Immagine
 Canada... di Matteo Ulrico Hoepli
 
"
Alcuni libri devono essere assaggiati, altri trangugiati, e alcuni, rari, masticati e digeriti

Francis Bacon
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Francesca Cingoli (del 12/03/2007 @ 07:39:34, in Libri di narrativa, linkato 11753 volte)
Come molti lettori, sono caduta vittima della Wilson-mania dopo aver letto Eureka Street, e ho cercato e acquistato Il dolore di Manfred sull’onda di quell’entusiasmo: per la seconda volta la scrittura di Robert McLiam Wilson mi ha sorpreso, commosso e conquistato.
Perché Il dolore di Manfred - Robert McLiam Wilson è bellissimo, doloroso, e intenso: un libro che ti entra nel profondo del cuore, destinato a restarci per lungo tempo.
Manfred è anziano e malato: un dolore forte e tenace si è accampato nelle sue viscere. E’ un dolore contro cui Manfred non vuole combattere, anzi, un dolore che Manfred coltiva con morbosa attenzione.
Perché in quella sofferenza vede la speranza della sua fine: Manfred è un uomo senza pace e senza redenzione, incapace di assolvere se stesso e i propri errori. Manfred vuole morire: la sua è una pena intima, profonda, e senza soluzione, segnata dal senso di colpa e dal rimorso.
Il suo dolore – quello più implacabile, il dolore della sua mente – si nutre del passato e degli errori fatti, del dolore provocato alla moglie Emma, per troppo amore e gelosia.
Un passato, quello di Manfred ed Emma, ebrei, che è fatto di sofferenza e di privazioni, di guerra e olocausto, che ha segnato le loro vite e le loro emozioni.
Manfred ed Emma si sono separati, e da vent’anni si incontrano una volta al mese su una panchina del parco. A Manfred non è mai concesso di guardare il volto di Emma.
Sarà la narrazione, che ripercorre il loro rapporto a svelare, dolorosamente, il perché di questo rituale patetico e triste, in un continuo intreccio di passato e presente, di dolori fisici e interiori, di passioni e soprusi.
Il dolore di Manfred è un romanzo triste, carico di pietà e di emozione: un racconto di grande maturità, nel quale il sentimento dell’amore è analizzato nelle sue morbosità e nel suo autodistruttivo desiderio di possesso, ma anche nella sua dolce e misteriosa eternità. E’ in questa capacità acuta e sottile di indagare e comprendere l’anima e la fragilità umana che ho ritrovato il Robert McLiam Wilson di Eureka Street.
L’ho iniziato una domenica mattina continuando a leggere tutto il giorno, incapace di smettere, finché non l’ho terminato. Pentendomi poi perché non ce n’era più….
Inaspettato e commovente.

Libro:

Autore: MCLIAM WILSON ROBERT
titolo: DOLORE DI MANFRED (IL)
Editore: FAZI


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Nino Romeo (del 09/03/2007 @ 09:17:48, in Eventi e Mostre, linkato 3496 volte)
NATURALMENTE ARTIFICIALE - ANDREA GRIMOLDI

Naturalmente artificiale - Andrea grimoldi

Testo critico di Matteo Galbiati

Inuagurazione Martedì 13 Marzo, ore 18
Spazio Espositivo Hoepli secondopiano
12-17 Marzo 2007

Utilizzo fotografie di grande formato per riflettere sull’atavico, e contemporaneo, concetto di Natura.

