\\ Home Page : Articolo : Stampa
Indecisione - Paradigma dell'esistenza?
Di Roberto Seoni (del 10/08/2007 @ 07:00:31, in Libri di narrativa, linkato 6332 volte)
L'editore BUR pubblica in edizione economica (8,90 euro) un romanzo dell'anno scorso del giovane autore Benjamin Kunkel, laureato ad Harvard e direttore a New York della rivista letteraria N+1. La cifra essenziale di questo lavoro è, come suggerisce il titolo, l'Indecisione. A parere di Kunkel raccontare la sua generazione, quella dei venticinque-trentenni di oggi, significa fare i conti con una forma quasi patologica di "rifiuto della scelta", sia essa intesa come definitiva o temporanea. La rappresentazione in chiave letteraria di questa condizione è affidata alle sorti del protagonista del romanzo, il ventottenne Dwight che, come snocciola la quarta di copertina, ha "una buona famiglia alle spalle (i genitori divorziati, un'amata sorella maggiore, Alice) e un lavoro precario e molto insoddisfacente: è laureato in filosofia, ma risponde all'Help Desk di un colosso farmaceutico". Il nostro Dwight è affetto fin dalla più tenera età da una cronica incapacità di prendere decisioni: "al pranzo del Giorno del Ringraziamento restava bloccato con le posate in aria perchè non sapeva da cosa cominciare"; "dal tacchino, dal ripieno o dalla salsa di mirtilli"? La sua catarsi in età matura è rappresentata da una monetina che utilizza per cercare di orientarsi nel labirinto di scelte imposte dall'esistenza. Quando si accorge che è diventato necessario trovare una soluzione "definitiva" per sottrarsi alla "malattia" che gli condiziona la vita, ecco presentarsi su un piatto d'argento, sotto forma di pasticca, un farmaco sperimentale, l'Abulinex, il rimedio alle sue pene. Fornitagli da un coinquilino studente di medicina, il miracoloso farmaco promette di "guarire dalla sindrome di indecisione cronica" e renderlo finalmente una persona "completa". Gli effetti dell'assunzione sembrano essere incoraggianti: il giovanotto si trova d'impulso catapultato in un viaggio verso l'Ecuador, alla ricerca della sua "compagna di liceo più bella e ammirata", Natasha. Poco importa che le cose non vadano esattamente come aveva preventivato...

Con un tantino di superficialità, alcuni opinionisti letterari hanno scomodato pietre miliari del romanzo di formazione, come addirittura Il giovane Holden, per definire questa opera prima di Benjamin Kunkel: la realtà diremmo, è molto più prosaica. Poche le idee, poche le novità, scarsa la struttura. Il romanzo appare come un tentativo del suo autore di conquistarsi un facile plauso da parte di lettori distratti, senza rischiare molto. Non convince la teoria, anch'essa superficiale, della "Generazione No Decision", nè i rapporti tra i personaggi emergono mai da una generale sensazione di "posticcio", da un'apparenza deteriore da telefilm "made in USA". Non è questa la nuova generazione di autori americani che possa rivitalizzare la letteratura statunitense.

KUNKEL BENJAMIN
INDECISION
Editore: RIZZOLI
Pubblicazione: 02/2007
Numero di pagine: 328
Prezzo: € 8,60
EAN: 9788817014809