Immagine
 Bernina... di Admin
 
"
Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l'autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira. [Il giovane Holden]

J.D. Salinger
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 11/07/2007 @ 07:00:38, in Libri di economia e marketing, linkato 4158 volte)
Don Tapscott, riconosciuto economista di fama internazionale, e Anthony Williams, direttore delle ricerche di New Paradigm, firmano Wikinomics, un interessante saggio dedicato al processo di collaborazione di massa che, questa è la loro tesi, è destinata a cambiare il mondo (o perlomeno il futuro del business e dell'economia). A fornire la metafora di un mondo in movimento che collabora e avanza è naturalmente la rapida e universale diffusione di Wikipedia, l'enciclopedia online cui tutti possono accedere e collaborare direttamente. Il mondo di Wikinomics è un mondo in cui "milioni di persone interconnesse tramite e-mail, blog, community e chat usano Internet come la prima piattaforma globale di scambio". La tecnologia viene sfruttata in questa chiave da tutti gli attori del processo economico (consumatori, lavoratori, fornitori, business partner e persino concorrenti) per innovare insieme. Una partecipazione collettiva all'economia che non ha precedenti e che sembra aprire nuovi rivoluzionari scenari alle tecniche di marketing e di gestione delle imprese.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 10/07/2007 @ 15:47:25, in News, linkato 6825 volte)
Dal 10 al 21 luglio 2007 lo Spazio Espositivo Secondo Piano della Libreria Internazionale Ulrico Hoepli ospita una selezione dei nuovi lavori di Battista Luraschi, uno dei più interessanti esponenti delle nuove ricerche creative; l'artista ha sviluppato dopo varie esperienze un linguaggio assolutamente originale, utilizzando oltre a strumenti tradizionali - come inchiostri e acquerelli - anche materiali plastici, trasformando schedari e cartellette d’ufficio in forme inconsuete. Battista Luraschi è nato a Lurago Marinane nel 1951, dove vive e lavora. Si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Milano svolgendo attività di illustratore, scenografo, designer e pittore. Una serie fittissima di personali e collettive concorrono a visualizzare gli intrecci disciplinari del design con l’arte. Dalle prime ricerche “L’interno dopo la forma dell’utile” a “Nuove intenzioni del design” (1982), dal “Racconto per un ambiente”(1985) a “Effetto placebo” (1987) a “Ordine e disordine”(1988), si giunge con la mostra “Anni novanta” (1991) a un misurato riciclaggio di oggetti comuni che restituiscono economie di produzione-lavoro ai cristallini sistemi dell’arte. Piccole tracce, per uno spazio contemporaneo rimandate ai cataloghi e alle riviste di settore.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 09/07/2007 @ 07:00:31, in Libri di narrativa, linkato 7674 volte)
L’idealista è un curioso e affascinante romanzo che nasconde un regalo inatteso, omaggio alla nostalgia e alla giovinezza di tante sognatrici amanti delle letture e delle belle storie che sono cresciute con le sorelle March. Meg, Jo, Beth, Amy: sono nomi che rievocano ricordi emozionanti per tante lettrici adolescenti e non, che con le Piccole Donne hanno pianto e fantasticato. Ma L’idealista non rende protagoniste le signorine March, che rimangono figure secondarie sullo sfondo di un racconto storico, duro, violento e sofferto, nel quale l’idealista personaggio di primo piano è il cappellano March, padre delle Piccole Donne. Il romanzo ne percorre l’anno passato al fronte, nel pieno della Guerra Civile americana, tra flashback, che ne tratteggiano la giovinezza, il presente, fatto di combattimenti e prevaricazioni, e le lettere alla moglie e alle figlie, scritte con falsa allegria, e la volontà di nascondere il reale e il brutto, per fare emergere delicate riflessioni e dolci parole d’amore. E’ in queste lettere che riaffiora l’atmosfera incantata e un po’ stucchevole di casa March, con i sogni, i buoni sentimenti, le piccole grandi avventure della soffitta letteraria, e dei ricami davanti al fuoco: su un altro livello il romanzo racconta della vita nei campi di cotone, degli oltraggi inflitti, delle battaglie, con le parole e con le armi, dei