\\ Home Page : Articolo : Stampa
Il ritorno di Sam Savage: Il lamento del bradipo
Di Roberto Seoni (del 07/08/2009 @ 09:31:33, in Libri di narrativa, linkato 4255 volte)
Il romanzo Firmino (di cui è apparsa una recensione sul nostro blog) dello scrittore statunitense Sam Savage ha rappresentato una delle più piacevoli sorprese della stagione letteraria 2008, combinando insieme qualità e godibilità, confermate da uno straordinario riscontro di vendite, pubblico e critica. Tanto più che l'autore rappresentava un caso "atipico" nel panorama letterario americano: alla sua prima opera, Sam Savage era un esordiente di quasi settant'anni, essendo nato nel 1940 a Camden, nel Maine. Comprensibile dunque l'attesa e l'attenzione riservata da addetti ai lavori e pubblico al suo nuovo romanzo, in uscita in Italia il prossimo 15 settembre, pubblicato come nel caso di Firmino da Einaudi. Il titolo italiano del nuovo libro di Sam Savage è Il lamento del bradipo: la storia promette di rinverdire alcune delle tematiche già affrontate nel precedente lavoro. La sensibilità artistica e intellettuale che si scontra, perdente, contro il pragmatismo e la ricerca del profitto della cultura moderna, il filone dell'artista e dell'intellettuale solitario, escluso, reietto, che vive recluso mentre il mondo intorno cambia e gli crolla addosso. Il protagonista, Andrew Whittaker, è quasi un Firmino in vesti umane: indebitato fino al collo, con la rivista letteraria che dirige sull'orlo della bancarotta e la casa in cui vive che gli sta quasi crollando addosso, Andrew è stato abbandonato dalla moglie. Ciononostante non demorde, continuando a scrivere, disordinatamente, di tutto: "lettere di rifiuto ad aspiranti scrittori, lettere alla ex moglie, lettere a ditte incaricate di rifare i soffitti di casa, lettere di sfratto, annunci di appartamenti in affitto, appunti, cose pensate, bozze di racconti, pezzi di un romanzo, lettere alla madre"... Da tutto ciò emerge un universo di idee, velleità e alfine illusioni. Destino comune in un mondo che non ha bisogno di intellettuali e artisti.

Bookmark and Share