Immagine
 Bernina... di Admin
 
"
Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l'autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira. [Il giovane Holden]

J.D. Salinger
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 30/07/2007 @ 07:00:47, in News, linkato 2700 volte)
E' appena uscita la versione in lingua inglese, lo scorso 21 luglio, ma già i numerosissimi fan italiani del maghetto più famoso del mondo attendono trepidanti l'uscita di Harry Potter and the deathly hallows nella propria lingua madre. La data da segnare in rosso nel calendario è sabato 5 gennaio: il settimo capitolo della saga di Harry Potter, dal titolo ancora sconosciuto, sarà distribuito nelle librerie italiane alla vigilia dell'Epifania, per la gioia di grandi e piccini che troveranno nella calza della Befana l'attesissimo libro. La versione italiana dell'ultima fatica letteraria della facoltosa autrice J.K. Rowling sarà come sempre pubblicata da Adriano Salani Editore, con la traduzione di Beatrice Masini e la copertina illustrata da Serena Righetti. Alcune librerie, fisiche o online, si stanno già attrezzando per raccogliere le prenotazioni che, si immagina, saranno numerose come sempre. Malgrado le pressioni dei fan, la Salani ha deciso di prendersi il giusto tempo per i lavori di traduzione e la cosa non potrà che essere gradita dagli ammiratori più accorti delle vicende di Harry Potter: un interpretazione fedele della versione inglese del volume è infatti auspicabile per non perdere le sfumature e il pathos voluti dalla Rowling. Non resta dunque che aspettare, tenendo conto del fatto che la trepidante attesa dei lettori è ormai diventata una componente fondamentale dell'immenso teatro globale all'origine del fenomeno potteriano. L'appuntamento è dunque per il 5 gennaio, in tutte le librerie italiane!
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 28/07/2007 @ 07:00:00, in DVD e Film, linkato 12928 volte)
Con una piccola divagazione dal tema principale del nostro Blog, segnaliamo l'uscita ad un prezzo interessante del DVD dell'ultimo capolavoro, ormai datato 2004, del grande maestro del cinema d'animazione, Hayao Miyazaki. Tratto dal romanzo di Diana Wynne Jones, Il castello errante di Howl contiene tutti i temi principali del cinema del grande autore nipponico: la relazione, spesso conflittuale, tra l'uomo e la natura, la dimensione spirituale, con la presenza ricorrente di creature mitiche e ultraterrene, l'afflato ecologista e la presenza di protagonisti bambini o adolescenti che, con la loro innocenza, arrivano a ristabilire l'armonia tra l'uomo e la natura. Il film racconta la storia della diciottenne Sophie, che ogni giorno lavora senza sosta nel negozio di cappelli del suo defunto padre: le giornate si susseguono una uguale all'altra finchè un giorno, durante una rara escursione in città, per caso incontra il Mago Howl, giovane, avvenente e dagli incredibili poteri. La malvagia Strega della Spazzatura, equivocando la natura del loro rapporto, getta una maledizione su Sophie, trasformandola in una novantenne rugosa e decrepita. L'unica scelta per Sophie è a questo punto quella di intraprendere un lungo viaggio alla ricerca della sua giovinezza perduta: la speranza è infatti quella di ritrovare Howl, ma questi abita in un misterioso Castello Errante che cambia continuamente posizione. Il viaggio è ostacolato dalla guerra in corso tra il Regno e il paese confinante e dalle scarse possibilità fisiche che accompagnano la nuova condizione della ragazza: quando infine Sophie raggiunge Howl, incomincia a vivere accanto al mago, al suo apprendista ed a un demone del fuoco, ma deve mantenere celata la propria identità per raggiungere il suo scopo...

La magia delle animazioni di Miyazaki si concentra questa volta su un soggetto fiabesco di matrice europea: non mancano certo i riflessi della demonologia orientale, ben rappresentata dall'aurea sinistra che sembra pervadere alcuni personaggi. L'immaginifico ed il barocco si fonde con il concreto, in una realtà mutevole in perenne divenire. Il cambiamento, la metamorfosi è forse la cifra essenziale di questo film, come dell'intera produzione del maestro giapponese.

