Immagine
 Venezia... di Matteo Ulrico Hoepli
 
"
La lettura rende un uomo completo, la conversazione lo rende agile di spirito e la scrittura lo rende preciso.

Francis Bacon
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Francesca Cingoli (del 23/10/2007 @ 13:45:36, in Libri di narrativa, linkato 8602 volte)
David Sedaris è stato di recente incoronato dagli americani come il più grande umorista vivente, qualcosa di molto vicino al “genio comico”, ma non aspettatevi da lui facili risate e battute a raffica. Quello di Sedaris è un umorismo contenuto, tagliente, a tratti caustico, che libera d’un tratto il sorriso nel lettore con imprevedibilità e sorpresa. Il suo romanzo Mi raccomando: tutti vestiti bene è costituito da una serie di racconti, “short stories” di scene di vita familiare, tratti dallo spettacolare archivio domestico di Sedaris. Scene che ritraggono una famiglia fondamentalmente normale, percorsa a tratti da una leggera vena di follia e paradosso, come tutte le famiglie che si rispettino. Lo sguardo con cui Sedaris si eleva a guardare i suoi cari è duro, grottesco e disincantato: assolutamente verosimile e gustoso, perciò, il particolare dei suoi familiari che hanno paura a raccontare a David i loro segreti e confidenze, consapevoli del fatto che tutto finirà sulla carta, e in libreria, in un lampo. Nonostante questo, non c’è mai crudeltà nel disincanto, e i personaggi sono ritratti con un fondo di dolcezza e amore malinconico, che traspare da ogni pagina: le sorelle strampalate, il fratello Paul, primitivo e rozzo, il macho della famiglia, il padre inconcludente che non mantiene nessuna promessa, e la madre, che dorme dovunque, tranne che a letto. E c’è anche lui, David Sedaris, protagonista delle sue storie, con la sua vita, i suoi mille lavori – esilarante quando descrive la sua avventura da uomo delle pulizie – le difficoltà di essere un adolescente gay in una serata di strip poker, il rapporto con il fidanzato e la scelta della nuova casa, il tutto raccontato con una bella dose di autoderisione e un poco di cinico compiacimento. Un romanzo sulla vita comune, di persone apparentemente normali, di momenti familiari e domestici scontati, e resi inverosimili dalla capacità di Sedaris di svelare il grottesco in ogni particolare. Non tutti i racconti raggiungono l’effetto sperato, non tutti strappano il sorriso e la risata, ma quelli meglio riusciti sono travolgenti: come il racconto di David, igienista maniaco compulsivo, di fronte alla sporcizia e al disordine a casa della sorella Tiffany, la lotta contro la tentazione di spazzolone e detersivo, e la disfatta finale, l’acqua calda nel lavello per pulire il pavimento e “salvare la vita” della sorella dannata e un po’ barbona. Perché contro se stessi non si vince mai. E talvolta su queste sconfitte si riesce anche a ridere.

SEDARIS DAVID
MI RACCOMANDO: TUTTI VESTITI BENE
Editore: MONDADORI
Pubblicazione: 02/2007
Numero di pagine: 236
Prezzo: € 8,40
EAN: 9788804564034
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo Piazza (del 17/10/2007 @ 18:05:42, in Recensioni ed Articoli, linkato 2706 volte)
Scriveva un grande che la montagna "è una scuola indubbiamente dura, a volte anche crudele, però sincera come non accade sempre nel quotidiano. Se io dunque traspongo questi principi nel mondo degli uomini, mi troverò immediatamente considerato un fesso". Curioso, ma significativo, se condividiamo il tema della sincerità come chiave di lettura di ogni processo conoscitivo umano. Sincerità quale presupposto della conoscenza vera. Ma sincerità inenarrabile nell’alpinismo, cruda e così lontana dalla comprensione del quotidiano da necessitare fortemente di una traduzione, di una ri-appropriazione, per quanto possibile, da parte dell'uomo. Un linguaggio intermedio esiste. Un linguaggio in grado di rendere, nella forma di istanti di senso sfuggenti, ma a loro modo condivisibili, le molteplici e delicate fantasmagorie dell'esistere umano: il linguaggio dell'arte. Istanti che si fissano in parole, parole e impressioni che pennellano immagini, immagini ed emozioni che si fondono nell'etereo divenire di una melodia.

