Immagine
 libri... di Admin
 
"
Il mondo è fatto per finire in un bel libro.

Stéphan Mallarmé
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Valeria Surico (del 13/04/2007 @ 08:55:45, in News, linkato 2271 volte)

E' scomparso Kurt Vonnegut, spesso paragonato a Mark Twain, si è caratterizzato per la sua prosa semplice e diretta. Vi proponiamo il suo più celebre libro Mattatoio n. 5 , opera largamente autobiografica in cui affronta lo spettro del suo ricordo del terribile bombardamento di Dresda e la sua ultima fatica letteraria Un uomo senza patria.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Nino Romeo (del 12/04/2007 @ 07:30:01, in Eventi e Mostre, linkato 7197 volte)


EVENTO FUORISALONE

Salone del Mobile di Milano 2007

c/o

LIBRERIA INTERNAZIONALE ULRICO HOEPLI
Spazio Espositivo "Secondopiano"
VIA ULRICO HOEPLI 5
MILANO
Tel 02 86487208

dal 17 al 28 aprile 2007
orario 10:00/19:30


C'ERA UNA VOLTA ... UNA PRINCIPESSA
Una serie di oggetti luminosi ideati da Gumdesign per Lucedentro Srl.
Una collezione di gioielli per bambine ... e non solo!
Rivisitazione di gioielli da favola con un nuovo, contemporaneo,
luminoso materiale.
Un nuovo modo per sentirsi le nuove principesse del XXI secolo ...

Il materiale:
Il pvc fotoluminescente "Lucedentro" trae le sue interessanti
caratteristiche luminose dai particolari pigmenti di origine minerale
di ultime generazione inglobati al suo interno. Questi particolari
pigmenti oltre a possedere una scheda tecnica invidiabile, priva di
ogni tipo di radiazione nociva e tossicità, sono già certificati in
europa ed u.s.a. per molteplici usi.
Lucedentro oltre a distribuire in esclusiva la materia prima in diverse
nature, ha sviluppato con successo una serie molto interessante di
nuove applicazioni pronte per il mondo dell'architettura e
dell'interior design. Queste nuove applicazioni sono tutte legate ai
concetti di risparmio energetico, ecocompatibilità e sostenibilità.
Inoltre sono tutte state progettate in collaborazione con
professionisti ed industrie di rilievo internazionale in grado di
imprimere quei plus che contraddistinguono la creatività italiana nel
mondo.



concept e progetto
GUMDESIGN - Via Michele Coppino, n. 69 - Viareggio (Lu) - Tel 0584
387555 - www.gumdesign.it

azienda
LUCEDENTRO - Via Ragazzi del 99, n. 5 - Casinablbo (Mo) - Tel 059
550501 - www.lucedentro.com
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Sabrina Albani (del 11/04/2007 @ 07:02:44, in Libri di narrativa, linkato 3306 volte)
Tel kedar, cittadina sperduta nel deserto, anonima e ordinaria.
Un posto tranquillo, dove tutti sanno tutto di tutti e non accade mai nulla di fuori dall'ordinario.
E' qui che vivono Noa e Theo. Una giovane donna ed un uomo maturo che si sono incontrati in un viaggio in un paese lontano e si sono uniti in un legame profondo ma prudente, ove nessuno osa sconfinare oltre ciò che l'altro si illude di poter tenere per sè con un timido riserbo, anche se l'altro è un libro aperto già completamente svelato.
Una vita che scorre sui binari dell'ordinario viene colpita all'improvviso da un evento fuori dal comune.
Immanuel Orvieto, un ragazzo che frequenta la classe ove insegna Noa, viene trovato morto. Una morte legata al mondo della droga da cui Immanuel si era lasciato soggiogare. Noa, che a malapena ne ricorda il viso, viene convinta dal padre del ragazzo ad aiutarlo a costituire una casa di accoglienza per ex toossici in memoria del figlio.
Forse si sta facendo un po' troppo chiasso per l'ordinaria cittadina di Tel Kedar.
Noa accetta più perchè si sente in debito nei confronti di Immanuel, di cui aveva capito così poco, che per reale convinzione.
Theo, che sa benissimo quanto odioso sarà per Tel Kedar e la sua ordinaria routine un proposito del genere, non abbandona mai Noa, benchè non approvi e lei non gli abbia nemmeno chiesto un parere.
Nonostante ciò, con la pazienza di chi sa tenersi in disparte ad osservare, Theo si prenderà carico di questa faccenda di cui Noa ad un certo punto parrà disinteressarsi del tutto.
Senza che lei gli chieda aiuto e senza che lui le faccia notare quanto da sempre la stia aiutando.
L'epilogo di questa storia vedrà un modo meno sconvolgente per ricordare Immanuel Orvieto.
Semplicemente una scuola intitolata alla sua memoria.
Tante incomprensioni, silenzi e lavoro per nulla dunque?
No. Quel che si ricava è una grande certezza. Un amore profondo non si tira indietro nemmeno davanti a ciò che non capisce e condivide. E l'altra faccia di questo amore è la forza di abbandonarsi totalmente all'altro quando si comprende che essere inermi davanti alla persona amata è l'atto più coraggioso di cui si possa essere capaci.