MIYAZAKI HAYAO
CASTELLO ERRANTE DI HOWL (IL)
1 DVD
Editore: SARX
Pubblicazione: 07/2007
Prezzo: € 11,90
EAN: 8022469064425
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Roberto Seoni (del 27/07/2007 @ 07:00:00, in Libri di Storia, linkato 3368 volte)
E' di questo giugno l'uscita dell'ultima edizione del volume Piombo Rosso, versione economica e tascabile pubblicata da Baldini Castoldi Dalai. L'opera è il frutto del decennale lavoro di ricerca dello storico Giorgio Galli, docente di Storia delle dottrine politiche presso l'Università degli Studi di Milano, volto a ricostruire i percorsi, riconosciuti o occulti, seguiti dalla lotta armata in Italia e arricchito dall'analisi degli ultimi avvenimenti fino ai recenti arresti del febbraio 2007. La riflessione di Galli muove da sempre dall'assunto che per leggere in maniera adeguata la storia della lotta armata nel nostro paese sia necessario considerare insieme due piani, spesso considerati in maniera distinta da osservatori e studiosi. Da una parte c'è il consenso di cui ha indubbiamente goduto, negli anni '70, il progetto rivoluzionario delle Brigate Rosse: un consenso localizzato in un determinato contesto sociale, ma sostanzialmente sufficientemente diffuso da consentire una certa copertura ai "guerriglieri urbani" e giustificare l'interesse dello storico. Dall'altra parte c'è il ruolo delle istituzioni e dei servizi di sicurezza che, secondo la ricostruzione di Galli, sarebbero stati in grado di annientare tutti i nuclei armati dell'estrema sinistra sin dal lontano 1972: qual'è il ruolo dei servizi deviati nelle decennali vicende del terrorismo rosso? Quali sono gli elementi che delineano sullo sfondo il perdurare di un atteggiamento complessivo degli organi repressivi dello Stato passato alla storia come "Strategia della tensione"? Quali le responsabilità, soggettive e oggettive, delle più alte cariche della politica nazionale? Partendo da questi interrogativi, un unico filo sembra legare l'epopea delle Brigate Rosse storiche ai recenti avvenimenti che hanno scosso l'opinione pubblica del nostro paese, dall'omicidio D'Antona a quello Biagi. Questa chiave di lettura porta a domandarsi come poche decine di irriducibili, prive ormai di consenso diffuso, abbiano potuto effettuare azioni tanto eclatanti senza apparente contrasto da parte degli organi di sicurezza; l'interrogativo diventa inquietante, quando si scopre che gli ultimi due omicidi firmati BR si sono verficati in concomitanza di episodi cruciali della dinamica politico-sociale del Paese (in ultimo, l'omicidio Biagi, giunto nel pieno dello scontro governo-sindacato per l'articolo 18). La trama oscura che sembra celarsi dietro questi avvenimenti è la stessa, secondo Galli, che ha visto profilarsi i servizi segreti dietro le vicende di Giuliana Sgrena e Abu Omar: una trama antica e apparentemente invincibile, indifferente al succedersi delle epoche e delle congiunture politiche.