Perché, in fondo, non è mai la montagna ad interessarci. La montagna è un diverso e come tale là rimane, sola, sublime e incompresa, a fare da palcoscenico agli uomini, alle loro passioni, alla loro storia. L’asciutta descrizione di una scalata raramente sortisce il suo effetto. E’ un vissuto elementare, originario, in cui l’uomo si (con)fonde con la pietra e diventa parte della montagna, per scomparire. La nostra attenzione si scatena invece se risvegliata, raro momento evocativo, da un processo che raccoglie i tanti mattoni dell’esperienza, gli importanti particolari senza senso, per trasmutarli magicamente in una sentita alchimia di parole e di immagini, in grado di collegare le due sponde lontane della vita vissuta e della memoria. Sono quelli del cuore i soli appigli su cui riusciamo a far presa.

Questa sincerità, questa artistica schiettezza testimoniano le Lettere di sosta di Fabio Palma e Simone Pedefferri, alpinisti e artisti, scrittore il primo, pittore il secondo. E ancor di più il loro Concerto verticale, l’ambizioso progetto realizzato in collaborazione-combutta con Alt(r)i Spazi - Associazione Culturale Ettore Pagani, organizzazione da sempre attiva a favore di una maggiore conoscenza del mondo della montagna. Lo spettacolo è in scena alle 21.00 di lunedì 22 ottobre, presso l’Auditorium San Fedele di Milano, in via Hoepli 3/b. L’incontro tra i due autori e i Miradavaga, raffinata band di musicisti lombardi, combina presentazioni visive e parlate con pezzi musicali suonati dal vivo: filmati e foto di alpinismo e arrampicata, free ride, speleologia e viaggi, presentati in chiave musicale grazie agli arrangiamenti dei Miradavaga, che durante la serata interpretano brani di AC/DC, Dream Theater, Whitesnake, Joe Satriani… Il tutto arricchito da racconti e testimonianze di Fabio Palma (membro dei Ragni di Lecco) e dalle letture, da parte dell’attore Massimiliano Benoni, di brani tratti dal libro. A rendere unica la serata del 22 ottobre i dipinti del secondo autore, Simone Pedeferri, che, tolti per una volta i panni del grande climber, si presenterà al pubblico nell’inconsueta veste di pittore, esponendo all’Auditorium le sue opere. Parole immagini suoni. Per esprimere e condividere bellezza.

"A me piace andare in metrò, ci scruti la vita"
"Per la gente che vedi?"
"No, per i nomi delle fermate"
"..."
"Prendi Primaticcio, è un nome geniale, sintetizza perché tutti si affannino per dodici ore al giorno. Non per un primato vero, ma per un primaticcio qualsiasi, stronzate di leadership da corridoi d'azienda, di quelli a piastrelle grigio verdi con uffici a pareti mobili, da ristrutturazioni veloci, cose così... e la fermata dopo? Leggi, Inganni, e ti dice che dietro quei primaticci ci sono gli inganni che ti fai, quelli che ti sobilli tutti i giorni, e sei pure scemo, perché davvero ci credi ai tuoi primaticci, e sai perché? Te lo dice la fermata prima, Bande Nere, sono quelle che ci mettiamo sugli occhi, così vedi a strisce, ce le verniciamo anche sui polsi le bande nere, tanto che battono come metronomi, l'ultima emozione che li scosse un po' neanche te la ricordi".