compagni abolizionisti, delle tante storie di umanità e dolore, tra le fila dei soldati e degli schiavi. Il libro di Geraldine Brooks, appassionato omaggio al capolavoro di Louise May Alcott, lavora su più registri e, attraverso l’invenzione letteraria e la ricerca storica, ci racconta una parte inaspettata della vita della famiglia March, attraverso il ritratto di un uomo fatto di grandi ideali, ma anche piccole fragilità, tante debolezze e qualche comprensibile e umanissima macchia, che lo rende più vero agli occhi del lettore. Gli incontri di schiavi e schiavisti, gli scontri, sul campo di battaglia e nei salotti dei bianchi violenti e arroganti, la malattia e la fame, e la consapevolezza della propria umanità: il cappellano March esce dall’ombra, e anche nel rapporto con la moglie tentenna, dubita, preso e qualche volta accecato dai suoi ideali e dal desiderio di combattere per essi. Lo attende un cottage, pieno di ragazzine dolci e delicate: davanti a sé ha campi di battaglia, infuocati combattimenti, atrocità e ingiustizie, e schiavi torturati e sofferenti. Sceglierà il suo destino, tornando a casa, umiliato dalla sua stessa debolezza di uomo, ma accettando la sua responsabilità di padre, accolto dall’abbraccio e dagli schiamazzi delle sue bambine commosse, in una scena che fa parte da tanti anni della nostra memoria. Il risultato è intenso, un felice romanzo storico, nel quale gli episodi narrati si intrecciano virtuosamente a riflessioni filosofiche non banali sull’eterno dilemma tra ideale e realtà.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 06/07/2007 @ 07:04:51, in Libri di informatica, linkato 3997 volte)
Second life, guida turistica essenzialel tema è sicuramente di attualità per internettiani e non. Vi segnalo la recente uscita del libro SECOND LIFE, Guida turistica essenziale per ISBN Edizioni.
Dalla la quarta di copertina:
"Questo non è un libro di questo mondo. È la guida turistica per l'ultima delle destinazioni possibili: Second Life, il continente abitato dai doppi on-line di cinque milioni di esseri umani. Questo volume racconta la storia di un fenomeno sociale, descrive un'economia che ha già prodotto milionari e spiega come orientarsi, comportarsi, vestirsi, viaggiare, fare sesso o shopping in questo universo parallelo. Insomma, una guida preziosa, una specie di Virgilio digitale semplice, divertente e generosa di consigli e curiosità. Indispensabile per non sentirsi tagliati fuori e non perdersi nulla di ciò che, una volta dentro, accade davvero. O per finta?"
Più datati invece, si fa per dire, due libri sempre sull'argomento: il saggio Second Life di Mario Gerosa e The second life official guide di Michael Rymaszewski e Wagner Au.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 05/07/2007 @ 07:00:24, in Libri di economia e marketing, linkato 7455 volte)
Segnaliamo un interessante pubblicazione edita in Italia dal Sole 24 ore, che si propone di studiare il fenomeno Blog, i "diari" virtuali sempre più diffusi sulla rete, dal punto di vista delle aziende e della possibilità d'incremento del business. Il suo titolo è appunto Business Blog e gli autori sono Robert Scoble, collaboratore di Microsoft e curatore di un Blog di successo, e Shel Israel, esperto in innovazione e pedina chiave nel lancio di tecnologie di grande successo come Powerpoint, Filemaker e e workstations di Microsystem. Lo studio cerca di chiarire come i blog di comuni impiegati siano riusciti a modificare sensibilmente la percezione che l'opinione pubblica ha di determinate grandi aziende. Attraverso il loro approccio particolarmente friendly i blog diventano qundi uno straordinario strumento di comunicazione a disposizione delle società per costruire (o ricostruire) la fiducia, elemento cardine nel rapporto tra azienda e consumatore, attraverso un lavoro quotidiano di contatto con i propri lettori. Per dirla con Scoble e Israel, "il blog è interattivo, è informale, è frizzante, pieno di errori di grammatica e qualche volta anche di parolacce"; ma "parte da un desiderio reale di parlare e METTE IN COMUNICAZIONE LA GENTE". Rappresenta "l'opportunità per l'azienda di lasciare esprimere il cliente, consentirgli di ribattere, farlo sentire in CONTATTO DIRETTO".