GALLI GIORGIO
PIOMBO ROSSO
Editore: BALDINI CASTOLDI DALAI
Pubblicazione: 06/2007
Numero di pagine: 525
Prezzo: € 8,90
EAN: 9788860731531
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 26/07/2007 @ 07:00:20, in Libri di narrativa, linkato 3386 volte)
Quando le milizie arabe a cavallo attaccano il suo villaggio, Valentino Achak Deng vede i suoi amici ammazzati, le case incendiate, la sua famiglia dispersa e in fuga. Ancora bambino si salva fuggendo: lascia Marial Bai, e tutta la sua vita, il negozio del papà, il giallo splendente della lunga veste della mamma, i giochi con gli amici e la sorella, i primi amori. Achak non sa nulla della guerra civile che lacera il suo paese, il Sudan: può solo scappare per salvarsi, e corre, corre per giorni e notti. E’ attraverso l’esperienza sconvolgente di Valentino Achak Deng che Dave Eggers affronta il difficile racconto della guerra civile sudanese nel libro Erano solo ragazzi in cammino. Un racconto lucido, onesto e commovente, che a tratti è attraversato da una vena ironica e umoristica, nella quale si riconosce la penna del “formidabile genio” di Dave Eggers. La fuga a piedi dal villaggio e dallo sterminio del popolo Dinka, la lunga marcia fino all’Etiopia alla ricerca della pace e di una nuova vita - migliaia di bambini in cammino, I Bambini Perduti, quelli orfani, o separati dai genitori, che non hanno nulla se non la forza di camminare e sognare. Una lunga marcia di fame, disperazione, malattia, sotto il costante rischio di attacchi, o l’altrettanto pericoloso arruolamento forzato dei ribelli. Dopo l’Etiopia un nuovo cammino che porta i ragazzi in Kenia, a creare il più grande campo profughi della storia, Kakuma. Decine di migliaia di rifugiati assistiti dalle Nazioni Unite, tra i quali Achak, che vive a Kakuma per 10 lunghi anni, in una semi-esistenza con cibo razionato e la speranza di una vita vera. Dal Kenia Achak avrà la possibilità di essere tra i profughi accolti negli Stati Uniti, e nell’ironia della sua vita al limite dell’epopea, sale sull’aereo diretto a Miami l’11 settembre 2001: da Atlanta, dove vive, racconta la sua storia, a metà strada tra biografia e romanzo. Una storia di sopravvivenze e di amicizie, nella quale c’è anche spazio per l’amore adolescenziale e per quello adulto, la scoperta della ferocia umana in Sudan e della violenza quotidiana in America. Una storia che è fatta anche di fiducia, verso le tante mani che si sono tese per dare sostegno e aiuto, in Africa nel campo profughi, e in America, con gli “sponsor” e le organizzazioni umanitarie. E di fiducia tradita: perché nell’agognata America Achak scopre l’esistenza di una nuova guerra, il pericolo di aprire la porta di casa agli sconosciuti, o lo sgomento nell’entrare in un ospedale senza copertura assicurativa. Quella di Valentino Achak Deng è una vita da leggere e da conoscere, per dare una forma all’esistenza delle migliaia di profughi senza volto e nome, vittime di guerre tanto inutili quanto dimenticate, poco “fotogeniche” e mediatiche. Un libro sorprendente, una storia toccante, terribile ma capace anche di grande poesia, nella quale la personalità di Eggers si fa generosamente da parte per lasciare il campo a Valentino Achak Deng e al suo racconto. A lui e alla sua fondazione, sono destinati tutti i proventi del libro: www.valentinoachakdeng.com.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Paola Giovanettoni (del 25/07/2007 @ 07:00:25, in Libri di narrativa, linkato 2481 volte)
A chi non è capitato, almeno una volta nella vita, di entrare in libreria, guardare scaffali e ripiani, sino a scoprire un libro dal titolo evocativo e assolutamente affine alle proprie emozioni più intime. Questo è quanto successo con il romanzo di Peter Cameron Un giorno questo dolore ti sarà utile. Ovviamente il periodo, per me, è dei peggiori e ho avuto subito la sensazione che le 200 pagine circa lungo cui si dispiega la narrazione potessero fungere da conforto e consolazione. Ho pensato: forse ha ragione Nietzsche quando sostiene che quel che non ammazza rende più forti; sicuramente sarà questo il messaggio di speranza che vuole infondere Peter Cameron e invece… Iniziata la lettura si scopre che il titolo riprende il motto del campo estivo in cui il giovane James Sveck – protagonista del romanzo – viene letteralmente spedito all’età di 12 anni, quando i genitori decidono di separarsi. Questo, forse, il colpo di scena più sensazionale di un libro che, al di là del titolo, non racchiude in sé nulla di malinconico e nessun momento epico. Il che non è assolutamente una critica, o una nota dolente, ma al contrario il vero punto di forza di un romanzo in grado di rendere interessante ed accattivante come la vita reale. I fatti narrati sono legati alle esperienze di James Sveck - 18 anni, newyorkese di buona famiglia, madre al terzo matrimonio fallito durante la luna di miele, padre avvocato in carriera che non ha nemmeno tempo per portare il figlio a colazione in un ristorante del centro, sorella più grande iscritta al college che cerca di convincere James ad andare alla Brown University in modo da poter ricevere in regalo dai genitori una Mini Cooper decappottabile. Classico ritratto di una famiglia del Terzo Millennio, insomma, che offre in dote al suo componente più sensibile – James nella fattispecie - un’esistenza fatta di insicurezze e rabbia, insofferenza e voglia di fuga. Ecco, infatti, che arrivato a 18 anni James decide che probabilmente non vuole più andare al college ma preferirebbe rifugiarsi nel Midwest; ecco che parlando con la madre scopre un’intrinseca incapacità ad accettare la propria sessualità: “io sapevo di essere gay, anche se non avevo mai fatto niente di gay e non sapevo se lo avrei mai fatto”; ecco che durante le sedute con l’analista si trova ad ammettere la propria incapacità ad interagire coi coetanei, quasi fosse stato modificato geneticamente. C’è un po’ di Freud nel passaggio che spiega tutto ciò: “A ripensarci sembra quasi crudele riconoscere e insieme respingere il desiderio d’attenzione di qualcuno, specialmente di un bambino. Vuole solo attenzione, come se fosse una brutta cosa, neanche volesse soldi, potere e celebrità. Forse è per questo che adesso preferisco essere ignorato: mi è stato causato un danno irreversibile.” A dispetto del titolo, dunque, Un giorno questo dolore ti sarà utile dipinge la vita quale è nella sua essenza - dolore e sofferenza da un lato, felicità e di distrazione dall’altro – e ci offre un insegnamento fondamentale: ora della fine la vita è l’unica cosa certa che abbiamo.