PALMA FABIO, PEDEFERRI SIMONE
LETTERE DI SOSTA
Editore: RAGNI DI LECCO
Pubblicazione: 01/2006
Numero di pagine: 164
Prezzo: € 25,00
EAN: 9788890266201
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 12/10/2007 @ 07:00:05, in Libri di economia e marketing, linkato 19613 volte)
Dal 23 al 24 ottobre si terrà a Milano la quarta edizione del World Business Forum, l'importante evento dedicato all'economia e al marketing che riunisce ogni anno i leader mondiali dell'economia, per esplorare tendenze e condividere esperienze. L'edizione di quest'anno ospiterà anche un intervento dell'ex direttore della Federal Reserve americana, il sempreverde Alan Greenspan. Proprio in questi giorni esce, edita da Sperling & Kupfer, l'edizione italiana del suo libro di memorie, intitolata L'era della turbolenza. A partire dallo shock seguito agli attentati dell'11 settembre, e dal timore per un collasso dell'intero sistema economico americano, Greenspan conduce un viaggio lungo decenni, tracciando una storia economica del mondo nell'ultimo secolo. L'"epoca delle turbolenze", così viene definita la fase storica considerata. Il tentativo di Greenspan di dominare le contingenze costituisce il filo conduttore del racconto. Non mancano infine i richiami alle nuove sfide che attendono il mondo economico, quali il rischio della recessione del sistema USA e l'offensiva asiatica che minaccia di turbare equilibri consolidati.

GREENSPAN ALAN
ERA DELLA TURBOLENZA (L')
Editore: SPERLING & KUPFER EDITORI
Pubblicazione: 10/2007
Numero di pagine: 608
Prezzo: € 20,00
Prezzo NicePrice: € 15,99
EAN: 9788820043902
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 11/10/2007 @ 15:25:54, in Libri di narrativa, linkato 26997 volte)
16 luglio 1942. Nello stadio del Vélodrome d’Hiver a Parigi furono rinchiuse dalla polizia francese migliaia di famiglie ebree, vittime dei rastrellamenti notturni ordinati dai nazisti. Oltre 4000 furono i bambini imprigionati. Rimasero ammassati lì per giorni, senza cibo, senza acqua, in attesa di essere deportati nei campi vicino a Parigi; molti finirono ad Auschwitz. Sarah Starzynski aveva 10 anni quando i poliziotti francesi, improvvisamente trasformati in nemici, irruppero nel suo appartamento nel Marais, portandola via insieme ai genitori, giusto il tempo di vestirsi. E di nascondere il fratellino di 3 anni, Michel, dentro l’armadio segreto, sicura di rientrare subito a casa, liberarlo dal nascondiglio, e riprendere la vita di sempre. Così, con la chiave dell’armadio in tasca, Sarah si mise in fila, insieme a tutti gli altri, sotto gli sguardi indifferenti dei vicini di casa. La storia di Sarah prese quella notte un strada molto diversa, fatta di paura, atrocità, ma anche generosità e conforto. E segnata da una promessa che Sarah non fu in grado di mantenere e con cui dovette continuare a convivere, confrontandosi con il dolore e con il senso di colpa. Sessant’anni dopo, una giornalista americana residente a Parigi, Julia Jarmond, ha l’incarico di preparare un reportage sui fatti dell’estate 1942. Attraverso le sue indagini e le interviste ai sopravvissuti, Julia scopre un legame inatteso e profondo con la piccola Sarah, che la porterà a ripercorrerne a ritroso il cammino, per riallacciare le fila del ricordo, del perdono e della pace. Un romanzo intenso e commovente, una storia raccontata, per la prima metà del romanzo, a due voci, quella del passato e quella del presente, in cui il racconto di Sarah e quello di Julia si alternano, per poi incontrarsi, intrecciarsi e procedere insieme. Ambientato tra Parigi e New York, il romanzo è il racconto di un segreto, sconvolgente e appassionante, che coinvolge più famiglie attraverso sessant’anni di storia. La chiave di Sarah appartiene a quel genere di romanzi che ti incatenano con la potenza della loro storia, nonostante alcune prevedibilità del racconto, e una seconda parte che perde un poco di forza e d’intensità, con qualche concessione di troppo alle vicende amorose di Julia. Su tutto, però, il romanzo ha il pregio di raccontare con passione ed efficacia una pagina di storia vergognosa e sconosciuta ai più, che è una pagina di atrocità ma anche di indifferenza, sulla quale riflettere, perché il valore di ogni storia, e di ogni piccola Sarah, è semplice, e universale, come le parole ebraiche che si stampano nel cuore di chi legge: Zakhor. Al Tichkah. Ricorda. Non dimenticare mai.

