Immagine
 Bernina... di Admin
 
"
Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l'autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira. [Il giovane Holden]

J.D. Salinger
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Paola Giovanettoni (del 29/06/2007 @ 07:00:18, in Libri di narrativa, linkato 4489 volte)
Testimone InconsapevoleDefinito “legal thriller all’Italiana”, il libro Testimone Inconsapevole di Gianrico Carofiglio è il primo di una serie di tre romanzi pubblicati da SellerioTestimone Inconsapevole, Ad occhi Chiusi e Ragionevoli dubbi – in cui protagonista è l’avvocato Guido Guerrieri. La trama sembra uscita dalla cronaca nera più attuale: violenza su un minore, abuso, assassinio e un imputato rigorosamente extra comunitario. Abdou Thiam, 31 anni senegalese con permesso di soggiorno, sembra indifendibile. Condannato a priori dal pregiudizio e da prove apparentemente schiaccianti per un delitto che dice di non aver commesso trova nell’avvocato Guido Guerrieri un difensore in cerca di se stesso. 40 anni, una separazione nel recente passato, una crisi professionale ed umana. Questo è il Guido Guerrieri che, nella prima parte del romanzo, si racconta attraverso vicessitudini personali: il matrimonio fallito con Sara, i tradimenti, le speranze deluse di una generazione di ex Sessantottini che sembrano aver perso i loro ideali a favore di una vita fatta di compromessi. Il libro di Carofiglio è tutto questo; non è solo trama, ma soprattutto narrativa incalzante. Al di là degli eventi in sé, infatti, è la capacita dell’autore di tenere desta l’attenzione del lettore a decretare il successo di un libro che, oltre ad essersi guadagnato numerosi premi letterari, è stato definito da Corrado Augias “uno dei migliori gialli legali visti in Italia”. I tribunali perdono quel sapore decadente, i dibattiti in aula si fanno avvincenti, i personaggi sono a tutto tondo perché “raccontati” nella loro pienezza. Ci si chiede, a questo punto, quanto di autobiografico ci sia in questo avvocato di Bari, innamorato della letteratura, della musica e del cinema, che si diverte a snocciolare citazioni più o meno colte. Da Dostojevskij a Simon and Garfunkel sino a Val Kilmer e Michael Douglas. Il lettore si concede, una volta tanto e non è cosa da poco, una lettura che diverte senza essere volgare, che scorre con intelligenza, che mette in luce problematiche e crisi da tutti condivise. Il lavoro si trasforma in noiosa routine, la vita personale sembra un fallimento totale sino a che non si incrocia la strada di un Abdou Thiam o di una Margherita. Una sfida, il primo, la ragazza della porta accanto, la seconda, e tutta torna ad essere interessante.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 28/06/2007 @ 07:00:10, in Libri di narrativa, linkato 14736 volte)
Casa Agnelli - marco ferranteConflitti di classe, amori adolescenziali e amicizie nell’inglesissima Oxford, dove l’upper class ha i suoi privilegi, e i proletari sono esclusi dai circoli più ambiti. Un microcosmo ancora giovane, ma già saturo di cattiveria e prevaricazione sociale, che conosce le sue regole, le sue torture, non solo psicologiche, i suoi codici di comportamento. Si ritrovano qui i fratelli Maggie e Julian, buona nascita e bel nome, Adrienne, miliardaria americana in fuga dalla vita di falsità e silicone della madre, e Jake, quello nato dalla parte sbagliata, povero e capitato lì per una botta di fortuna, di quelle che cambiano la vita, forse non sempre in meglio. Il romanzo racconta la loro storia, destreggiandosi con bravura e pizzichi di virtuosismo narrativo tra presente e passato, tra il “dove siamo ora” e il “come eravamo”, raccontando a più voci tutti i piccoli passi, di sentimento, di provocazione, di amicizia, che hanno portato il gruppo all’inevitabile finale. Non si può dire quale, ovviamente, perché come in Anime alla deriva, primo e fortunatissimo romanzo di Richard Mason, è nelle ultime pagine che la storia si rivela in tutta la sua tragicità e ineluttabilità. Così, passando dalle residenze lussuose americane, alle villette a schiera dei sobborghi inglesi, il destino dei quattro amici sceglie la sua strada tra i corridoi e le camerate umide e desolanti dei college di Oxford. E’ qui che tutto si compie, e tante sono le incomprensioni e le occasioni non colte che portano i ragazzi alla loro esistenza adulta, fatta di solitudine e nullità. La ricerca di se stessi, e del senso della loro vita, si consuma a Oxford tra discussioni e amore, volontà di affermazione e lotta all’umiliazione, chiacchiere tra una canna e una bella bevuta. Quello che lascia sbigottiti è la facilità con cui piccole e talvolta spensierate scelte di giovinezza finiscono per segnare tutta un’esistenza, nella finzione letteraria così come nella vita reale, lasciando un senso di svuotamento e impotenza, che l’incapacità di comunicare rende assoluto e senza scampo. Perché cambiare le cose necessita coraggio, volontà di rischiare, magari ritrovando, nel mezzo di un’esistenza grigia, l’amore sincero dell’adolescenza, prima che scompaia nella nebbia del ricordo e del rimorso. Noi è un bellissimo romanzo sulla vita, di grande potenza analitica, che esplora con realismo e acume tutto ciò che non è detto, ma taciuto, negato o mascherato dalla fragilità della mente: ne escono ritratti vivi, di adolescenti e di adulti, in un racconto di forti ironie e delicate sofferenze, che riesce a equilibrare la difficoltà dell’altalena temporale con grande raffinatezza e maturità.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 27/06/2007 @ 06:30:20, in Libri di economia e marketing, linkato 20854 volte)
Casa Agnelli - marco ferranteCon un tempistmo quasi perfetto rispetto alle recenti questioni ereditarie relative alla famiglia Agnelli vi segnaliamo la recente uscita in libreria di un libro che racconta la storia e i personaggi dell'ultima dinastia italiana.

