE
Editore: RIZZOLI
Prezzo: € 17,00
 
Di Laura Di Donato (del 10/02/2007 @ 07:10:34, in Libri di narrativa, linkato 9435 volte)
“Solo lettere, lettere sul soffitto, lettere bianche che strisciano lente su uno sfondo nero. Cominciarono ad apparirmi la notte, dopo uno dei miei soliti attacchi di cuore. Potevo spostarle lungo il soffitto, quelle lettere, allinearle a formare parole e frasi. E al mattino non mi restava altro che annotarle nella memoria del computer.”
Rubén Gallego nasce nel 1968, insieme al fratello gemello, in una prestigiosa clinica riservata ai quadri del partito comunista (il nonno è il segretario del Partito Comunista spagnolo in esilio). Il gemello non sopravvive al parto. Rubén sì, ma affetto da paralisi cerebrale, che, pur non toccando minimamente le funzioni del suo cervello, lo rende gravemente handicappato: il suo corpo è, ad eccezione di due dita, completamente inerte.
L’autobiografia di Rubén Gallego narra dell’infanzia e dell’adolescenza tra un orfanotrofio e l’altro, insieme ad altri bambini che, come lui, hanno la colpa di non incarnare il mito dell’”uomo nuovo”: forte e dall’inevitabile futuro radioso e di successo.
Rubén, sottratto alla madre (alla quale si dice che anche il secondo gemello sia morto), ci racconta le vicende sue e dei suoi compagni di sventura in questi campi di concentramento mascherati da ospedali, con medici, pedagoghi e inservienti al posto degli aguzzini (“Alla lezione di storia espongo baldanzoso gli orrori dei campi di concentramento nazisti”). Ma il loro ruolo è lo stesso: per andare in bagno la notte Rubén striscia letteralmente fino ai gabinetti attraversando corridoi gelati; è considerato, in quanto figlio di una spagnola e di un venezuelano, “un figlio di una troia di una negra”, e si sente in colpa perché a undici anni pesa già ben quasi diciassette chili, e le inservienti fanno fatica a sollevarlo…
Al compimento del diciottesimo anno di vita, e per i quattro anni successivi, Rubén passa dagli orfanotrofi agli ospizi, dove chi non merita di vivere viene spedito al piano dei moribondi, che stia bene o male non importa, la vita dipende solo ed esclusivamente dal budget a disposizione dell’ospizio. Riesce a fuggire nei primi anni novanta grazie al momento di confusione e spaesamento dovuti alla perestrojka e, dopo un avventuroso viaggio in un furgoncino, ritrova la madre, a Praga. Si sposa due volte, ha due figlie. La notte ricorda la sua passata esistenza da eroe (“Se non hai le braccia o le gambe, o sei un eroe o sei morto. … Io sono un eroe. Non ho altra scelta”) e di giorno la trascrive, con due dita e un portatile.
Questo è un libro che tutti dovremmo leggere. È un libro fondamentale: è come SE QUESTO È UN UOMO, come GREAT EXPECTATIONS, come THÉRÈSE RAQUIN, come GUERRA E PACE, e così via. È un colpo duro e necessario: è la scoperta di come tra mille sofferenze i bambini trovino comunque giustificazione verso gli aguzzini e colpa a se stessi, e, nonostante tutto, non perdano un certo fondo di candore e ottimismo.
Lo renderei obbligatorio nelle scuole, per tutti i nostri ragazzini coccolati, viziati e vezzeggiati, e nelle case, per tutti noi protetti dalle nostre mura, dai nostri agi e il nostro nascondere alla vista tutto ciò che è spiacevole. Perché la vita, l’infanzia, sono anche quello che ha vissuto Rubén Gallego. E per fortuna c’è chi, come lui, è sopravvissuto a tutto questo.

Gallego Rubén
BIANCO SU NERO
ADELPHI
04-2004
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19
Ci sono 105 persone collegate

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Autori (1)
Biografie (1)
Colleghi (2)
Contributi dei lettori (1)
Cool Books (1)
DVD e Film (4)
Eventi (1)
Eventi e Mostre (26)
Gialli e Noir (5)
Guide turistiche e viaggi (5)
Libri di architettura e design (6)
Libri di Arte (7)
Libri di climatologia (1)
Libri di cucina (4)
Libri di diritto e fisco (1)
Libri di economia e marketing (14)
Libri di fotografia (4)
Libri di giardinaggio (5)
Libri di grafica (5)
Libri di informatica (4)
Libri di moda (1)
Libri di musica (3)
Libri di narrativa (183)
Libri di narrativar (1)
Libri di Sport (3)
Libri di Storia (5)
Libri per bambini (6)
Manuali HOEPLI (1)
News (20)
Para-Libri (1)
Poesia (5)
Recensioni dai nostri lettori (2)
Recensioni ed Articoli (2)
Saggistica (14)
Solidarietà (1)
Teatro (1)

Catalogati per mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Defining and analyzi...
04/02/2014 @ 10:47:53
Di Casino betting
Rökning är den främs...
04/02/2014 @ 08:16:47
Di www.lauras.se
A physicist is an at...
04/02/2014 @ 07:47:31
Di Synthroid +armour+equivalent

Titolo
Hoepli (10)
Viaggiando (17)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Abbastanza
 Per niente
 E' imprescindibile!

Titolo
HOEPLI S.p.A.

Sede Legale:
Milano (MI)
Via Hoepli, 5 CAP 20121
Telefono: 02 864871

Iscrizione registro imprese:
00722360153 del registro delle imprese di Milano

Capitale sociale in euro:
Deliberato: 4.000.000,00
Sottoscritto: 4.000.000,00
Versato: 4.000.000,00




16/10/2019 @ 20:05:48
script eseguito in 156 ms


Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

X