DE ROSNAY TATIANA
CHIAVE DI SARAH (LA)
Editore: MONDADORI
Pubblicazione: 01/2007
Numero di pagine: 319
Prezzo: € 17,50
EAN: 9788804563723
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Benedetta Secchi (del 09/10/2007 @ 20:56:13, in Libri di narrativa, linkato 6951 volte)
Bill Bryson, uno dei migliori e più venduti scrittori di viaggio, con il suo ultimo libro, The Life and Times of the Thunderbolt Kid, pubblicato in Italia da Guanda con il titolo Vestivamo da Superman, racconta in modo assolutamente vivace, ironico e divertente come è stato crescere negli anni 50. Bryson nasce nel 1951,a metà di quello che viene spesso indicato come il secolo del sogno americano, a Des Moines, una cittadina che si trova al centro dell'Iowa, uno stato del centro degli USA nel pieno di quella che sarà definita ed indicata come la generazione più grande della storia degli Stati uniti, i “baby boomers”.Come molti bambini della sua generazione cresce con una grande fantasia tale da permettergli di crearsi un alter ego, una vita fittizia in cui, semplicemente indossando una vecchia felpa rossa con una stampa a forma di fulmine e un asciugamano come mantello, si trasforma nel temibile THUNDERBOLT KID/RAGAZZO FOLGORE, che riesce, con la sola potenza del suo sguardo ad annientare i nemici vaporizzandoli e a scappare da situazioni potenzialmente pericolose. Attraverso il racconto di come avviene questa metamorfosi, Bryson ci racconta la vita quotidiana della sua famiglia e della sua città natia, un viaggio indietro nel tempo, una storia vera della vita negli anni Cinquanta, così vicina a quella di molti lettori, ma a tratti così diversa da far pensare che sia davvero il racconto di una famiglia di un'altra galassia: era l'epoca in cui tutto ciò che era tecnologico, auto, tv, elettrodomestici di ogni genere e tipo (per non parlare poi del boom del nucleare e di progetti assurdi come razzi per l’invio della posta) si diffondeva rapidamente e diventava sempre più comune di anno in anno, l'epoca in cui nulla sembrava essere nocivo, ma anzi, DDT, sigarette e colori al piombo sembravano non solo innocui, ma che potessero addirittura far bene alla salute. Bryson fornisce ritratti deliziosi e coinvolgenti di quanti hanno gravitato intorno a lui e hanno contribuito ad arricchire la sua vita di bambino: il padre, un giornalista sportivo dall'indiscusso talento, che scriveva per il giornale locale e che aveva abitudini buffe, come la pratica di ginnastica isometrica, una fortissima propensione al risparmio, e la strana abitudine di fare spuntini notturni indossando pigiami adamitici; la mamma, anch'essa giornalista per la testata locale, esperta di decoro d'interni e di tutto quanto concernesse la cura della casa, ma in realtà alquanto sbadata e poco incline ai piaceri della vita domestica; infine i due compagni, i due amici, Willoughby e Katz che trascinano Bryson in una serie di avventure rocambolesche e che lo fanno avvicinare ai piaceri dell’adolescenza e della rivoluzione del 1968.Un libro spiritoso, divertente ricco di quello humour sagace e brillante che saprà conquistare tutti quelli che sono stati bambini e che, probabilmente, vorrebbero esserlo tuttora.

È così che va il mondo, naturalmente. Le cose vengono gettate via. La vita prosegue. Ma spesso penso sia un peccato non aver tenuto le cose che ci rendevano diversi e speciali e attraenti negli anni Cinquanta... Che bel mondo sarebbe. Che bel mondo era. Non rivedremo più nulla di simile, temo.