"Gli Agnelli sono l'unica tra le dinastie storiche del capitalismo italiano ad aver conservato una posizione paragonabile a quella dei tempi d'oro, della nascita delle grandi industrie moderne tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, e sono un simbolo del capitalismo famigliare non solo in Italia. In questo libro si racconta chi sono gli eredi del senatore Giovanni Agnelli, il fondatore della Fiat, attraverso più di cento microritratti di fratelli, cugini, nipoti, zie. Sono bozzetti fatti di ritagli, notizie laterali, cenni personali, aneddoti, in cui vengono tratteggiati personaggi noti (da Susanna Agnelli a John e a Lapo Elkann), ma anche meno conosciuti (dallo scrittore Oddone Camerana, a suo nipote Andrea, che ha sposato la cantante Alexia). E personaggi di cui non tutti conoscono il legame con la famiglia Fiat, come l'attore Pietro Sermonti. Si raccontano le loro parentele, le professioni che svolgono, i luoghi dove vivono o hanno vissuto. La narrazione ruota intorno alle storie di cinque persone che non ci sono più: Virginia Bourbon del Monte, madre dei sette eredi Agnelli, i suoi tre figli maschi Gianni, Umberto e Giorgio (quasi espunto dalla storia famigliare perché malato, e qui descritto per la prima volta grazie alle testimonianze di chi l'ha conosciuto), e uno dei suoi nipoti, Edoardo, figlio di Gianni. Le vicende dell'economia e dell'industria italiana si intrecciano alla storia dei rami della famiglia: i Furstenberg, i Rattazzi , gli Elkann - De Pahlen, i Campello - Teodorani Fabbri, i Brandolini, gli Agnelli, i Ferrero Ventimiglia, i Nasi, i Camerana, i Frua De Angeli - Ajmone Marsan. "Casa Agnelli" è quindi una raccolta di memorie sociali, il tentativo di definire lo spazio di questa dinastia nell'immaginario del nostro paese, e insieme un racconto di psicologia famigliare, in cui si parla anche di denaro, ma non troppo. Perché, in realtà, non è più quello di una volta: la famiglia col tempo si è ingrandita e le ultime generazioni sono via via diventate meno ricche delle precedenti. A tenere insieme questo stravagante patchwork di vite, c'è Giovanni Agnelli II, l'Avvocato, nipote prediletto del fondatore. Marco Ferrante riflette sul suo carattere di uomo ermetico, la cui complessità fu resa più singolare, ipnotica e indecifrabile dalla condizione economica, naturalmente, ma soprattutto dal compito che egli si diede e a cui si dedicò quasi con abnegazione: costruire il mito di se stesso a partire dal rispetto del lascito del nonno, la Fiat. A quattro anni dalla sua morte, senza cadere nella commemorazione agiografica, questo libro prova a schiudere una visuale nuova a chi voglia cercare di trarre un bilancio della sua condotta di azionista e capo della più grande industria italiana."