Un’ultimissima nota, se questo libro fosse una canzone sarebbe As I Sat Sadly by her side di Nick Cave and The Bad Seeds.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Vittoria Savegnago (del 24/07/2007 @ 07:00:55, in Libri di architettura e design, linkato 3580 volte)
Vi propongo di dare almeno una sbirciatina a Oltre la città - Pensare la periferia, Edizioni Cronopio, 2005, € 17 e vorrei iniziare il suo racconto partendo proprio dalla foto con cui si apre la bella introduzione di Attilio Belli, curatore dello stesso. Troviamo il classico condominio enorme, la tipica struttura che ognuno di noi classificherebbe come edificio periferico, circondato da pochissimo verde e costeggiato da un grande arteria stradale che ne delimita i confini. L’occhio però corre verso un particolare volutamente mantenuto nella inquadratura dal fotografo: un cartello stradale con la scritta “USCITA” ed una freccia sottostante che conduce lo sguardo fuori dalla foto stessa verso... Già verso dove. Forse verso la parte di testo che tra poco ci metteremo a leggere, oppure verso un luogo non ancora ben individuato di cui, forse, a fine libro riusciremo a scorgerne l’ubicazione. In ogni caso è indice di un movimento, di un attivarsi verso un qualcosa. Questo in effetti mi è parso, a parte qualche classica veduta, ciò che è emerso dagli atti del convegno (convegno tenutosi presso l’istituto Grenoble di Napoli il 31.1.2005 per iniziativa corso di laurea in architettura Federico II Napoli) che costituiscono il contenuto di questo libro. Il concetto di fondo che emerge sembra scaturire dalla concezione classica della periferia, intesa quale spazio dell’abbandono, spazio delimitato dell’incoerenza, del degrado, dell’assenza, della segregazione che si contrappone e circonda il centro della città, distante e definito. Da subito si decide, però, di percorrere nuove strade. Si focalizza così come non sia necessario costruire una rappresentazione delle periferie a partire da un quadro normativo, bensì quanto sia importante riflettere sull’eredità urbana e sugli errori compiuti in passato, che possono essere superati solo a partire dall’ ascolto delle periferie, dalla nuova percezione di periferico: gli altri spazi, i controluoghi, i territori della circolazione e dei flussi, le massime velocità, lo spazio diffuso. Il periferico appare oggi come una realtà articolata, come spazio dell’attraversamento di quei loghi, a volte contestati ma il più delle volte sovvertiti, creando centralità periferiche e periferie centrali, configurandosi come un dentro e un fuori della città contemporanea. Bisogna domandarsi quindi, quali sono le potenzialità del periferico e se è possibile andare oltre le politiche del ripristino (rinnovo, rigenerazione, riqualificazione). La periferia va tramutata da spazio del disfacimento, in spazio del rifacimento della città diventando il collante per l’innesto di una cultura alternativa, sul quale dovrebbe, a detta degli autori, insediarsi la nuova urbanistica orientata alla costruzione di strategie di lungo periodo e rivolta nella direzione di un “fare con la città” da intendersi come la riconquista di un’azione sulla città che muova dallo spazio periferico, puntando ad armonizzarsi con i territori e le popolazioni che vi abitano.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valentina Muzzi (del 23/07/2007 @ 07:00:02, in Libri di Arte, linkato 6762 volte)
Domenica 15 luglio si è chiusa a Como la mostra Gli Impressionisti, i Simbolisti e le Avanguardie, che ha presentato, nella splendida cornice di Villa Olmo, 120 capolavori provenienti dal Museo Nazionale di Belgrado, fondato nel 1840 e attualmente sottoposto a lavori di ristrutturazione. Per chi non ha potuto ammirare dal vivo queste magnifiche opere, il catalogo della mostra potrà rendere bene l’idea di questo viaggio nella storia dell’arte che si snoda attraverso il paesaggismo di Corot, l’impressionismo di Renoir e Monet, la corrente post-impressionista di Gauguin, Toulouse Lautrec e Signac, fino alla svolta verso la stagione delle avanguardie, innestata dalle opere simboliste di Moureau e Redon, che aprì le porte agli sviluppi del primo Novecento, dal movimento fauvista, a quello cubista, fino al costruttivismo russo. Tutta la collezione è connotata dalla scelta delle opere meno provocatorie che caratterizzarono questa correnti artistiche, e questa linea ha potuto mantenersi grazie alle scelte del fautore di questa raccolta, il collezionista Erih Slomovic, proiettato per la maggior parte verso la scelta di opere nate nel contesto parigino. Uno dei più grandi capolavori presentati è la Cattedrale rosa di Monet, una delle cinquanta opere che dal 1892 al 1893 il maestro dedicò allo studio della luce sulla facciata della cattedrale gotica di Rouen. I pastelli di Degas ci presentano invece momenti della vita borghese parigina, da cui l’artista proveniva, con le ballerine dell’Opera sospese tra la realtà del duro esercizio quotidiano, reso nei movimenti dei corpi muscolosi, e l’evanescenza da favola di una realtà fatta di pizzi e merletti. La modernità borghese parigina è ben resa anche dalle opere di Utrillo, piccole istantanee della vita dell’epoca tra le vie della capitale francese, e di Pissarro, come la tela Place du Thèatre francais, del 1898, che ben simboleggia la frenesia della città sul limitare dell’epoca moderna. Le cinque opere di Gauguin esposte fanno tutte parte del periodo polinesiano, iniziato nel 1891, dopo la parentesi bretone qui rappresentata dall’opera I piaceri di Bretagna del 1889. Tutti i principi da cui prende le mosse la sua produzione di questi anni, con la ricerca di un ritorno a una natura benigna e incontaminata, primordiale e slegata da qualsiasi preconcetto culturale occidentale, come l’uso assolutamente libero e felice del colore, culminano nella tela in mostra Donna tahitiana, del 1898. Di Renoir la collezione annovera ben diciassette opere, dal 1879 al 1916, tra paesaggi legati all’estetica impressionisti e gli amati nudi di donne, il cui esempio supremo è La Bagnante del 1915, che dimostra come la passione per il nudo femminile non l’avesse lasciato neanche negli ultimi anni della sua vita. Per quanto riguarda il periodo cubista l’eposizione lariana ci presenta l’anticamera di questa stagione artista con la litografia dei Bagnanti di Cezanne, del 1897, per passare attraverso le opere Bonnard e Villard, poi esplicitarsi nell’unica opera di Picasso presente in mostra, la Testa di donna del 1909. Si abbandona la mimesi della natura per dar voce agli aspetti emozionali dati dal soggetto, aspetti che saranno ancora più espliciti e gridati nella produzione fauvista di Matisse, Derain, de Vlaminck e degli altri. La via verso la modernità è tracciata poi dalle opere dei simbolisti, il cui intento è quello di rappresentare l’essenza delle cose, l’espressione delle idee, arrivando ad analizzare il mondo del sogno, del soprannaturale e della magia. I due maggiori esponenti di questa corrente artistica sono Moreau e Redon, le cui opere a carboncino, i “Noirs”, evocano un mondo interiore sovente malinconico e affine al gusto gotico e visionario dell’epoca anche in campo letterario, indagatore del subconscio e dell’ignoto. Le avanguardie chiudono l’eposizione, con le prime opere di Kandinsky e Chagall, e il costruttivismo, i cui risultati sono quasi più vicino al disegno grafico e alla progettazione meccanica che all’arte pittorica; le linee essenziali che caratterizzano le opere di artisti quali Mondrian, Delaunay e Moholy-Nagy nascono dall’esigenza di ricondurre l’arte a una purezza formale assoluta, unita a tensioni spiritualistiche che riconducono l’arte pittorica ad una resa bidimensionale, il tutto arricchito dalle istanze culturali della patria d’origine di ogni autore facente parte di questa temperie culturale. Questa mostra ha permesso di far conoscere opere che provengono da un museo situato lontano dai centri d’arte noti in tutto il mondo, è caratterizzate da una singolare coerenza tra loro; sono tutte frutto del lavoro di artisti che sono considerati capostipiti dell’estetica moderna, e non contemplano la presenza di realizzazioni nate all’interno della cultura accademica ufficiale dell’Ottocento, che invece non mancano quasi mai nelle altre collezioni, segno questo di una differente scelta stilistica da parte dei fautori di questa raccolta.