Autore:OZ AMOS
Titolo: NON DIRE NOTTE
Editore: FELTRINELLI
Prezzo: € 15,00
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 10/04/2007 @ 07:14:26, in Libri di economia e marketing, linkato 7938 volte)

Un mondo in banda larga - C.M. GuerciGiovedì 12 aprile, ore 17,00
presso la Libreria internazionale Ulrico Hoepli presentazione del libro:

UN MONDO IN BANDA LARGA
Lo sviluppo delle telecomunicazioni in Europa
Carlo Maria Guerci


Con la partecipazione di
Mario Citelli, Betel
Sergio Luciano, Panorama Economy
Piero De Chiara, Telecom Italia Media
Enzo Pontarollo, Università Cattolica
Stefano Venturi, Cisco Systems Italy

Il libro analizza l'evoluzione delle telecomunicazioni nei cinque più grandi mercati europei dal 1998 a oggi, e le prospettive del settore nel medio e lungo termine. Il decollo della banda larga, lo sviluppo della telefonia mobile, l'avvento delle nuove tecnologie di accesso (Wi-Fi e WiMax) e relative alla voce (VoIP), la concorrenza tra reti fisse e mobili, le strategie degli ex monopolisti, i cicli di acquisizioni e fusioni, sono tra gli argomenti centrali di questo lavoro. Le dinamiche tecnologiche, gli sviluppi della regolamentazione, la comparsa di nuovi concorrenti, l'incontro tra Information technology, telecomunicazioni e media, la creazione di nuovi servizi e contenuti aprono affascinanti scenari e trasformano l'industria. Il fenomeno della banda larga e i suoi sviluppi dominano il quadro.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Giovanni Leone (del 06/04/2007 @ 07:41:37, in Libri di grafica, linkato 4063 volte)
Su invito di ICOGRADA, l’organizzazione mondiale che riunisce le associazioni del design e promotrice delsocialdesignzine - aiap World Graphics Day per festeggiare il proprio compleanno, l’Aiap torna a celebrare la Giornata mondiale della grafica, che cade ogni anno il 27 aprile, con SocialDesignZine che ospiterà la mostra-online.
Il World Graphics Day è il giorno dedicato ai progettisti grafici e alle loro professioni.
È una giornata di confronto sulle tematiche, le aspettative, le ricerche e sperimentazioni della nostra professione.
È un momento per incontrare e conoscere la riflessione che i grafici di tutto il mondo presentano.
L’Aiap aderisce a questo evento internazionale nella speranza di una maggiore attenzione per la professione e per un arricchimento delle nostre professionalità proponendo temi sulle responsabilità sociali.
Dopo le edizioni del 2001, con più di centoquaranta miniposter e risonanza internazionale, del 2002, nelle edizioni del 2003 e 2004 sono stati affrontate tematiche sociali come l’acqua e il riso legate agli anni internazionali dedicati dall’ONU e dalla FAO che hanno approvato l’iniziativa dell’Aiap.
Quest’anno vogliamo riprendere questa “bella consuetudine” con un tema molto importante:

Bambini (children - niños - meninos - kinder - enfants - ... )
Bambini
Ha scritto una volta Antonio Faeti che l’infanzia è un ossimoro. Tempo della felicità ma anche dell’angoscia,
del gioco ma anche della paura. Bambini nell’età della felicità e nella spensieratezza, amati e rispettati, ma
anche bambini rifiutati. Bambini nel Nord e nel Sud del mondo. Bambini soldato, bambini sotto le bombe,
bambini ‘effetti collaterali’.
Infanzie coccolate e negate. Infanzie violate. Bambini.
L’interpretazione del tema, così come la tecnica utilizzata, dipenderà esclusivamente da voi (fatta salvo
la corrispondenza tassativa alle specifiche tecniche sotto indicate).
Corredate dal nome dell’autore, le immagini saranno in mostra, in rotazione random, sulla home page
di Sdz, nel riquadro che vedete in testa alla seconda colonna, e all’interno delle singole gallerie.
Le immagini possono essere inviate attraverso l’apposito form e devono avere le seguenti caratteristiche:
· 945x945 pixel (12x12 cm a 200 dpi)
· RGB
· JPG (qualità 10) o PNG / 8bit


Buon lavoro!

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 05/04/2007 @ 07:04:43, in Libri di narrativa, linkato 31284 volte)
Un adolescente con una madre fragile e squilibrata, vanesia, e aspirante poetessa, un padre alcolizzato che con il figlio condivide solo il rito della spazzatura serale, una famiglia quasi adottiva al limite della follia: in Correndo con le forbici in mano, Augusten Burroughs racconta la sua iniziazione all’amore e alla vita adulta in un ritratto familiare paradossale di grandissima inventiva e humor nero.
Un’autobiografia esilarante e spudorata, incredibilmente divertente. Perché come recita l’epigrafe che apre il romanzo, Cerca il ridicolo in tutto e lo troverai (Jules Renard).
Augusten è un ragazzino decisamente fuori dal comune: sogna di diventare parrucchiere, e fa esperimenti su chiunque in casa, tiene un diario sul quale registra le elettive affinità e la grande simpatia con l’eroina Brooke Shields, ama i gioielli che lucida con precisione maniacale, e i pantaloni sintetici ma solo se hanno la piega perfettamente stirata.
Ipersensibile, igienista ed esteta, quando i suoi genitori decidono di divorziare, viene affidato dalla madre instabile al suo psichiatra, l’eccentrico ed erotomane dottor Finch.
Così Augusten, in perfetta giacca blu, impeccabile e pettinatissimo, fa il suo ingresso in casa Finch, una malandata villa rosa, e incontra la sua nuova famiglia, estrosa, disordinata, e psicotica.
In questa casa i bambini giocano con l’elettroshock di papà, mentre i grandi vagano tra avanzi di cibo e palline dell’albero di natale anche in piena estate, masticando biscottini per cani, e ogni problema offre l’occasione per consultare gli oracoli religiosi con la pesca alla Bibbia - che aperta a caso dà risposte su tutto – o per riunioni di analisi in bagno di fronte alle profetiche cacche paterne. Augusten si adatterà a tutte le stranezze dei Finch, fingendo anche un suicidio con la complicità del dottore, per marinare la scuola.
Tra eccentrici inquilini, storie d’amore gay, e tinture per capelli, Correndo con le forbici in mano parla della difficile ricerca di se stessi, della costruzione di un equilibrio, sempre e dovunque, della voglia di libertà, e del senso di provvisorietà di chi sta rincorrendo la propria vita cercando di attribuirle un senso. Correndo, con le forbici in mano, e andando avanti.
C’è chi questa corsa riesce a farla adattandosi alle follie della vita, e chi rimane indietro. Augusten Burroughs ha rincorso la sua identità, rischiando e azzardando, e l’ha trovata in una magnifica carriera da scrittore.
Correndo con le forbici in mano è la sua storia: finalmente un romanzo di formazione sfrontato, cinico e divertente.