SCOBLE ROBERT - ISRAEL SHEL
BUSINESS BLOG
Editore: IL SOLE 24 ORE
Pubblicazione: 05/2007
Numero di pagine: 310
Prezzo: € 26,00
Prezzo NicePrice: € 22,99
EAN: 9788883638367
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valentina Muzzi (del 04/07/2007 @ 07:01:26, in Libri di Arte, linkato 3072 volte)
Martedì 26 giugno si è tenuto alla Triennale di Milano l’ultimo dei sei incontri curati da Philippe Daverio, “Daverio e contemporaneamente”, svoltisi tra Roma e Milano, il cui scopo era quello di discutere sul futuro e sul presente dell’arte contemporanea, coinvolgendo anche utenti che non sono operatori del settore. L’incontro di martedì, intitolato “Non comprate l’arte, rubatela!”, si è svolto nella rilassante cornice del giardino della Triennale, tra le mucche della cow parade, messe all’asta per beneficenza il giorno prima, e prendeva le mosse dall’idea di poter scovare artisti di talento prima che speculazioni legate alla moda ne facciano lievitare il prezzo di mercato, rendendone le opere inaccessibili ai più. La conversazione si è vivacemente articolata tra Daverio e i suoi ospiti, Angela Vattese, storica e critica, Gino di Maggio, storico promotore di una delle ultime avanguardie, Fluxus, e Jean Jacques Label, artista e critico. Si è partiti dalla domanda se sia sensato per il futuro investire capitali nell’arte; questo dato di partenza ha subito fatto nascere un altro quesito: l’arte deve essere passione o speculazione? Gino di Maggio, data la sua esperienza, ha subito fatto notare come sia stato facile, in tempi non remoti, acquistare pezzi d’arte contemporanea a prezzi modici, che poi sono lievitati con gli anni, dimostrandosi lungimiranti investimenti. Questo meccanismo si basa su una delle grandi bugie delle quali si nutre il mercato dell’arte, e ciò sul fatto che ci sia una correlazione tra il valore commerciale e quello artistico di un’opera. Sempre più spesso vengono attribuiti elevati valori commerciali ad opere che, artisticamente parlando, non valgono nulla, intendendo con la parola “artisticamente” la capacità di un’opera di smuovere e sconvolgere il nostro intimo, la nostra emotività; questa, secondo Label, è l’unica cosa umana che rimane all’arte, e in genere alla vita, in questo nostro mondo capitalista. Se l’arte perde questa sua capacità di smuovere l’animo umano, l’unica via che le rimane per emergere è affidarsi alla moda. Se è vero che le altre arti, come la letteratura, la musica e la poesia sono morte, come viene dichiarato da molti, allora l’unica arte che sopravvive è l’arte visiva, anche grazie alle nuove possibilità tecnologiche che la rendono spesso un mix di grafica, fotografia e anche produzione video. L’arte è diventata con gli anni un bene di lusso, per legittimare un mercato che si sta sviluppando in questa direzione in maniera sempre più fiorente; ma l’artista non dovrebbe essere tale solo perché vende molto. Già Leonardo da Vinci, cinquecento anni fa, affermò che la pittura è cosa mentale, e se non è tale allora non è arte, ma solo merce. Ne consegue che teoricamente l’arte non dovrebbe avere niente a che fare né con la moda né con il mercato, anche se questo non sembra ancora possibile nel nostro sistema capitalista, in cui abbiamo esempi di uomini che avendo il controllo di uno dei più importanti musei al mondo e allo stesso tempo di una delle più prestigiose case d’asta, si trovano pertanto nella condizione di poter tranquillamente comprare opere di artisti sconosciuti a prezzi stracciati, esporle nel proprio museo per farne