Un concetto che si sta facendo via via più scottante ed ingestibile, ma che spesso ci giunge agli occhi solo attraverso prospettive già a tal punto profondamente manipolate dall'uomo da sembrare, nella loro quotidiana (e solo apparente) perfezione formale, assolutamente naturali.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Laura Di Donato (del 08/03/2007 @ 07:34:25, in Libri di narrativa, linkato 14557 volte)
Andrea Camilleri, dopo molti anni di assenza, si reca a Siracusa in occasione della rappresentazione di una tragedia classica. Mentre sta seduto sui gradoni del teatro greco, uno sconosciuto dalla faccia da delinquente e dall’odore non particolarmente apprezzabile gli infila nel taschino un foglio, con un numero di telefono. A questo numero, da tassative indicazioni, Camilleri telefona da una cabina pubblica…
Dalla cabina telefonica in poi, Camilleri si trova coinvolto in una storia che, nonostante sia solo il contorno del vero contenuto del libro, già di per sé è interessante: il numero di telefono non ha proprietario, e il non-proprietario fornisce allo scrittore le indicazioni per un misterioso incontro, che avviene in un casale sperduto nella campagna ai piedi dell’Etna.
Il colore del sole - Andrea CamilleriDurante il soggiorno in questo casale l’ospite misterioso svela la ragione del suo invito: appassionata lettrice dei romanzi di Camilleri, sua moglie, recentemente scomparsa per una malattia, chiede che allo scrittore, i cui libri hanno alleviato i tanti momenti di sofferenza, sia data la possibilità di leggere, e di fare di questa lettura ciò che preferisce, alcuni scritti inediti di Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, che risalgono all’estate del 1607, passata tra Malta (dove Caravaggio si trovava per sfuggire ad una condanna) e la Sicilia.
Il poco tempo a disposizione di Camilleri e l’impossibilità di portar con sé il manoscritto, lo portano alla decisione di trascrivere una parte di questi scritti, volta a raccontare, più che l’aspetto puramente biografico, gli incubi di un uomo ormai perennemente in fuga da chi lo vuol catturare, dai propri incubi (un cane che lo insegue per sbranarlo), e dalle proprie osessioni (il sole nero, che gli impedisce di distinguere i colori, coprendo tutto di una coltre scura).
Il ricorso ad una presunta trascrizione, l’eterogeneità dei contenuti (tra narrazione di eventi reali e trascrizione dei suoi incubi), rende bene l’idea della fluttuazione di Caravaggio tra la realtà e l’incubo.
La narrazione si dipana così, con l’intreccio di due storie: la supposta trascrizione dei diari del Caravaggio, e il mistero intorno a quanto vissuto da Camilleri per il ritrovamento di questi scritti.
Si tratta di un divertissement dell’autore, che gioca tanto con il mistero di un diario ritrovato, quanto con la lingua del Seicento. Non è sicuramente il Camilleri da leggere per primo, o per conoscere lo stile di questo scrittore, e non è, senz’altro, un modo per conoscere il Caravaggio.
È semplicemente un libro piacevole e ben costruito, che si riallaccia alla capacità di Camilleri di calarsi in un’analisi storica e civile molto precisa, che già ha avuto modo di essere apprezzata in romanzi quali IL RE DI GIRGENTI, PRIVO DI TITOLO, LA BOLLA DI COMPONENDA, IL BIRRAIO DI PRESTON, LA CONCESSIONE DEL TELEFONO, e altri ancora.

Libro:

Autore: CAMILLERI ANDREA
Titolo: COLORE DEL SOLE (IL)
Editore: MONDADORI
Pubblicazione: 02/2007
Numero di pagine: 122
Prezzo: € 14,00
Prezzo NicePrice: € 9,80
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 07/03/2007 @ 08:33:28, in Eventi e Mostre, linkato 5952 volte)
Due - Andrea PezziMercoledì 7 marzo 2007, ore 18.00
Presso la sala confereze della Libreria Hoepli

DUE
storie di coppie, di sodalizi, partnership e sfide ifinite raccolte e commentate da Direct Line.


Se vuoi saperne di più sul significato di fare business in DUE e capire cosa c'entra tutto ciò con il Cricket, il Gin &Tonic, Valentina e Guido Crepax.