"In fondo questa è uan storia di nonni facoltosi, vecchie zie, nipoti un po' scapestrati, con le loro simpatie, antipatie, idiosincrasie per un fratello o per una cognata, con i loro tic e i loro snobismi. Ma tutto ciò è amplificato dal peso dell'istituzione - la Fiat -, dall'intrecciarsi delle vicende degli Agnelli al costume nazionale, e dalla precondizione del denaro, un'entità che tutti li precede."


FERRANTE MARCO
CASA AGNELLI
Storie e personaggi dell'ultima dinastia italiana
Editore: MONDADORI
Pubblicazione: 05/2007
Prezzo: € 17,50
ISBN: 8804566736
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Roberto Seoni (del 26/06/2007 @ 07:00:16, in Saggistica, linkato 14193 volte)
C'era una volta la DDRUn corteo ondeggiante di Trabant, le sgangherate utilitarie prodotte nella vecchia Germania Orientale, avanza multicolore e sghembo per le vie di Zwickau, simile a un serpentone sbronzo: alcune vetture hanno le portiere variopinte, altre sono completamente coperte di fango, molte sventolano allegre e svolazzanti bandierine della DDR. Quale miglior simbolo per rappresentare il sopravvivere dell'Ostalgie, il neologismo tedesco che si riferisce alla nostalgia per la vita nella vecchia Germania Est, del quattordicesimo raduno delle Trabant, tenutosi recenetemente nella località che ospitava la fabbrica di queste curiose autovetture? L'Ostalgie appare come una condizione sociale e insieme personale, un romantico rimembrare un'esistenza più semplice e meno libera, ma che nel contempo sembra conservare, a quasi vent'anni dalla caduta del muro di Berlino, un misterioso fascino. La maggior parte dei testi letterari e delle manifestazioni cinematografiche che abbiano anche lontanamente a che fare con il passato tedesco-orientale continuano a destare sensazione e ad avere successo, dentro e fuori, per la verità, i confini dello stato tedesco. Non fa eccezione il bel libro di Anna Funder, intitolato C'era una volta in DDR, stampato per la prima volta nel 2002, pubblicato in Italia da Feltrinelli e ristampato parecchie volte nei paesi anglosassoni. La Funder, scrittrice di origine australiana, ha una profonda conoscenza della Germania e della sua realtà: il suo interesse per la società tedesca dopo l'unificazione, la porta sulla strada di una ricostruzione particolare del mondo DDR. A partire da un collage di storie, si cerca di dare una lettura "dal di dentro" di ciò che ha significato un regime durato quarant'anni. Al centro della sua ipotesi di ricostruzione di un passato talvolta sottaciuto, c'è il ruolo della Stasi, la polizia politica della Germania Orientale, che fonti ufficiose dicono capace di tenere sotto controllo una persona ogni sei abitanti. Sono le storie di due "donne contro", Miriam e Julia, a fornire l'angolo visuale ricercato per fornire uno spaccato della società tedesco-orientale. Gli episodi si susseguono, disegnando una realtà brutale, straniante: il tentativo di fuga di Miriam all'ovest, a 16 anni; la cattura e la prima prigionia; la storia d'amore con il marito Charlie e la sua morte in una cella della Stasi. E ancora: l'amore di Julia per un italiano, che le mette alle costole la polizia politica; l'impossibilità di studiare o trovare un buon lavoro; la paura e la violenza subita da parte di un criminale seriale. Nostalgia per la vita all'Est o orrore per i crimini della Stasi e del Regime: curiosa dicotomia che è andata insinuandosi nell'intimo del popolo tedesco, a ridisegnare e in un certo senso ad arricchire una complessa stratificazione culturale etnica, in massima parte indecifrabile per l'osservatore straniero.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Vittoria Savegnago (del 25/06/2007 @ 07:00:00, in Libri di giardinaggio, linkato 5108 volte)