BOSNIJAK T. (CUR.); GADDI S. (CUR.); GENTILI G. (CUR.); KOVACIC D. (CUR.)
IMPRESSIONISTI I SIMBOLISTI E LE AVANGUARDIE (GLI)
120 CAPOLAVORI DAL MUSEO NAZIONALE DI BELGRADO
COMO, VILLA OLMO, 24 MARZO - 15 LUGLIO 2007
Editore: SILVANA
Pubblicazione: 03/2007
Numero di pagine: 280
Prezzo: € 30,00
EAN: 9788836608560
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 21/07/2007 @ 09:38:09, in Libri per bambini, linkato 9589 volte)
E' finalmente arrivato il 21 luglio, vero e proprio D-DAY per i numerosissimi fan del mago più famoso del globo: alla mezzanotte di oggi è infatti uscito nelle librerie di tutto il mondo, prese d'assalto dai lettori, l'ultimo capitolo della saga di Harry Potter in lingua inglese, dal titolo Harry Potter and the deathly hallows. Si sprecano naturalmente le note di colore che hanno accompagnato il lancio del nuovo sforzo creativo dell'autrice J.K. Rowling, la donna più ricca d'Inghilterra. La costosa operazione di embargo imposta dalle case editrici che pubblicano il romanzo, l'inglese Bloomsbury e l'americana Scholastic, si è rivelata un fallimento, scatenando le ire della facoltosa autrice: è risultato infatti autentico e circostanziato il testo che circola da giorni sui siti pirata apparsi sul WEB. Nel nuovo romanzo apprendiamo infatti del matrimonio tra Harry e Ginny Weasly, sorella dell'amico Ron, e dello sposalizio tra lo stesso Ron ed Hermione. Il finale è dunque un happy end nel più classico stile hollywoodiano, con la morte del malvagio Lord Voldemort ed il trionfo degli "eroi buoni". Si sono rivelate false invece le indiscrezioni che parlavano addirittura della morte del giovane mago, peraltro alimentate dalle dichiarazioni della Rowling secondo cui la vicenda si sarebbe conclusa con uno spaventoso "bagno di sangue".
Mentre ad Orlando, in Florida, si iniziano i lavori per la costruzione del primo parco giochi interamente dedicato al mago di Hogwarts (che sarà chiamato "Wizarding World of Harry Potter"), centinaia di ragazze e ragazzi hanno bivaccato da mercoledì a stanotte davanti a molte librerie del centro di Londra, rimaste appositamente aperte fino alle ore piccole per il lancio del libro. Per la versione in lingua italiana bisognerà ancora attendere fino a Natale: si preannuncia dunque una nuova "febbre" da uscita per i più accaniti potteriani di casa nostra...