In quali occasioni e in che modo Due aziende decidono di mettere in comune alcuni tra i loro valori più preziosi per fare business in Due? Questo volume offre lo spaccato di una modalità di operare sui mercati dal potenziale dirompente, attraverso la testimonianza diretta di un protagonista che ha deciso di condividere la sua esperienza con coloro che si sono trovati o si potrebbero trovare un giorno a lavorare con un'altra impresa aprtner al proprio fianco.

Intervengono:

Fausto Lupetti, editore
Andrea Pezzi, Direttore generale Direct Line
Giampaolo Fabris, Ordinario di Sociologia dei Consumi e Presidente del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università San Raffaele.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Vittoria Savegnago (del 06/03/2007 @ 07:44:11, in Libri di giardinaggio, linkato 18860 volte)
Con l’avvicinarsi della primavera in tutti gli amanti del verde risorge la passione sopita durante l’inverno di rimettere le mani nel terreno e quale miglior inizio se non quello di ridare colore magari ad un angolo del nostro terrazzo o al davanzale di una nostra finestra.
Che ne dite quindi di una semplice ma colorata composizione di viole del pensiero?
Di facile reperibilità e di costi contenuti, la viola del pensiero non necessita di particolari attenzioni.
Il suo nome botanico è viola wittrockiana ed appartiene alla famiglia delle violacee di cui esistono molte varietà, ma i due gruppi più comuni sono le violette (viola cornuta) e le viole del pensiero.
Sono piante erbacee e perenni (nel senso che sono autoseminanti, ossia germogliano più volte spontaneamente emettendo semi che vengono trasmessi dal vento).
Le piantine possono raggiungere i 20 cm di altezza. Le foglie hanno forme molto varie, di colore verde scuro e leggermente brillanti, mentre i fiori hanno quattro petali, sovrapposti a due a due, con un’enorme varietà di colori.
La viola del pensiero fiorisce alla fine dell’autunno (meglio se le invasate in questo periodo, in questo modo a primavera la pianta risulterà più fiorifera e già ben sviluppata) o in primavera.
Preferiscono una posizione soleggiata o in penombra, ma non devono essere collocate al sole estivo diretto. Attenzione al colpo di secco, soprattutto durante la fioritura, ma comunque annaffiare con moderazione. La viola pur tollerando l’umidità hanno bisogno di un terreno permeabile, fertile e umido, con un buon drenaggio, perché non tollerano i ristagni d’acqua (io consiglio sempre, ove possibile, l’eliminazione dei sottovasi, fonte di ristagni e malattie fungine).
Necessitano quindi di un buon substrato (terreno) ed essendo la fonte di alimento, la sua scelta risulta essere fondamentale. Di solito i preparati in commercio sono una miscela a base di torba, fertilizzante e altri materiali che migliorano il drenaggio.
Come mantenerla al meglio? Concimare con concime liquido, con alta percentuale di potassio e fosforo ogni due settimane, eliminare i fiori avvizziti e prestare attenzione a muffa grigia, oidio ed afidi. Ricordarsi che i fiori non devono essere bagnati direttamente.

Lo sapevate che:
Florario - Alfredo CattabianiNel linguaggio dei fiori ottocentesco, la viola del pensiero voleva dire “penso sempre a te, tu pensa a me”.
Chiamata dai francesi pensée, divenne nel “Sogno di una notte di mezza estate” di Shakespeare la chiave di tutta la commedia. E’ un fiore che propizia l’amore, come spiega Oberon raccontando che una freccia di Cupido cadde un giorno sulla viola del pensiero.
Usata come infuso o in decotto è diuretica e leggermente lassativa. Cura inoltre acne, eczemi, foruncoli e psoriasi e previene la crosta lattea.
Da Florario, miti e leggende di fiori e piante. Alfredo Cattabiani, Oscar Mondatori, 1996.