BRYSON BILL
VESTIVAMO DA SUPERMAN
Editore: GUANDA
Pubblicazione: 06/2007
Numero di pagine: 309
Prezzo: € 16,00
EAN: 9788860880529
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 03/10/2007 @ 17:59:38, in Libri di narrativa, linkato 28202 volte)
Segnaliamo l'uscita del romanzo L'eleganza del riccio, edito in Italia da E/O, grande caso letterario del 2007 in Francia. Il volume ha conosciuto nel paese transalpino 6 ristampe e ha venduto complessivamente 600.000 copie, ha conquistato vari premi e ha già venduto i propri diritti cinematografici. L'autrice, Muriel Barbery, laureata in filosofia , è nata a Casablanca, in Marocco, nel 1969. La storia è ambientata in una splendida Parigi; la cornice è quella di un elegante caseggiato abitato dall'alta borghesia della capitale francese. Dalla finestre del palazzo, la portinaia Renée osserva lo scorrere vacuo di quest'esistenza lussuosa: Renée sembra avere in un certo senso antropoformizzato la propria condizione vitale. E' "grassa, sciatta, scorbutica e teledipendente", quasi a confermare i luoghi comuni sui portinai: ma in segreto coltiva una grande cultura da autodidatta, ama "l'arte, la filosofia, la musica e la cultura nipponica". L'altra protagonista del romanzo è la dodicenne Paloma, figlia di un ministro incapace di comprendere i pensieri della ragazzina; Paloma ha una sensibilità spiccata e un'intelligenza brillante. Incompresa e stanca di vivere ha deciso di farla finita il giorno del suo compleanno, il 16 giugno. Fino a quel momento continuerà a fingersi una dodicenne mediocre, senza particolari qualità, simile a tante sue coetanee.
Due personaggi "nascosti" dunque, che al di là della propria esistenza "ufficiale", mantengono una vita segreta e intima. L'occasione per conoscersi sarà rappresentata dall'arrivo di monsieur Ozu, un ricco giapponese che saprà smascherare l'antico e ben custodito segreto di Renée.

BARBERY MURIEL
ELEGANZA DEL RICCIO (L')
Editore: E/O
Pubblicazione: 09/2007
Numero di pagine: 321
Prezzo: € 18,00
EAN: 9788876417962
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 02/10/2007 @ 15:28:19, in Libri di narrativa, linkato 14418 volte)
<< A partire da questo momento, vi avverto, la mia cronaca è un poco frammentata, io stesso lì che ho vissuto ciò che vi racconto, mi ci ritrovo a mala pena….vi parlavo di <> non potreste nemmeno in <> farvi un’idea di questa lacerazione, di filo, di treccia e di personaggi…del nudo e crudo avvenimento così brutale…pari pari, ahimè!...una di quelle inculate che d’improvviso ci fu più niente…e che io stesso qui a raccontarvi, venticinque anni più tardi, tergiverso, mi ci ritrovo male….frusto a frusto! mi perdonerete…>>

Rigodon è l’ultimo romanzo di Louis-Ferdinand Céline, completato il giorno prima della sua morte, avvenuta il primo luglio del 1961, ma censurato e pubblicato solo nel 1969. Lo scrittore francese, detestato per il suo antisemitismo, accusato di collaborare con i tedeschi, scomodo e sgradevole ai più, diede con questo scritto il suo personalissimo e inimitabile addio al pubblico: un racconto odissea sull’orrore e lo strazio della guerra. E’ il 1944 quando Céline, sua moglie Lili e il loro gatto Bebert affrontano il lungo e difficilissimo viaggio attraverso la Germania stremata, con viaggi in treno a metà strada tra un'avventura picaresca e una tragica odissea, attraversando stazioni fantasma, paesi distrutti, paesaggi avvolti nelle urla e nello strazio dei feriti, dilaniati dal fosforo liquido della Raf: devono raggiungere Copenaghen, dove la Landsman Bank ha in deposito i manoscritti e tutti i beni di Céline. Sul loro cammino c’è il peggior scenario di morte dolore e atrocità che l’umanità ha saputo partorire: cadaveri, rovine, gruppi di miserabili allo sbando, lebbrosi, gente impazzita dalla fame e dal dolore, bambini affamati, orfani o abbandonati. E tanta disperazione. Un racconto che è esso stesso una follia, una detonazione linguistica, un unico intenso lamento scritto con uno stile indefinito, e irripetibile. La narrazione difficilmente segue una linea razionalmente percorribile, ma si perde in mille gorghi, in tanti mulinelli linguistici che fanno perdere il filo, assorbono, annullandolo, ogni comune senso della logica, e regalano una immane sensazione di assurdo. Con sapienza Céline riprende qua e là il bandolo, ritornando sui suoi passi, chiedendo scusa al lettore e ricominciando a tessere la sua tela di immagini, suoni, diresti quasi di gesti, perché la narrazione sembra recitata da un folle cantore, vecchio, a tratti delirante ma eccezionalmente potente. Rigodon non è solo un racconto di guerra, ma un’allucinazione violenta e brutale, che colpisce con la forza espressiva di un linguaggio unico, gergale e contratto, a tratti persino comico, e comunica tutto l’orrore dell’assurdo: l’ultimo capolavoro del genio paranoico e visionario di Céline.