ROWLING J.K.
HARRY POTTER AND THE DEATHLY HALLOWS
THE SEVENTH BOOK
Editore: BLOOMSBURY PUBLISHING PLC
Pubblicazione: 07/2007
Prezzo: € 27,50
Prezzo NicePrice: € 21,99
EAN: 9780747591054
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 20/07/2007 @ 07:33:05, in Libri di narrativa, linkato 6068 volte)
Un paesino ligure al confine con la Francia: in mezzo al profumo degli eucalipti, dei limoni e dei biscotti appena sfornati, voci di giovani donne si incontrano, si affollano, fino a confondersi a creare un unico coro. Le donne parlano, parlano e si raccontano: i loro dialoghi disegnano storie di infelicità e trasgressioni, problemi quotidiani di vita domestica e familiare, di relazioni difficili, di ambizioni e incomprensioni. Sono donne single e sposate, tradite e traditrici, annoiate, deluse dalle loro scelte. Alla ricerca di qualcosa d’altro, e di un altro sé. Una donna matura le ascolta con pazienza, e le consiglia con saggezza: l’anziana signora Waal, olandese, trasferitasi negli anni sessanta con il marito, dopo un lungo soggiorno in India. E’ lei il fulcro della narrazione, e della vita delle giovani donne protagoniste, che ne hanno fatto la loro consigliera, quasi una madre adottiva. A lei si rivolgono, sfogandosi, raccontando le loro storie di infelicità, davanti a un caffè, nella bottega della spesa, salendo la stradina che conduce fino a casa, o all’ombra degli ulivi. La signora Waal è vedova, e vive sola in una bella casa immersa nel verde e affacciata sul mare assolato: le fanno compagnia le sue piccole abitudini quotidiane, di meticolosità, pulizia e attenzione, il gatto Fragola e troppi ricordi. Ma dopo tanti anni, la solitudine inizia a farle male, e la signora Waal desidera tornare a casa sua in Olanda, dove è sepolto il marito: sente di voler rivedere il suo paese prima di morire, nonostante i brutti momenti passati in tempo di guerra, e negli anni immediatamente successivi, quando il marito fu accusato di collaborare coi nazisti. Tante calunnie, che hanno indotto la signora Waal e il marito a lasciare l’Olanda, e cercare la serenità in un’altra vita, lontana dalla patria. Sono ricordi che ancora oggi fanno male, e che continuano a riprendere forma, con misteriose visite e telefonate di sconosciuti, dall’aspetto straniero, che si presentano alla porta della signora Waal con strane domande sul suo passato. Ed è così che i racconti delle piccole guerre familiari delle giovani donne del paese si affiancano e si scontrano con i penosi ricordi di una guerra passata, reale e di coscienza, che la signora Waal continua a combattere con sé e con il suo cuore. L’autunno della signora Waal è un magnifico breve romanzo, fatto di amore e nostalgia, nel quale gli uomini rimangono sullo sfondo, un po’ sfuocati. Perché il romanzo è fatto tutto dalle donne e dai loro sogni, dalle loro contraddizioni e ambizioni e dalla loro umanità. Un romanzo di grande poesia, ma anche di estremo realismo e spregiudicatezza, che si gode per il delicato racconto dell’animo femminile, fatto con ironia e calore.