Libri:

AA.VV.
GIARDINO SUL BALCONE (IL)
Editore: FABBRI EDITORE
Pubblicazione: 10/2006
Prezzo: € 9,90


MARINONI C. M. (CUR.)
GARDENIA. IL GRANDE MANUALE DI GIARDINAGGIO
MESE PER MESE IN CASA, GIARDINO, ORTO. 2500 ILLUSTRAZIONI, 2000 CONSIGLI PRATICI
Editore: CAIRO PUBLISHING
Pubblicazione: 10/2006
Prezzo: € 36,00


DUFOUR NANNELLI INNA
VIOLE
Editore: IDEA BOOKS - IDEARTE
Pubblicazione: 05/2006
Prezzo: € 18,00


TANTARDINI ANDREA
MIE VIOLE E PRIMULE (LE)
LA SCELTA E LA CURA
Editore: DE VECCHI
Pubblicazione: 12/2005
Prezzo: € 7,90
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 05/03/2007 @ 07:39:45, in Libri di narrativa, linkato 13700 volte)
Ultima India - Sandra PertignaniUltima India è il reportage di un viaggio, ed è insieme anche il diario interiore dell’autrice, la testimonianza della sua riflessione sul senso più intimo della spiritualità e della saggezza.
Sandra Petrignani
è andata in India nel 1994, per conoscere l’ultima India. «Ultima», perché anch’essa sta scomparendo, destinata ad essere fagocitata dall’occidente, omologata dal turismo, e privata per sempre della sua identità. «Triste, solitario y final»: il paese dell’anima, l’India, dove il divino convive con l’uomo, appare in questo breve libro consacrato alla sua realtà multiforme.
Sandra Petrignani non ci passa un’immagine unica e stereotipata dell’India suggestiva e turistica, ma ci fa parte delle contraddizioni di un paese, nel quale la bellezza è intrisa di miseria e tragedia, e la vita respira l’odore e la cenere dei morti bruciati nelle strade di Benares. Immagini atroci e delicatissime si susseguono in questo diario. Accompagnata dalla guida Ayyappam, che ripete due volte ogni parola, con il sorriso disarmante della semplicità, l’autrice visita templi, città, scuole, luoghi sacri sperduti nel nulla. Ogni visita è un incontro, uno scambio, e un tentativo di dare risposte a domande troppo grandi, nella ricerca di un nuovo senso della propria umanità.
Sono tanti gli incontri, sia con indiani sia con occidentali: ognuno di essi è un momento di confronto, nel quale l’autrice mette a nudo il suo bisogno di capire. L’accompagnano anche le sue riflessioni letterarie, attraverso ricordi e citazioni nei quali si susseguono Moravia, Calvino, Tabucchi, Chatwin e Simone Weil. Sono tante le domande, ma la risposta che l’India concede è una sola: «Non cercate di capire, affidatevi. E’ il consiglio di tutti i santi».
E’ questa capacità, unica e indecifrabile per l’occidente, di abbandonarsi al divino, alla spiritualità, che insegna a vivere nel sacro. Liberarsi dell’occidente, e perdersi nelle contraddizioni di un paese intriso di spiritualità, dove gli dei danzano, e dove si piantano alberi invece che chiese, perché il sacro convive con la natura e la vita: così anche un villaggio povero, apparentemente privo di attrattive, può essere un tempio alla divinità, un luogo di devozione e incontro con dio.
«Affidatevi»: Ultima India ci regala questo messaggio che non è proprietà di nessuna religione e di nessun popolo, ma può appartenere ad ogni uomo.

Libro:

Autore: PETRIGNANI SANDRA
Titolo: ULTIMA INDIA
Editore: NERI POZZA
Prezzo: € 14,50
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Giovedì 8 marzo alle ore 17.00
sala conferenze

Claudio Marra incontra il pubblico per la presentazione dei libri

Francesca Alinovi / Claudio Marra, La fotografia. Illusione o rivelazione?, Bologna, Editrice Quinlan, 2006 (1ª edizione Bologna, Il Mulino, 1981)


Claudio Marra, L'immagine infedele. La falsa rivoluzione della fotografia digitale, Milano Bruno Mondadori, 2006