CELINE LOUIS-FERDINAND
RIGODON
Editore: EINAUDI
Pubblicazione: 05/2007
Numero di pagine: 271
Prezzo: € 17,00
EAN: 9788806186821
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valentina Muzzi (del 27/09/2007 @ 11:54:09, in Libri di Storia, linkato 20476 volte)
Può un singolo evento cambiare il corso della storia? Forse quella della nazione francese avrebbe avuto uno svolgimento diverso, se non fosse miseramente fallito il tentativo di fuga di Luigi XVI dalla Francia, dopo gli eventi della Rivoluzione francese. La notte del 21 giugno 1791 re Luigi XVI, la regina Maria Antonietta, figli e seguito, decisero di tentare la fuga fuori dalla Francia, per salvarsi dagli orrori della rivoluzione, che avevano trasformato le loro vite in un incubo di paure, sospetti e angosce. Di questa storica evasione racconta il libro Un re in fuga, di T. Tackett. Dalla presa della Bastiglia (1789) erano passati due anni, due anni nei quali il re si era visto privare di qualsiasi privilegio; viveva ormai in uno stato di semi prigionia nel palazzo delle Teulleries a Parigi e aveva dovuto giurare la propria fedeltà alla costituzione e ai diritti dell’uomo e del cittadino, stilati dall’Assemblea nazionale, entrambi in molti punti sostanzialmente contrari ai principi su cui si basava la monarchia e il potere assoluto del sovrano. Il re si era sempre mostrato arrendevole, e la sua indole passiva e remissiva, l’aveva sempre posto agli occhi del suo popolo come una pedina nelle mani della famiglia reale e degli aristocratici, interessati solo ad arricchirsi sempre di più ai danni del popolo, un inetto che non avrebbe mai tentato di rivoltarsi alla nuova situazione politica. E infatti Luigi non si ribellò, ma decise di fuggire. Con un piano degno di una moderna spy storie re e famiglia lasciarono il palazzo nel centro di Parigi la notte del 21 giugno 1791 per dirigersi verso la salvezza oltre confine. Tutto era stato calcolato nei minimi dettagli, ma tutto andò male. Luigi venne riconosciuto lungo il cammino che doveva portarlo verso la salvezza: fermati a Varennes i membri della famiglia reale vennero ricondotti a Parigi, quasi come prigionieri. Il grande problema fu che questo tentativo di fuga venne visto dal popolo francese come un tradimento inaccettabile da parte del re, il primo che avrebbe dovuto tutelare la sua nazione e trattare il suo popolo come un buon padre. Così anche i più moderati dei membri dell’Assemblea, quelli che vedevano improponibile un modello repubblicano per una nazione vasta come la Francia e che avrebbero voluto salvare il re, non poterono fare a meno di ascoltare la voce del popolo, che chiedeva giustizia per il tradimento subito e soprattutto non tollerava più di essere governato da una monarchia. E il popolo, sempre più sospettoso e impaurito, chiese infine il sangue del re traditore, che venne ghigliottinato due anni dopo, seguito da tutti i membri della sua famiglia che avevano partecipato con lui alla fuga. Molti sperarono che l’esecuzione del re potesse mettere fine agli orrori della Rivoluzione, ma non fu così. Il Terrore non si placò nell’immediato, e forse se il re non fosse fuggito quella notte d’estate del 1791, o se la sua fuga fosse andata a buon fine, le sorti della Francia sarebbero state diverse, e molto del sangue versato, seguendo i più disparati ideali, sarebbe stato risparmiato.