ORENGO NICO
AUTUNNO DELLA SIGNORA WAAL (L')
Editore: EINAUDI
Pubblicazione: 06/2007
Numero di pagine: 128
Prezzo: € 8,50
EAN: 9788806188221
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 19/07/2007 @ 07:00:52, in Libri di Arte, linkato 16728 volte)
Dal 6 luglio al 16 settembre la città di Milano ospita una mostra dedicata al maestro colombiano Fernando Botero, inventore di una cifra stilistica dal tratto inconfondibile. La prima sezione della mostra ospita una serie inedita di circa quaranta opere dedicate al mondo del circo: Botero ha acquisito la sua passione per l'arte circense nel corso di un suo soggiorno in Messico. Nella sezione dedicata alle Opere Recenti sono presenti circa settanta opere che rappresentano l'intero universo poetico dell'artista; la figura umana singola è il cardine di molti di questi lavori, nei quali prevalgono le immagini femminili. Nella terza sezione, Abu Ghraib, l'atmosfera cambia del tutto e si precipita nell'inferno del carcere iracheno tristemente noto per le torture perpetrate dai soldati americani nei confronti dei prigionieri. Le immagini che hanno fatto il giro del mondo si ritrovano in questi quadri drammatici, in cui il colore predominante è il rosso del sangue. Il percorso si conclude con sei sculture monumentali collocate in città, tra piazzetta Reale, Galleria Vittorio Emanuele, Castello Sforzesco, Corso Vittorio Emanuele e Stazione Centrale.

