\\ Home Page : Articolo : Stampa
Arte in bianconero - Fausto Donnini
Di Nino Romeo (del 18/03/2007 @ 10:02:46, in Eventi e Mostre, linkato 4975 volte)
Mostra Fotografica

ARTE IN BIANCONERO

Dal 19 marzo al 14 aprile 2007


Inaugurazione lunedi 19 marzo ore 17.30

Come ogni vero fotografo amante del bianconero, Fausto Donnini ama il paesaggio. E’ un esito inevitabile per chiunque abbia visto anche solo una volta nella vita di che cosa sono stati capaci Ansel Adams ed Edward Weston che sapevano catturare la luce per trasferirla in immagini di una bellezza spettacolare.

Arte in bianconero - fausto Donnini
Ma, come ogni vero fotografo amante del bianconero, Fausto Donnini non ha mai tentato di imitare i grandi del passato, semmai li ha studiati, li ha analizzati e poi ha scelto la sua strada dove il paesaggio occupa sì un ruolo importante – e non potrebbe essere altrimenti per un toscano davanti ai cui occhi si stendono visioni di così grande fascino – ma non esclusivo. Lo dimostra questa mostra caratterizzata da un ritmo che alterna l’attenzione ai particolari allo sguardo d’assieme, segue l’andamento delle strade cittadine magari accompagnando il passo di una figura che sembra incastonata sotto gli archi di Santa Maria Novella, si allarga nelle piazze contornate dalle sagome scure degli alberi ma poi scende lentamente verso le valli e le colline dove si alternano i campi coltivati in piacevoli geometrie.

Fausto Donnini ama i richiami vagamente surreali che talvolta evocano momenti ironici – il confronto, in una strada, fra i passanti e i manichini della vetrina davanti a cui si trovano – ma più spesso si velano di melanconia come nella bellissima immagine di un deposito dove giacciono abbandonate delle statue che sembrano gioire della lama di luce proveniente dall’esterno. Quando concentra l’attenzione sui particolari, il fotografo toscano evoca la pietra dell’abbeveratoio, il marmo della torre, il legno di una porta, il ferro del trapano di un’officina, il sasso che un anonimo costruttore ha posato con geometrica sapienza. Ma quando torna ai paesaggi, Donnini sa di poter evocare la poesia: la trova nelle sagome di alberi che sembrano far capolino fra una collina e l’altra, la trasferisce nello stupore che ci coglie davanti a una chiesa abbandonata dal tetto scoperchiato, la fa trionfare infine nella fotografia di un lago. Qui tutto è giocato sui temi dell’armonia con il gregge di pecore che sottolinea la curvatura della riva e una nuvola alta nel cielo che non trova di meglio che rispecchiarsi su quelle acque.

Roberto Mutti