Nel mese di maggio si è svolta nei giardini di Via Palestro la 12ª mostra mercato Orticola. Anche quest'anno molte le manifestazioni collegate all’evento stesso: corsi, laboratori e una mostra sul verde di Milano visto da pittori e scultori lombardi. Iniziativa nata per divulgare la conoscenza su piante e fiori insoliti, ha visto una buona affluenza di pubblico. Più di un centinaio gli stand presenti, molti i nomi noti: Crespi Bonsai, Fondazione Minoprio, Fratelli Ingenioli, ecc. Molte le varietà presenti: acidofile, agrumi, aromatiche ed officinali, bonsai, bulbi, clematidi, piante grasse, iris, orchidee, gerani, peonie e rose. Cinque i progetti - giardino in mostra a partire dal tema: i giardini mediterranei. Tra questi quello sicuramente caratterizzato da un buon impatto visivo, meno sotto il profilo dell’originalità, è stato Fynbos Sudafrica - Popoli Diversi si Uniscono. Contrasti matrici e cromatici a rappresentanza del Sudafrica stesso, vetri e specchi frantumati a ricordarci i diamanti faticosamente estratti e i colori dati dalle essenze floreali utilizzate, a ricordo dei colori della bandiera. Proseguendo lungo il percorso e curiosando fra i vari stand ci si trova di colpo immersi in un universo di colori e profumi, dove un occhio allenato riesce a scoprire piante davvero insolite. Purtroppo non così tante quanto ci si aspetterebbe da una manifestazione di questo stampo, perché a volte si ha l’impressione che sia stata data prevalenza alla quantità, piuttosto che alla qualità. Anche i prezzi delle varie piante non si sono rivelati così competitivi, ma vero è che parte dei contributi sono stati indirizzati al proseguimento della ristrutturazione dei giardini Perego. Alla fine della giornata comunque ciò che si ricorda volentieri e l’affluire gioioso delle persone pronte ad investire parte del loro tempo nella ricerca di piante che possano rallegrare i loro spazi quotidiani.

Alcuni consigli librari dedicati al Giardinaggio:

MARINONI C. M. (CUR.)
GARDENIA. IL GRANDE MANUALE DI GIARDINAGGIO


TITCHMARSH ALAN
MANUALE DI GIARDINAGGIO
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 22/06/2007 @ 07:24:13, in Libri di cucina, linkato 20644 volte)
Finger food - Viaviana LapertosaDa poco arrivato in libreria, visegnalo il bel volume Finger Food. Finger food ovvero monoporzioni facili, riproducibili in casa, con l'uso "furbo" e necessario di strumenti aiuta-cuoco e ingredienti reperibili anche al supermercato. Il libro contiene 120 ricette che però non sono solo bocconcini da prendere con le mani, ma vere e proprie ricette presentate e allestite con qualche piccolo trucco. Ecco allora che, al pari dei piatti, diventano protagonisti bicchierini, cucchiai, forchettine, accessori di plastica, stoviglie moderne... insomma tutto quanto possa trasformare anche il piatto più banale, pesante o dimenticato in un cibo con il dono della leggerezza e dell'ironia.