Fernando Botero è nato il 19 aprile 1932 a Medellin in Colombia.
AA.VV.
FERNANDO BOTERO . OPERE 1994 - 2007
MILANO, PALAZZO REALE, 6 LUGLIO - 16 SETTEMBRE 2007
Editore: SKIRA
Pubblicazione: 06/2007
Numero di pagine: 200
Prezzo: € 49,00
EAN: 9788861303324
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3
Ci sono 38 persone collegate

< agosto 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Autori (1)
Biografie (1)
Colleghi (2)
Contributi dei lettori (1)
Cool Books (1)
DVD e Film (4)
Eventi (1)
Eventi e Mostre (26)
Gialli e Noir (5)
Guide turistiche e viaggi (5)
Libri di architettura e design (6)
Libri di Arte (7)
Libri di climatologia (1)
Libri di cucina (4)
Libri di diritto e fisco (1)
Libri di economia e marketing (14)
Libri di fotografia (4)
Libri di giardinaggio (5)
Libri di grafica (5)
Libri di informatica (4)
Libri di moda (1)
Libri di musica (3)
Libri di narrativa (183)
Libri di narrativar (1)
Libri di Sport (3)
Libri di Storia (5)
Libri per bambini (6)
Manuali HOEPLI (1)
News (20)
Para-Libri (1)
Poesia (5)
Recensioni dai nostri lettori (2)
Recensioni ed Articoli (2)
Saggistica (14)
Solidarietŕ (1)
Teatro (1)

Catalogati per mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
Defining and analyzi...
04/02/2014 @ 10:47:53
Di Casino betting
Rökning är den främs...
04/02/2014 @ 08:16:47
Di www.lauras.se
A physicist is an at...
04/02/2014 @ 07:47:31
Di Synthroid +armour+equivalent

Titolo
Hoepli (10)
Viaggiando (17)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Abbastanza
 Per niente
 E' imprescindibile!

Titolo
HOEPLI S.p.A.

Sede Legale:
Milano (MI)
Via Hoepli, 5 CAP 20121
Telefono: 02 864871

Iscrizione registro imprese:
00722360153 del registro delle imprese di Milano

Capitale sociale in euro:
Deliberato: 4.000.000,00
Sottoscritto: 4.000.000,00
Versato: 4.000.000,00




24/08/2017 @ 04:51:07
script eseguito in 31 ms


Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

X