L'immagine infedele - Claudio marraNel primo di questi volumi, ormai un classico della riflessione teorica sulla fotografia in Italia, fino a poco tempo fa introvabile e ora riedito con una nuova introduzione di Renato Barilli che ne pone in risalto l'attualità, i due ampi saggi di Francesca Alinovi e di Claudio Marra indagano la duplice identità culturale dell'immagine fotografica come illusione e come rivelazione della realtà, attraverso una densa serie di riferimenti alle esperienze artistiche che, dall'Ottocento alle avanguardie storiche e alle nuove avanguardie degli anni Sessanta-Settanta del Novecento, hanno contribuito a costruire lo spessore estetico e teorico dell'immagine fotografica.


Nel secondo volume Claudio Marra, a venticinque anni dalle pagine anticipatrici del primo e dopo una ricca elaborazione saggistica e didattica, con lo stesso intreccio fra l'attenzione alle pratiche artistiche e sociali e la consapevolezza dell'identità tecnico-culturale della fotografia, affronta e discute, fuori da ogni ossequio conformistico ai luoghi comuni, la querelle sulla presunta rivoluzione determinata dall'immagine digitale. La posizione che egli approfonditamente argomenta "non è contro il digitale come nuova forma tecnologica, ma certo è contro una particolare interpretazione che si sta proponendo di questo sistema", cioè "soprattutto [...] la totale svalutazione della filosofia del fotografico a derivazione analogica rispetto a quella prodotta dal digitale".

Al dialogo con l'autore parteciperà Roberto Signorini.


Coordinatore:

Nino Romeo
Libreria Internazionale Ulrico Hoepli S.p.A.
Reparto Arti Visive - Settore Fotografia
Via Hoepli 5, 20121 Milano

Tel. +39-0286487.208 Fax +3902804791
E-mail n.romeo@hoepli.it  - www.hoepli.it
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Nino Romeo (del 01/03/2007 @ 14:55:36, in Eventi e Mostre, linkato 10334 volte)
Il 5 marzo si inaugura presso lo spazio espositivo secondopiano la mostra:

Acqua, Carta, Inchiostro...
Suminagashi dall'estremo Oriente a Milano.
di Camilla Monteleone

E' un'arte, una tecnica decorativa, un modo per meditare, anche un gioco, ma la leggenda racconta che all'origine fu un dono degli dei agli uomini.

La parola è formata da “Sumi” che significa inchiostro e “nagashi” che si può tradurre con i verbi galleggiare, correre via, fluttuare nell'acqua e insieme all'acqua.

Nel Suminagashi si usano gli stessi strumenti della calligrafia i famosi 4 tesori: “sumi” il bastoncino di inchiostro, “suzuri” la pietra, “hude” il pennello e “kami” la carta.

Nel Suminagashi si disegna sull'acqua e quando il disegno è pronto si raccoglie con un foglio di carta; le linee morbide e sinuose ma anche spezzate e irregolari dei disegni suminagashi evocano facilmente gli elementi della natura amati da sempre dalla cultura orientale.

Riconoscere dei cerchi dell'inchiostro mari in tempeste o paesaggi rocciosi diventano così un gioco di società fra gli artisti e gli intellettuali ma soprattutto, intorno al 1700, entra a far parte delle pratiche adottate dai monaci zen.

L'essenzialità di materiali, le poche e semplici regole, il silenzio e la concentrazione

Che spontaneamente avvolgono chi disegna, la sorpresa gioiosa nel vedere fluttuare l'inchiostro e la magia del foglio di carta che dall'acqua raccoglie la memoria fanno del suminagashi. Una tecnica di meditazione attiva di rara bellezza.