TACKETT TIMOTHY; SPAGNOLETTI A. (CUR.)
RE IN FUGA (UN)
VARENNES, GIUGNO 1791

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 24/09/2007 @ 10:43:14, in Libri di narrativa, linkato 8806 volte)
Romanzo di contrasti nella New York dei giorni nostri, che conosce la tracotanza della classe intellettuale, le fatiche quotidiane di chi è arrivato dalla provincia, l’arrivismo e l’eleganza delle feste e dei salotti, e poi il risveglio con la ferita, traumatica e insanabile, dell’11 settembre. Le due torri crollano scoprendo all’improvviso la fragilità di una città, e insieme a questa l’orgoglio e le contraddizioni di uno dei suoi simboli, il giornalista-opinionista liberal Murray Thwaite, l’imperatore, carismatico e autorevole, sul quale fanno perno tutti i rapporti umani, gli scontri personali e ideologici, le inconciliabilità sociali del romanzo. La vecchia classe intellettuale è chiusa, moralista e carica di falsità, incapace di generare altro se non continue riletture dei propri pensieri, riproposti nella cultura fasulla del copy&paste, sempre uguali e sempre diversi. I giovani imprenditori rampanti vivono un delicatissimo equilibrio tra successo, soldi, ristoranti e lusso, e il fallimento, con dolorosi traslochi nei quartieri “sbagliati”, ripensamenti di vita, depressioni. New York è una scacchiera, sulla quale i giochi avvengono solo nelle caselle corrette, nei pochi isolati che contano, fuori dai quali non ha senso esistere. La casa è un bene precario, e i lussuosi appartamenti di Manhattan si perdono in un lampo (squarcio su una scottante attualità….), in un rivolgimento di fortuna inatteso, che fa crollare tutto il castello e la spavalderia. In questo scenario duro anche se abbagliante, Marina è la figlia di Murray, bellissima e mediocre, che cerca di trovare se stessa all’ombra soffocante del padre, e che non ha una sua strada, né una vera idea, o ideologia, o messaggio da comunicare, e finisce per scrivere un libro sui vestiti dei bambini, un affresco del conformismo delle maschere sociali, che porta all’inevitabile e amara conclusione che “i figli dell’imperatore sono nudi”. Ludo, australiano, arrogante e spaventosamente arrivista, si avvicina a Marina, pur odiandone il padre, e sognando di portare la rivoluzione con l’ennesima rivista di cultura e opinione, sfrontata e supponente. Frederick “Ciccio”, il nipote dell’imperatore, arriva a New York dalla provincia, abbandonando tutto, e affrontando la sfida con l’ansia dell’autodidatta e il sogno di scardinare il sistema, lasciando tutti stupiti. La sua figura è inquietante e nello stesso tempo patetica, un misto di rabbia e candore in cui si sente tutto il dolore di un mondo che combatte per farcela, e affoga nel mare del conformismo. Ma è Danielle a rivestire il compito più complesso, intimo e doloroso di raccontare una vicenda di rapporti umani tortuosa e moderna, e le contraddizioni di una città affascinante e impenetrabile. E’ lei, intelligente, indipendente, ma al tempo stesso insicura e fragile, il personaggio più riuscito in una galleria di caratteri, forti ed efficaci, di questa cruda commedia newyorkese, tutti simboli inquieti della società mediatica contemporanea.

