\\ Home Page : Articolo : Stampa
Giochi Sacri
Di Francesca Cingoli (del 28/08/2007 @ 07:00:38, in Libri di narrativa, linkato 3807 volte)
“Vuoi Ganesh Gaitonde?” La prospettiva di arrestare il più importante malavitoso del momento è grande, e l’ispettore di polizia Sartaj Singh si precipita nel luogo indicato da una telefonata anonima. Troverà un bunker antiatomico nel cuore di Mumbai, un omicidio - suicidio, tante domande e l’inizio di una lunga indagine. Giochi Sacri è una detective story ambientata nel pieno dei profumi e dei suoni dell’India, in un complesso intrigo di malavita, gangster violenti, terrorismo internazionale e belle donne. Il protagonista è Sartaj Singh, trentenne sikh affascinante ma inesorabilmente solitario, con un matrimonio fallito alle spalle, l’eredità di un padre poliziotto modello e tante umane debolezze. Ma il protagonista è anche Ganesh Gaitonde, che compare da subito, imponente e carismatico, e poi infarcisce il lungo racconto con la sua storia, narrata a lampi di flash back che ne percorrono la giovinezza e l’ascesa, tra violenze, lussi, melodrammi degni di Bollywood e una sapiente dose di sesso. Ci sono prostitute, attrici in erba, miss India siliconate, e tanti farabutti, pronti ad ammazzare, ma subito dopo a piangere commossi davanti al film del momento. La polizia di Mumbai è segnata di piccole e grandi corruzioni, fatalismo e stanchezza verso gli eventi e la delinquenza diffusa, mentre Sartaj e i suoi colleghi trascorrono le lunghe e afose giornate tra intrighi terroristici, piccole storie di ricatti, Coca-Cola gelate, informatori e mazzette. Un caos urbano nel traffico di Mumbai, chiassosa e affascinante, dove Sartaj si muove in motocicletta, districandosi nella microcriminalità ma anche negli affari della sua famiglia e dei suoi amici, con freddezza, cinismo ma anche tanta poesia. Giochi Sacri è un affresco potente, umano, sociale e politico, mai folckloristico, ed estremamente efficace di un’India moderna, che magari ci fa poco piacere scoprire, ma che aggredisce il lettore con sensualità e furbizia, e lo lega in una lettura non sempre facile per 1200 pagine intricate e dense di personaggi. A tratti risulta faticoso appropriarsi dei termini indiani volutamente lasciati in originale per donare sapore e autenticità alla storia, in un bell’esperimento linguistico, ma chi legge è aiutato da un glossario in coda. Il suggerimento è abbandonarsi il più possibile alla lettura, lasciandosi intrattenere dalla narrazione, fluida e ricca, della storia principale così come di tutte le storie “laterali” che progressivamente Vikram Chandra apre nel corso del romanzo, in diramazioni narrative che possono appesantire la lettura, ma completano efficacemente il ritratto di un’India contemporanea, sempre più complessa e inesplorata. Una lettura moderna, avvincente e senza stereotipi.

CHANDRA VIKRAM A.
GIOCHI SACRI
Editore: MONDADORI
Pubblicazione: 03/2007
Numero di pagine: 1183
Prezzo: € 22,00
EAN: 9788804560562