\\ Home Page : Articolo : Stampa
L'arpa d'erba - Truman Capote
Di Francesca Cingoli (del 11/06/2007 @ 07:10:34, in Libri di narrativa, linkato 13994 volte)
Un Capote adolescente, sensibile e solitario, parla dalle pagine de L’arpa d’erba, raccontando un episodio della sua vita: quando, orfano di madre, viene affidato a due sorelle zitelle, Verena e Dolly Talbo, in una grande casa sconquassata nella provincia americana. Siamo negli anni 40.
Dolly, che ama i dolci e si circonda di oggetti rosa, raccoglie erbe nel bosco e produce un farmaco contro la idropisia, con una ricetta segreta, memoria di un incontro con tre zingare: la sorella, alta, magra, arcigna e androgina, un po’ gelosa, vuole prendere in gestione l’attività, industrializzandola e sottraendola a Dolly.
Ne nasce una lite tra sorelle, il genere di lite che solo tra sorelle può degenerare fino alla spaccatura. In gioco c’è l’affermazione della propria personalità e della libertà.
E allora la fuga di Dolly, cappello di velluto e veletta “come quando si parte”, seguita dal giovane Capote. Con loro l’amica Catherine, che parla un linguaggio confuso, perché senza denti, unita a Dolly (Dollycara) da un amore totale. Hanno dolci, pollo, uvaspina e un mazzo di carte. Ma dove andare?
Li accoglie una casa sul sicomoro, un nido di innocenza e di sogno, dove combattere i prepotenti, immaginare un amore per Dolly – con il vecchio giudice Cool, personaggio struggente, saggio e poetico – e annusare gli odori del bosco.
Li raggiunge il giovane Riley Henderson, coetaneo di Capote, violento, un po’ smargiasso, cacciatore e donnaiolo, in verità capace di far emergere dolcezza, senso della giustizia e anche qualche sprazzo di sentimentalismo.
In molti li osteggiano, con brutalità e volgarità, incapaci di leggere l’umanità del piccolo gesto di protesta e libertà: altri li aiutano e sono personaggi caldi, veri e intensi, come la fornaia County, un donnone che regala abbracci bianchi e profumati di farina. Nel bosco risuona anche la dolcezza del suono di un violino, suonato per gli amici del sicomoro da Maude Riordan, la ragazzina segretamente amata da Capote, grandi occhi neri e capelli biondo platino, pallidi “come il mattino”.
Un racconto agreste, di nostalgia provinciale, delicato e umanissimo, che, attraverso la penna ironica di Capote, si illumina di tratti indimenticabili, efficaci perché vividi e sorprendentemente reali pur nell’atmosfera quasi fiabesca del bosco e dei suoi improbabili abitanti.
Dalla casa di legno sul sicomoro, L’arpa d’erba si nutre di dissapori familiari, amicizie e gelosie, amori e meschinità, giovani tradimenti e vecchie prepotenze. Sullo sfondo la collina e i campi di saggina, battuti dai venti dell’autunno che evocano il sapore di una musica umana, un’arpa di voci….”Senti? E’ l’arpa d’erba che racconta qualche storia. Conosce la storia di tutta la gente della collina, di tutta la gente che è vissuta, e quando saremo morti racconterà anche la nostra”. Basta saper ascoltare.

CAPOTE TRUMAN
ARPA D'ERBA (L')
GARZANTI LIBRI
Prezzo: € 5,90