aumentare le quotazioni, e infine batterle all’asta a prezzi vertiginosi …se non è speculazione questa! La conclusione a cui si è arrivati alla fine di questo vivace e intelligente scambio di opinioni è questa: al di là di tutte le mode e di tutte le speculazioni, se rubare l’arte vuol dire riconoscere un valore in un’opera e andarselo a prendere, cioè fruirlo, allora questo è un buon modo per incrementare il settore artistico, ma questo valore riconosciuto deve essere rivolto alle idee di cui l’opera si fa portatrice, e non all’oggetto in sé.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Roberto Seoni (del 03/07/2007 @ 07:00:54, in Libri di narrativa, linkato 2981 volte)
Il cielo di Hounslow, sobborgo periferico a ovest di Londra, ha un colore cupo, senza profondità: sembra respingere le preghiere, costringendole grevi a rotolare verso il basso, verso il deserto di cemento della metropoli. E' il cielo d'acciaio di Hardjit, Amit, Ravi e Jas, banda di "rudeboy" figli, o figli dei figli, di immigrati indiani in Gran Bretagna. La loro storia è la storia di Londonstani, romanzo che è diventato un caso letterario in Inghilterra. A raccontare le vicende di questo firmamento senza stelle, di questo vuoto riempito soltanto dal frastuono degli aerei che atterrano sulle piste della vicina Heathrow, è la giovane penna di Gautam Malkani, trentenne giornalista del Financial Times e promettente scrittore alla sua opera prima. Gautam ricorda di essere rimasto impressionato, ai tempi dell'università, da "quanti ragazzi si definissero londonstani. I'm a londonstani, I'm a londonstani, ripetevano. Cioè, non sono né indiano né British, sono fiero di essere un londinese". Quando i giornali, cavalcando la temibile tigre dell'11 settembre, presero a dare un'accezione negativa alla parola, legata al fondamentalismo islamico, Malkani decise che era tempo di fissare il significato del termine mettendolo per iscritto, attraverso un romanzo. Il risultato di questa pulsione è, appunto, Londonstani. Al di di là del tema dell'integrazione etnica, della contrapposizione tra i rudeboys indiani da una parte ed i coconut bianchi dall'altra, delle schermaglie tra gli stessi ragazzi desi e le altre minoranze, come pakistani e neri, è sorprendentemente il discorso più squisitamente linguistico a spiazzare il lettore: da subito vi è una tale esplosione di gergalità, sconcezze semantiche, labirinti lessicali da "ghetto" che non si può evitare di considerare il linguaggio usato da Malkani quasi una neo-lingua. Per costruire questo strumento espressivo, il giovane scrittore ha attinto alle interviste effettuate durante il suo lavoro di tesi per l'università, una ricerca sui modelli di mascolinità e etnicità a Hounslow. Il risultato è certo sconcertante per gli accademici, tanto da richiedere un glossario a fine volume, ma sorprendentemente capace di evocare una realtà che si situa a metà tra una segregazione volontaria e un'emarginazione reale. Le figure dei ragazzi della banda di Hounslow si stagliano attraverso questi lampi linguistici, andando a riempire uno scenario periferico osservato con la coda dell'occhio, sfondo quasi invisibile di vicende costruite per apparire emblematiche. Il risultato finale ha un suo fascino grezzo, incompiuto: non un nuovo "Trainspotting", come qualcuno ha suggerito, ma un epopea desi in salsa gangsta-rap, un racconto sulle contraddizioni del melting-pot, un processo che non può dirsi mai definitivamente concluso, nel suo ondivago mutare da una generazione all'altra.