Autore: BURROUGHS AUGUSTEN
Ttitolo: CORRENDO CON LE FORBICI IN MANO
Editore: ALET EDIZIONI
Prezzo: € 14,00
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Vittoria Savegnago (del 03/04/2007 @ 07:43:01, in Libri di giardinaggio, linkato 23397 volte)
Qualsiasi composizione può essere arricchita da piante con fiori profumati o foglie aromatiche.

Spesso si sottovaluta l’importanza del profumo in un giardino, in quanto la nostra attenzione è prima di tutto rapita dalla molteplicità di colori e forme che possono assumere i fiori, ma è soprattutto nelle calde serate estive, quando ci accostiamo ai nostri spazi verdi, alla ricerca di un po’ di refrigerio, che possiamo renderci conto di quanto anche l’olfatto possa darci soddisfazione.
Basti pensare all’essenza del giacinto (Hyacinthus Orientalis) o del narciso (Narcissus) che entra da una finestra in primavera, o la fragranza del caprifoglio (Lonicera Japonica) che penetra in estate.
Le piante profumate, infatti, regalano il loro fragranza al tramonto o alle prime luci dell’alba, quando il sole non le colpisce. Ovviamente sono solo i fiori gli unici portatori di profumo, in quanto le foglie emanano un certo aroma, ma solo se sfregate con le dita. Esistono piante che hanno un aroma intenso (gardenia, clematis armandii, jasminum officinale, syringa, wisteria), tale da riempire tutto il giardino, ma la maggior parte delle fragranze presenti in natura, richiedono, per poter essere assaporate, luoghi raccolti (rose, dianthus, gigli, gladioli, buddleia), ecco perché la posizione delle piante profumate va scelta con cura, in modo che sia possibile apprezzarle regolarmente e quasi inavvertitamente. Privilegiamo quindi il patio, il davanzale delle finestre e la zona d’ingresso.
Un esempio di composizione profumata per l’ingresso:
posizionare ai lati della porta d’ingresso due vasi del diametro di 50 cm.
Nel contenitore di sinistra collochiamo: Caprifoglio, Gelsomino, Timo al profumo di limone, Daphne odora, Lavanda
Nel contenitore di destra collochiamo: Mahonia Aquifolium, Choysya Ternata, Gelsomino stella, Rosa



Autore: PHILLIPS ROGER; RIX MARTIN
Titolo: ROSE (LE)
Editore: ZANICHELLI
Prezzo:€ 50,00
Nice price: € 45,00

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 02/04/2007 @ 10:47:23, in Libri di narrativa, linkato 14304 volte)
“Tutto comincia con un vecchio giudice che vive in una dimora cadente di Kalimpong, alle falde dell'Himalaya orientale, col suo misero cuoco senza neppure un nome, e una cagnetta, Mutt, che del giudice sembra l'unico amore. Ma questo terzetto in apparenza dimesso diventa, con l'arrivo della nipote del giudice, Sai, l'epicentro di un terremoto narrativo le cui onde si propagano in ogni direzione e raggiungono ogni latitudine: dalla New York degli anni Ottanta, dove il figlio del cuoco lavora in una sfilza di ristoranti mandando al padre notizie sempre più allarmanti sulla sua avventura americana, alla Cambridge d'anteguerra, dove il giudice ha frequentato l'università, all'Unione Sovietica, in cui si è interrotto il sogno astronautico del padre di Sai. E nella stessa Kalimpong, mentre si concretano i presagi della guerra col Nepal, due anziane e un tempo agiate sorelle istruiscono Sai in privato e ci introducono nel club più esclusivo della città, forse il più scalcinato della tradizione britannica.”