LAPERTOSA VIVIANA
FINGER FOOD
120 RICETTE DA MANGIARE IN UN BOCCONE
Editore: GAMBERO ROSSO EDITORE
Pubblicazione: 03/2007
Prezzo: € 16,00
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 21/06/2007 @ 07:02:50, in Guide turistiche e viaggi, linkato 45857 volte)
Anatomia dell'irrequietezzaIl manifesto dell’anima e dell’inquietudine di Bruce Chatwin, attraverso una raccolta di scritti, lettere, recensioni, racconti.
Non solo viaggio, però: l’irrequietezza è prima di tutto uno stato del cuore, e trova tante forme di espressione e protesta contro il comune senso della stabilità e della sedentarietà.
La necessità di un posto “dove appendere il cappello” è contrapposta all’impossibilità di scrivere se non in movimento, stimolato e scosso da mille immagini: l’avventura del viaggio come dimensione della dinamicità umana, che non soltanto allarga la mente, ma “le dà forma”, è vista in opposizione ai viaggi fittizi delle droghe, nei quali si rifugia l’anima di chi non riesce a muoversi.
Perché, come affermava Pascal Notre nature est dans le muovement e l’uomo è un animale che ha bisogno di camminare, per curare la solitudine, e soddisfare il suo bisogno di crescita, alimentando occhi e mente.
Sono tanti e caleidoscopici i livelli dell’irrequietezza che emergono dalla penna di Bruce Chatwin: dal racconto della miseria di Timbuctù, al fascino ricco e aristocratico della Torre Rezzoni in Toscana, dove l’autore amava ritirarsi a scrivere; dai racconti africani di iniziazione all’amore e alla vita, alla nascita di un appartamento nel centro di Londra; dalla dissertazione sull’”alternativa nomade” al ritratto della personalità eccentrica di Curzio Malaparte, artistica presenza in quel di Capri.
Il filo conduttore è la necessità dell’uomo di accettare il cambiamento, il mutamento, dei luoghi, del corpo, o dell’anima.
Perché l’uomo prodotto della civiltà – cioè della società che vive in città – ha dimenticato come si cammina, come ci si nutre di diversità e di cambiamento. Vive l’abbandono del senso di scoperta, e si nutre di palliativi, di stratagemmi utili solo a mascherare il suo spirito di fallimento e di solitudine, la pena di una ripetitività che non è nella natura dell’essere umano. E che spesso porta l’uomo a crearsi viaggi alternativi e malati attraverso le droghe e l’alcol, per fuggire alla monotonia di una vita senza orizzonti.
E’ anche l’esperto d’arte che parla in queste pagine, analizzando il significato e il sentimento alla base di ogni raccolta d’arte: la “moralità delle cose” non è altro che un sistema per escludere gli altri esseri umani, qualcosa di sicuro che non tradisce, un rito personale di autogratificazione e risarcimento dal quale Bruce Chatwin rifuggiva, abituato a non affezionarsi mai agli oggetti e a circondarsi di poco.
Vale la pena davvero di ricominciare a camminare, perché, rivela Chatwin, “I viaggi reali sono più efficaci, economici e istruttivi di quelli fittizi”.

CHATWIN BRUCE; BORM J. (CUR.); GRAVES M. (CUR.)
ANATOMIA DELL'IRREQUIETEZZA
Editore: ADELPHI
Pubblicazione: 02/2005
Prezzo: € 8,00
ISBN: 884591948X
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 20/06/2007 @ 07:14:18, in Libri di architettura e design, linkato 8271 volte)
Renzo PianoDopo la segnalazione della bella opera su Calatrava mi sento di segnalarvi anche l'opera relativa a Renzo Piano, anche questa in mega-formato e con bellissime fotografie.