MALKANI GAUTAM
LONDONSTANI
Editore: GUANDA
Pubblicazione: 06/2007
Numero di pagine: 343
Prezzo: € 16,00
EAN: 9788882469627
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 02/07/2007 @ 06:38:13, in Libri per bambini, linkato 19861 volte)
BarbapapàI libri di Barbapapà, recentemente ristampati dall'edizioni Il battello a vapore, sono considerati una delle prime opere portatrici di messaggi ecologisti. Barbapaè nacque dalla fantasia di due autori, l'architetto e designer francese Annette Tison e il professore di matematica e biologia americano Talus Taylor, marito e moglie, che all'epoca risedevano a Parigi. La loro creazione - avvenuta piuttosto casualmente in un bistrò parigino - viene fatta risalire al 1969, ovvero sull'onda del maggio francese che scosse le coscienze giovanili di un'intera generazione.
Le serie a fumetti furono pubblicate dapprima in Francia ed in seguito tradotte in tutto il mondo.
Una curiosità, il nome del protagonista deriva dall'espressione francese "Barbe à papa", che significa zucchero filato.

Qui trovate tutti i libri di Barbapapà e famiglia
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Paola Giovanettoni (del 29/06/2007 @ 07:00:18, in Libri di narrativa, linkato 4719 volte)
Testimone InconsapevoleDefinito “legal thriller all’Italiana”, il libro Testimone Inconsapevole di Gianrico Carofiglio è il primo di una serie di tre romanzi pubblicati da SellerioTestimone Inconsapevole, Ad occhi Chiusi e Ragionevoli dubbi – in cui protagonista è l’avvocato Guido Guerrieri. La trama sembra uscita dalla cronaca nera più attuale: violenza su un minore, abuso, assassinio e un imputato rigorosamente extra comunitario. Abdou Thiam, 31 anni senegalese con permesso di soggiorno, sembra indifendibile. Condannato a priori dal pregiudizio e da prove apparentemente schiaccianti per un delitto che dice di non aver commesso trova nell’avvocato Guido Guerrieri un difensore in cerca di se stesso. 40 anni, una separazione nel recente passato, una crisi professionale ed umana. Questo è il Guido Guerrieri che, nella prima parte del romanzo, si racconta attraverso vicessitudini personali: il matrimonio fallito con Sara, i tradimenti, le speranze deluse di una generazione di ex Sessantottini che sembrano aver perso i loro ideali a favore di una vita fatta di compromessi. Il libro di Carofiglio è tutto questo; non è solo trama, ma soprattutto narrativa incalzante. Al di là degli eventi in sé, infatti, è la capacita dell’autore di tenere desta l’attenzione del lettore a decretare il successo di un libro che, oltre ad essersi guadagnato numerosi premi letterari, è stato definito da Corrado Augias “uno dei migliori gialli legali visti in Italia”. I tribunali perdono quel sapore decadente, i dibattiti in aula si fanno avvincenti, i personaggi sono a tutto tondo perché “raccontati” nella loro pienezza. Ci si chiede, a questo punto, quanto di autobiografico ci sia in questo avvocato di Bari, innamorato della letteratura, della musica e del cinema, che si diverte a snocciolare citazioni più o meno colte. Da Dostojevskij a Simon and Garfunkel sino a Val Kilmer e Michael Douglas. Il lettore si concede, una volta tanto e non è cosa da poco, una lettura che diverte senza essere volgare, che scorre con intelligenza, che mette in luce problematiche e crisi da tutti condivise. Il lavoro si trasforma in noiosa routine, la vita personale sembra un fallimento totale sino a che non si incrocia la strada di un Abdou Thiam o di una Margherita. Una sfida, il primo, la ragazza della porta accanto, la seconda, e tutta torna ad essere interessante.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 28/06/2007 @ 07:00:10, in Libri di narrativa, linkato 15016 volte)
Casa Agnelli - marco ferranteConflitti di classe, amori adolescenziali e amicizie nell’inglesissima Oxford, dove l’upper class ha i suoi privilegi, e i proletari sono esclusi dai circoli più ambiti. Un microcosmo ancora giovane, ma già saturo di cattiveria e prevaricazione sociale, che conosce le sue regole, le sue torture, non solo psicologiche, i suoi codici di comportamento. Si ritrovano qui i fratelli Maggie e Julian, buona nascita e bel nome, Adrienne, miliardaria americana in fuga dalla vita di falsità e silicone della madre, e Jake, quello nato dalla parte sbagliata, povero e capitato lì per una botta di fortuna, di quelle che cambiano la vita, forse non sempre in meglio. Il romanzo racconta la loro storia, destreggiandosi con bravura e pizzichi di virtuosismo narrativo tra presente e passato, tra il “dove siamo ora” e il “come eravamo”, raccontando a più voci tutti i piccoli passi, di sentimento, di provocazione, di amicizia, che hanno portato il gruppo all’inevitabile finale. Non si può dire quale, ovviamente, perché come in Anime alla deriva, primo e fortunatissimo romanzo di Richard Mason, è nelle ultime pagine che la storia si rivela in tutta la sua tragicità e ineluttabilità. Così, passando dalle residenze lussuose americane, alle villette a schiera dei sobborghi inglesi, il destino dei quattro amici sceglie la sua strada tra i corridoi e le camerate umide e desolanti dei college di Oxford. E’ qui che tutto si compie, e tante sono le incomprensioni e le occasioni non colte che portano i ragazzi alla loro esistenza adulta, fatta di solitudine e nullità. La ricerca di se stessi, e del senso della loro vita, si consuma a Oxford tra discussioni e amore, volontà di affermazione e lotta all’umiliazione, chiacchiere tra una canna e una bella bevuta. Quello che lascia sbigottiti è la facilità con cui piccole e talvolta spensierate scelte di giovinezza finiscono per segnare tutta un’esistenza, nella finzione letteraria così come nella vita reale, lasciando un senso di svuotamento e impotenza, che l’incapacità di comunicare rende assoluto e senza scampo. Perché cambiare le cose necessita coraggio, volontà di rischiare, magari ritrovando, nel mezzo di un’esistenza grigia, l’amore sincero dell’adolescenza, prima che scompaia nella nebbia del ricordo e del rimorso. Noi è un bellissimo romanzo sulla vita, di grande potenza analitica, che esplora con realismo e acume tutto ciò che non è detto, ma taciuto, negato o mascherato dalla fragilità della mente: ne escono ritratti vivi, di adolescenti e di adulti, in un racconto di forti ironie e delicate sofferenze, che riesce a equilibrare la difficoltà dell’altalena temporale con grande raffinatezza e maturità.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35
Ci sono 27 persone collegate