dal 5 al 10 marzo - inaugurazione ore 18.00

Libreria Internazionale Ulrico Hoepli
Reparto Arti Visive - Spazio Espositivo secondopiano
Via Hoepli 5 – 20121 Milano - MM1/MM3 Duomo, San Babila
tel. 02 86487.208 - fax 02 804791
E-mail: grafica.fotografia@hoepli.it - www.hoepli.it
Orario: Luned/sabato 10.00-19.30
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 28/02/2007 @ 09:45:09, in Saggistica, linkato 10182 volte)

Manuale di autodifesa ambientale cittadino - Luca RamacciOggi mercoledì 28 febbraio, ore 17,30
presso la Libreria Internazionale Hoepli presentazione del volume:

MANUALE DI AUTODIFESA AMBIENTALE DEL CITTADINO
di Luca Ramacci
Con la partecipazione di
Damiano Di Simine, Presidente Legambiente Lombardia
Luca Ramacci, Sostituto Procuratore presso la Procura di Tivoli
Yuri Bogogna, Radio Popolare

FRANCO ANGELI
AMBIENTE


Questo non è un testo di diritto e nemmeno una rassegna di leggi o di teorie. È invece uno strumento, un piccolo ausilio per il semplice cittadino che intende difendere il proprio diritto a vivere in un ambiente salubre. Attraverso un'esposizione semplice e diretta, l'autore spiega come si possa agire di fronte a situazioni di pericolo per l'ambiente, come si possa essere utili a chi deve effettuare i controlli e come sollecitarne l'intervento attraverso esposti, denunce, semplici segnalazioni, azioni in sede giudiziaria civile e amministrativa. Diversi gli ambiti affrontati: dall'urbanistica alla difesa del paesaggio e delle aree protette; dalla tutela delle acque alla gestione dei rifiuti e allo smaltimento di sostanze pericolose; dall'inquinamento atmosferico all'elettrosmog; dalla valutazione di impatto ambientale (v.i.a.) ai rischi da incidente rilevante; dall'inquinamento da rumore alla caccia e tutela degli animali. Un'attenzione particolare viene inoltre dedicata a quelle attività "collaterali" che consentono al cittadino di informarsi e di informare, aggiungendo così efficacia alla propria azione di attenta autodifesa ambientale: l'esercizio del diritto di accesso alle informazioni sulla normativa relativa all'ambiente; la redazione di comunicati stampa; l'utilizzazione di Internet; l'organizzazione di manifestazioni intese a sensibilizzare l'opinione pubblica.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 27/02/2007 @ 08:23:21, in Libri di narrativa, linkato 19695 volte)
Quando qualche giorno fa, mentre uscivo dall'ufficio, ho visto nell'area della libreria dove vengono catalogati i libri prima che vengano messi in vendita l'ultimo libro della Vargas ... quasi lo rubavo dalle mani di un collega per la gioia e la fretta che avevo di leggerlo! Come già scritto sono una sua vera fan!
Il suo ultimo romanzo è forse il più bello di quelli che ho letto [ahimè posso solo leggere quelli tradotti in italiano se potessi leggere in francese, avrei di che soddisfare la mia "voglia" di Vargas...] anche se è veramente difficile sciegliere il preferito o il migliore tra libri che ti sono piaciuti così tanto!

Unica nota di rammarico è la quasi totale assenza dei mitici Evangelisti che mi sono un po' mancati!

Nel risvolto di copertina si dice:

Nei boschi eterni - Fred VargasUna scrittura asciutta e tersa come un cristallo; un intreccio diabolicamente perfetto; una Francia esoterica, di oscure, vivissime credenze. Un romanzo dolente e insieme ironico, il piú inquietante e noir di Fred Vargas, in cui ogni elemento ne richiama un altro in una catena di suggestioni e di echi in cui nulla smarrisce mai la propria ragione d'essere.