MESSUD CLAIRE
FIGLI DELL'IMPERATORE (I)
Editore: MONDADORI
Pubblicazione: 05/2007
Numero di pagine: 493
Prezzo: € 18,50
EAN: 9788804563075
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Roberto Seoni (del 19/09/2007 @ 07:35:13, in Gialli e Noir, linkato 5623 volte)
La città noir per eccellenza, Marsiglia o Marselha in occitano, è lo sfondo di questo riuscito giallo dello scrittore transalpino Xavier-Marie Bonnot, nato nel 1962, documentarista di professione e storico di formazione. Il fascino del capoluogo provenzale regala molto all'atmosfera del romanzo, grazie ai suoi luoghi eternamente diversi nel loro permanere intatti negli anni: sono gli animati vicoli del Panier, il quartiere più antico della città; il mare e i calanchi fuori città; il Nordafrica che si respira nei quartieri-ghetto, o nei sudici bar di periferia; la magia dei pescatori, ma anche la nera malìa dei Gangster locali. C'è tutto il folclore di Marsiglia nelle pagine scritte da Bonnot. Il protagonista, il poliziotto Michel De Palma, sembra sguazzare in questo universo torbido e violento, disperato ma vitale, quasi fosse una creatura nata per gestazione dalla sinistra fama della città portuale. De Palma è un brillante investigatore della Brigata Criminale: malgrado i successi, il suo umore resta tuttavia tetro, come si addice all'eroe tenebroso da scenografia noir. I problemi nascono quando, in successione, si scoprono gli omicidi di tre donne, due dei quali compiuti secondo un sinistro rituale che lascia pensare all'opera di un serial killer. "Il Barone", così è chiamato De Palma, vede un collegamento tra i tre omicidi e si trova a indagare in un mondo oscuro in cui paleontologi, ritualità ancestrali e arte preistorica, si mescolano misteriosamente alla vecchia mala marsigliese. La soluzione del caso implicherà una discesa negli inferi di uno sciamanesimo ancestrale, rappresentato dai misteri delle incisioni preistoriche nella grotta di Le Guen, in un'epoca in cui il cannibalismo era considerato una fonte imprescindibile di energia vitale e potere guerriero. Tutto molto, troppo lontano dai vicoli di Marsiglia, dagli odori dei mercati, dalla brezza marina in una sera d'inverno.

BONNOT XAVIER-MARIE
PRIMA IMPRONTA (LA)
Editore: EINAUDI
Pubblicazione: 05/2007
Numero di pagine: 370
Prezzo: € 15,80
EAN: 9788806187262
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35
Ci sono 55 persone collegate

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Autori (1)
Biografie (1)
Colleghi (2)
Contributi dei lettori (1)
Cool Books (1)
DVD e Film (4)
Eventi (1)
Eventi e Mostre (26)
Gialli e Noir (5)
Guide turistiche e viaggi (5)
Libri di architettura e design (6)
Libri di Arte (7)
Libri di climatologia (1)
Libri di cucina (4)
Libri di diritto e fisco (1)
Libri di economia e marketing (14)
Libri di fotografia (4)
Libri di giardinaggio (5)
Libri di grafica (5)
Libri di informatica (4)
Libri di moda (1)
Libri di musica (3)
Libri di narrativa (183)
Libri di narrativar (1)
Libri di Sport (3)
Libri di Storia (5)
Libri per bambini (6)
Manuali HOEPLI (1)
News (20)
Para-Libri (1)
Poesia (5)
Recensioni dai nostri lettori (2)
Recensioni ed Articoli (2)
Saggistica (14)
Solidarietà (1)
Teatro (1)

Catalogati per mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Defining and analyzi...
04/02/2014 @ 10:47:53
Di Casino betting
Rökning är den främs...
04/02/2014 @ 08:16:47
Di www.lauras.se
A physicist is an at...
04/02/2014 @ 07:47:31
Di Synthroid +armour+equivalent

Titolo
Hoepli (10)
Viaggiando (17)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Abbastanza
 Per niente
 E' imprescindibile!

Titolo
HOEPLI S.p.A.

Sede Legale:
Milano (MI)
Via Hoepli, 5 CAP 20121
Telefono: 02 864871

Iscrizione registro imprese:
00722360153 del registro delle imprese di Milano

Capitale sociale in euro:
Deliberato: 4.000.000,00
Sottoscritto: 4.000.000,00
Versato: 4.000.000,00




15/12/2018 @ 16:02:08
script eseguito in 125 ms


Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

X