Eredi della sconfitta
scritto da Kiran Desai, figlia d’arte – la madre è Anita Desai autrice tra gli altri di Fuoco sulla montagna e Digiunare, divorare – e con questo romanzo la più giovane vincitrice del Broker Prize 2006. Kiran Desai , nata in India e trasferitasi adolescente negli Usa, ripetendo l'itinerario gia' compiuto a suo tempo dalla madre Anita, proprio sui sotterranei e invisibili collegamenti che esistono tra questi due mondi (e culture) scrive un romanzo elegante, ben costruito eppure con una sua forza epica e metaforica che avvince.
Eredi della sconfitta è un libro che sa di fango, di umido, di povertà e di ineluttabilità della vita e della condizione umana.

Autore: DESAI KIRAN
Titolo: EREDI DELLA SCONFITTA
Editore: ADELPHI
Prezzo: € 19,50
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 29/03/2007 @ 07:00:00, in Libri di narrativa, linkato 9523 volte)
Ci sono libri che più di altri ci rimangono attaccati, e che sentiamo più forti, più duraturi, più veri: sono quelli che, spesso, ci fanno più male, entrandoci nello stomaco, facendoci battere il cuore a ogni immagine, a ogni passaggio. E’ il caso de Il buio addosso. Marco Missiroli ha 26 anni ed è un ragazzo raro, di una sensibilità che lascia confusi per la sua purezza, e una penna che sa usare come un pennello: un tratto finissimo, un cenno da cui emana un mondo, delicato e crudele al tempo stesso. E’ la sua scrittura che mi è entrata dentro, ferendomi, commovendomi, lasciandomi la dolcezza di una lettura meravigliosa. Aspettavo Il buio addosso da tanto tempo, inseguendone su Internet gli indizi dell’arrivo in libreria, dopo aver conosciuto e amato Senza Coda, il romanzo d’esordio di Marco Missiroli, che gli è valso il Premio Campiello 2006 per l’Opera Prima: premio meritatissimo, per un breve romanzo che è una preghiera, un canto, dedicato all’infanzia e alla scoperta del male e del dolore. La mia impazienza, la mia attesa, e le aspettative per la seconda prova narrativa di Marco sono state premiate da un libro prezioso e senza tempo. Il buio addosso è un romanzo maturo e complesso, raccomandato a tutti coloro che amano perdersi nel piacere del leggere. R. è un paese della Provenza, dove la lana è così pregiata da essere magica, da risplendere al buio di un alone leggero, lavorata tra le preghiere delle donne all’alba. E’ un paese che nasce, nella scrittura di Marco, da pennellate di colore, che ne tracciano i contorni, e gli regalano vita: le spighe della lavanda, i ciottoli bianchi striati dei colori che inseguono la luce della mattina, le case, rossa quella del sindaco, bianca quella della bottegaia Marie, gialla quella in fondo alla via delle botteghe, il verde delle vesti delle contadine, il rosso e il blu dei gendarmi collodiani. Un paese bello, semplice, luminoso; un paese che al suo interno conosce la crudeltà più inumana, perché non accetta la diversità e l’imperfezione. Per questo il paese ha una triste tradizione: la polvere dolce addormenta, per sempre, chi non è ammesso a R., i bambini venuti male, nati disgraziati, o gli adulti che non accettano le regole. Poline nasce zoppa, ma il sindaco, suo padre, la salva, accettando il compromesso più doloroso: la zoppa vivrà, ma non uscirà mai di casa, sarà segregata, invisibile, nascosta dagli sguardi, “perché gli uomini guardano” e condannano. Dalla camera con la finestra, poi dalle stanze del campanile del paese, Poline sarà la spettatrice della vita degli altri. Sarà lei a guardare, immersa nel buio che il mondo le ha gettato addosso, il buio della diversità. Con lei Nunù, un ragazzo dalla mente offesa, un altro infelice, un altro diverso che la normalità di R. non vuole accettare, una maschera delicata, commovente, infantile che fa innamorare. La favola scura de Il buio addosso è una storia di buio, ma anche di colore e di luce: che inizia con una matita rosa, il primo regalo che Poline riceve da Gustave, “il maestro delle campane”, insieme alla mantellina rossa, come le bambine normali, quelle che a scuola possono andare. Sarà il maestro, con le sue storie e i suoi disegni, e con la sua umanità, ad aiutare Poline a riempire la sua solitudine con le immagini della sua mente. Poline dipinge i personaggi della sua storia, e della vita di R.: sulle sue tele, e sulle pagine del libro, i colori di Marco Missiroli si moltiplicano, fissandosi sugli occhi, fatti di blu e di giallo, del padre di Poline. Anche lui la guarda, dalla tela che emerge dal buio, ma il suo è un sguardo di amore e tristezza, che guida alla redenzione. E la normalità di coloro che non hanno misericordia verrà segnata e affrontata dalla sfida della diversità, sulla piazza del paese attraversata dai rintocchi delle campane di Nunù. Una storia antica ed eterna, sul buio dell’indifferenza e della diversità che ognuno di noi almeno una volta nella vita può aver subito e, forse, trovato la forza di affrontare. Il buio addosso è, manco a dirlo, un romanzo impeccabile nella meccanica, nella struttura, nell’attenzione ai singoli piccoli dettagli. Ed è soprattutto, un libro da leggere piano, assaporando ogni tratto, ogni immagine, facendo vivere nel proprio cuore, prima che nella propria testa, la storia senza età di Poline.