Su Archimagazine dalla sua biografia si legge:

"Personalmente trovo che la mia voglia di esplorare sentieri non battuti vada perfettamente d’accordo con la mia riconoscenza nei confronti della tradizione. Forse questo è un tratto europeo, forse è specificatamente italiano. Certamente è l’eredità di una cultura umanista".

Nato a Genova il 14 settembre 1937, laureato al Politecnico di Milano nel 1964, dopo le esperienze presso Franco Albini, Marco Zanuso, Louis Kahn e Makowskj, inizia l’attività progettuale con una serie di studi sperimentali sulle strutture spaziali a guscio e sui sistemi costruttivi innovativi, avendo come riferimento l’amico e maestro francese Jean Prouvé.

Dal 1971 inizia la collaborazione con Richard Rogers, nella società Piano&Rogers, e dal 1977 con Peter Rice, con la Piano&Rice Associates: è il periodo del Centre Georges Pompidou, uno dei progetti più discussi degli ultimi trent’anni.

Renzo Piano - interno

Prima di elaborare proposte su larga scala attraverso interventi di notevole effetto, la fase di studio sui centri storici e sul recupero del paesaggio, da Otranto all’isola di Burano fino ai progetti per il porto antico di Genova, per Rodi, per La Valletta, per Pompei e per i Sassi di Matera, dimostra l’interesse e la sensibilità verso un approccio operativo non esclusivamente high-tech, come molta critica mal informata tende ad etichettare e a liquidare una produzione architettonica molto più complessa.

[...]

Al di là degli incarichi di rilievo e della realizzazione di numerosissimi progetti, l’idea di bottega, di ricerca e di approccio al lavoro attraverso tecniche tradizionali quali il disegno a mano, lo sviluppo di modelli di studio, la creazione di make-up in scala 1:1 costituiscono un naturale sistema di organizzazione ancora funzionale, pratico e legato a operazioni colte di intendere un mestiere svincolato dall’accademia e da supporti esclusivamente teorici di intendere l’architettura.

"Quando mi chiedono come sarà la città del futuro, io rispondo: spero come quella del passato."

JODIDIO PHILIP
RENZO PIANO BUILDING WORKSHOP 1966-2005
Editore: TASCHEN
Prezzo: € 99,99
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 19/06/2007 @ 07:23:00, in Libri di diritto e fisco, linkato 27420 volte)
Giovedì 21 giugno 2007 - ore 18:00
presentazione del libro
IL CODICE DEL POTERE
Avvocati d'Italia - Storie, segreti e bugie della più influente èlite professionale
Franco Stefanoni
MELAMPO

Con la partecipazione dell'Avv. Remo Danovi e Avv. Corso Bovio
Introduce il giornalista Gianni Barbacetto

Gli avvocati del potere sono un’élite, una sottile striscia professionale. Niente a che fare con la stragrande maggioranza dell’universo legale. Gli avvocati del potere sono un empireo, un raffinato ceto, una prima scelta di giuristi, consiglieri, difensori, consulenti. Che affianca, corteggia e si fa corteggiare dal potere economico, finanziario e politico. Sono esperti di diritto commerciale, bancario, industriale, amministrativo, fiscale, penale. Sono docenti universitari, a capo di piccole boutique legali, sono leader di grandi studi nazionali e stranieri, multinazionali del diritto. Gli avvocati del potere sono un potere. Che risplende, talvolta. Ma che non di rado, ammantato dal silenzio, si muove tra le ombre. Questo libro racconta chi sono stati, chi sono oggi, come sono cambiati gli appartenenti all’olimpo forense italiano.