Il fantasma di una monaca del Settecento che sgozzava le sue vittime non fa paura al commissario Adamsberg, ma tutto il resto sí. Da un momento all'altro sprofonda in un mondo che sembra tornato al Medioevo, dove si straziano i cervi dei boschi normanni, si profanano cadaveri di vergini per estrarne misteriose sostanze, e le pozioni magiche assicurano la vita eterna, a costo di orrendi delitti. Mentre un rivale che arriva dal piú lontano passato, e che parla in versi, gli vuole rubare tutto. Un puzzle inestricabile, fatto apposta per far smarrire la ragione a chiunque. Ma non a uno «spalatore di nuvole», come Adamsberg. Anche se, ancora piú delle altre volte, arrivare alla verità vorrà dire riuscire a strapparsi un pezzo di cuore...

All'origine del «caso Vargas» in Francia, dove i suoi romanzi raggiungono regolarmente il vertice delle classifiche (e Nei boschi eterni ha superato tutti gli altri per numero di copie vendute), ci sono lo stile ironico e incisivo, la capacità di prendere per mano il lettore fino alla rivelazione finale, e l'accuratezza nei dettagli piú sorprendenti, che le viene dalla passione medievalista e dalla professione di zooarcheologa. Da qui il gusto per la détection, per le impronte, le tracce, le piccole cose senza importanza che permettono di dedurre, per una qualche «associazione di idee», la soluzione di un caso. E c'è naturalmente la simpatia con cui è ritratto il mondo dell'Anticrimine parigina del commissario Jean-Baptiste Adamsberg - uno «spalatore di nuvole», uno che preferisce procedere a zigzag e aspettare le soluzioni, invece di cercarle - e dei comprimari. Cioè il suo vice, il coltissimo, iperrazionalista e pieno di complessi comandante Danglard; la titanica amazzone Violette Retancourt, tenente, capace di «indirizzare l'energia come vuole»; Camille, la molto autonoma compagna della vita, che in questo romanzo vediamo separata di fatto da Adamsberg, ma madre di suo figlio Thomas, di nove mesi, cui il commissario propina indimenticabili suggerimenti educativi...

Libro:

Autore: VARGAS FRED
Titolo: NEI BOSCHI ETERNI
Editore: EINAUDI
Prezzo: € 15,80
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35
Ci sono 31 persone collegate

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Autori (1)
Biografie (1)
Colleghi (2)
Contributi dei lettori (1)
Cool Books (1)
DVD e Film (4)
Eventi (1)
Eventi e Mostre (26)
Gialli e Noir (5)
Guide turistiche e viaggi (5)
Libri di architettura e design (6)
Libri di Arte (7)
Libri di climatologia (1)
Libri di cucina (4)
Libri di diritto e fisco (1)
Libri di economia e marketing (14)
Libri di fotografia (4)
Libri di giardinaggio (5)
Libri di grafica (5)
Libri di informatica (4)
Libri di moda (1)
Libri di musica (3)
Libri di narrativa (183)
Libri di narrativar (1)
Libri di Sport (3)
Libri di Storia (5)
Libri per bambini (6)
Manuali HOEPLI (1)
News (20)
Para-Libri (1)
Poesia (5)
Recensioni dai nostri lettori (2)
Recensioni ed Articoli (2)
Saggistica (14)
Solidarietà (1)
Teatro (1)

Catalogati per mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Defining and analyzi...
04/02/2014 @ 10:47:53
Di Casino betting
Rökning är den främs...
04/02/2014 @ 08:16:47
Di www.lauras.se
A physicist is an at...
04/02/2014 @ 07:47:31
Di Synthroid +armour+equivalent

Titolo
Hoepli (10)
Viaggiando (17)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Abbastanza
 Per niente
 E' imprescindibile!

Titolo
HOEPLI S.p.A.

Sede Legale:
Milano (MI)
Via Hoepli, 5 CAP 20121
Telefono: 02 864871

Iscrizione registro imprese:
00722360153 del registro delle imprese di Milano

Capitale sociale in euro:
Deliberato: 4.000.000,00
Sottoscritto: 4.000.000,00
Versato: 4.000.000,00




15/12/2018 @ 15:39:57
script eseguito in 125 ms


Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

X