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Autori (1)
Biografie (1)
Colleghi (2)
Contributi dei lettori (1)
Cool Books (1)
DVD e Film (4)
Eventi (1)
Eventi e Mostre (26)
Gialli e Noir (5)
Guide turistiche e viaggi (5)
Libri di architettura e design (6)
Libri di Arte (7)
Libri di climatologia (1)
Libri di cucina (4)
Libri di diritto e fisco (1)
Libri di economia e marketing (14)
Libri di fotografia (4)
Libri di giardinaggio (5)
Libri di grafica (5)
Libri di informatica (4)
Libri di moda (1)
Libri di musica (3)
Libri di narrativa (183)
Libri di narrativar (1)
Libri di Sport (3)
Libri di Storia (5)
Libri per bambini (6)
Manuali HOEPLI (1)
News (20)
Para-Libri (1)
Poesia (5)
Recensioni dai nostri lettori (2)
Recensioni ed Articoli (2)
Saggistica (14)
Solidarietà (1)
Teatro (1)

Catalogati per mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Defining and analyzi...
04/02/2014 @ 10:47:53
Di Casino betting
Rökning är den främs...
04/02/2014 @ 08:16:47
Di www.lauras.se
A physicist is an at...
04/02/2014 @ 07:47:31
Di Synthroid +armour+equivalent

Titolo
Hoepli (10)
Viaggiando (17)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Abbastanza
 Per niente
 E' imprescindibile!

Titolo
HOEPLI S.p.A.

Sede Legale:
Milano (MI)
Via Hoepli, 5 CAP 20121
Telefono: 02 864871

Iscrizione registro imprese:
00722360153 del registro delle imprese di Milano

Capitale sociale in euro:
Deliberato: 4.000.000,00
Sottoscritto: 4.000.000,00
Versato: 4.000.000,00




15/12/2018 @ 15:39:43
script eseguito in 109 ms


Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

X