Cinquant’anni di nomi, cognomi, fatti, documenti, ricostruzioni, incidenti di percorso, scontri, aneddoti, tic, segreti, bugie, amici, nemici, relazioni pericolose, alleanze, intrighi. Senza sconti, perché la legge è uguale per tutti.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 18/06/2007 @ 06:37:53, in Libri di narrativa, linkato 20469 volte)

Su consiglio di Filippo, lettore di questo blog oltre che di gialli, ho letto Roseanna dei coniugi Maj Sjöwall e Per Wahlöö. Roseanna è il primo, dei 10 romanzi tutti scritti a 4 mani tra 1965 al 1675, in cui compare l'ispettore Martin Beck e il suo mal di stomaco.
Roseanna è un classico giallo che si concentra sui metodi di indagine della polizia in cui Martin Beck, protagonista assoluto, non è però un eroe solitario, ma è aiutato da validi collaboratori come Lennart Kollberg e Gunvald Larsson, che gli fanno da spalla.
In Roseanna il delitto avviene prima che la narrazione abbia inizio: in un lago viene ritrovato il corpo di una ragazza morta per strangolamento. Ci vorrà parecchio tempo per risalire all'identità della vittima, la turista americana Roseanna McGraw; poi comincerà una minuziosa ricerca che scaverà nel passato della giovane, finché la polizia non riuscirà a trovare qualche indizio che la colleghi al presunto assassino. L'elemento chiave sarà il ritrovamento di un filmato amatoriale e di alcune fotografie girato da un turista, che permetterà agli investigatori di dare un volto al sospettato. A quel punto, Martin Beck sarà costretto a tendere una trappola all'uomo, trappola che si rivelerà efficace, ma che rischierà di essere fatale agli stessi agenti.
Il romanzo è un po' lento, i colpi di scena e l'azione di concentrano tutti verso la fine del libro.
E' interessante notare come l'espediente dell'indagine attraverso i filmini dei turisti e le fotografie sia stato pensato nel "lontano" 1965 in tempi in cui fotocamere digitali, cellulari, internet e videocamere digitali non erano neanche immaginabili!


SJOWALL MAJ; WAHLOO PER
ROSEANNA
Editore: SELLERIO DI GIORGIANNI
Pubblicazione: 03/2005
Prezzo: € 11,00
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3
Ci sono 107 persone collegate

< agosto 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Autori (1)
Biografie (1)
Colleghi (2)
Contributi dei lettori (1)
Cool Books (1)
DVD e Film (4)
Eventi (1)
Eventi e Mostre (26)
Gialli e Noir (5)
Guide turistiche e viaggi (5)
Libri di architettura e design (6)
Libri di Arte (7)
Libri di climatologia (1)
Libri di cucina (4)
Libri di diritto e fisco (1)
Libri di economia e marketing (14)
Libri di fotografia (4)
Libri di giardinaggio (5)
Libri di grafica (5)
Libri di informatica (4)
Libri di moda (1)
Libri di musica (3)
Libri di narrativa (183)
Libri di narrativar (1)
Libri di Sport (3)
Libri di Storia (5)
Libri per bambini (6)
Manuali HOEPLI (1)
News (20)
Para-Libri (1)
Poesia (5)
Recensioni dai nostri lettori (2)
Recensioni ed Articoli (2)
Saggistica (14)
Solidarietà (1)
Teatro (1)

Catalogati per mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Defining and analyzi...
04/02/2014 @ 10:47:53
Di Casino betting
Rökning är den främs...
04/02/2014 @ 08:16:47
Di www.lauras.se
A physicist is an at...
04/02/2014 @ 07:47:31
Di Synthroid +armour+equivalent

Titolo
Hoepli (10)
Viaggiando (17)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Abbastanza
 Per niente
 E' imprescindibile!

Titolo
HOEPLI S.p.A.

Sede Legale:
Milano (MI)
Via Hoepli, 5 CAP 20121
Telefono: 02 864871

Iscrizione registro imprese:
00722360153 del registro delle imprese di Milano

Capitale sociale in euro:
Deliberato: 4.000.000,00
Sottoscritto: 4.000.000,00
Versato: 4.000.000,00




24/08/2017 @ 05:06:25
script eseguito in 47 ms


Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

X