Libro:

Autore: MISSIROLI MARCO
Titolo: BUIO ADDOSSO (IL)
Editore: GUANDA
Prezzo: € 15,00
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 28/03/2007 @ 13:46:36, in News, linkato 14583 volte)
Per trovare tutti ma proprio tutti i libri dei tuoi sogni, abbiamo pubblicato in versione beta il nostro nuovo motore di ricerca dei LIBRI, che abbiamo chiamato booxshop !
Scoprilo, provalo e dicci cosa ne pensi!

Motore di ricerca LIBRI
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35
Ci sono 21 persone collegate

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Autori (1)
Biografie (1)
Colleghi (2)
Contributi dei lettori (1)
Cool Books (1)
DVD e Film (4)
Eventi (1)
Eventi e Mostre (26)
Gialli e Noir (5)
Guide turistiche e viaggi (5)
Libri di architettura e design (6)
Libri di Arte (7)
Libri di climatologia (1)
Libri di cucina (4)
Libri di diritto e fisco (1)
Libri di economia e marketing (14)
Libri di fotografia (4)
Libri di giardinaggio (5)
Libri di grafica (5)
Libri di informatica (4)
Libri di moda (1)
Libri di musica (3)
Libri di narrativa (183)
Libri di narrativar (1)
Libri di Sport (3)
Libri di Storia (5)
Libri per bambini (6)
Manuali HOEPLI (1)
News (20)
Para-Libri (1)
Poesia (5)
Recensioni dai nostri lettori (2)
Recensioni ed Articoli (2)
Saggistica (14)
Solidarietà (1)
Teatro (1)

Catalogati per mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Defining and analyzi...
04/02/2014 @ 10:47:53
Di Casino betting
Rökning är den främs...
04/02/2014 @ 08:16:47
Di www.lauras.se
A physicist is an at...
04/02/2014 @ 07:47:31
Di Synthroid +armour+equivalent

Titolo
Hoepli (10)
Viaggiando (17)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Abbastanza
 Per niente
 E' imprescindibile!

Titolo
HOEPLI S.p.A.

Sede Legale:
Milano (MI)
Via Hoepli, 5 CAP 20121
Telefono: 02 864871

Iscrizione registro imprese:
00722360153 del registro delle imprese di Milano

Capitale sociale in euro:
Deliberato: 4.000.000,00
Sottoscritto: 4.000.000,00
Versato: 4.000.000,00




15/12/2018 @ 15:39:19
script eseguito in 141 ms


Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

X