Immagine
 libri... di Admin
 
"
Non c'è mobilio più incantevole dei libri

Sydney Smith
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 28/02/2007 @ 09:45:09, in Saggistica, linkato 10027 volte)

Manuale di autodifesa ambientale cittadino - Luca RamacciOggi mercoledì 28 febbraio, ore 17,30
presso la Libreria Internazionale Hoepli presentazione del volume:

MANUALE DI AUTODIFESA AMBIENTALE DEL CITTADINO
di Luca Ramacci
Con la partecipazione di
Damiano Di Simine, Presidente Legambiente Lombardia
Luca Ramacci, Sostituto Procuratore presso la Procura di Tivoli
Yuri Bogogna, Radio Popolare

FRANCO ANGELI
AMBIENTE


Questo non è un testo di diritto e nemmeno una rassegna di leggi o di teorie. È invece uno strumento, un piccolo ausilio per il semplice cittadino che intende difendere il proprio diritto a vivere in un ambiente salubre. Attraverso un'esposizione semplice e diretta, l'autore spiega come si possa agire di fronte a situazioni di pericolo per l'ambiente, come si possa essere utili a chi deve effettuare i controlli e come sollecitarne l'intervento attraverso esposti, denunce, semplici segnalazioni, azioni in sede giudiziaria civile e amministrativa. Diversi gli ambiti affrontati: dall'urbanistica alla difesa del paesaggio e delle aree protette; dalla tutela delle acque alla gestione dei rifiuti e allo smaltimento di sostanze pericolose; dall'inquinamento atmosferico all'elettrosmog; dalla valutazione di impatto ambientale (v.i.a.) ai rischi da incidente rilevante; dall'inquinamento da rumore alla caccia e tutela degli animali. Un'attenzione particolare viene inoltre dedicata a quelle attività "collaterali" che consentono al cittadino di informarsi e di informare, aggiungendo così efficacia alla propria azione di attenta autodifesa ambientale: l'esercizio del diritto di accesso alle informazioni sulla normativa relativa all'ambiente; la redazione di comunicati stampa; l'utilizzazione di Internet; l'organizzazione di manifestazioni intese a sensibilizzare l'opinione pubblica.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 27/02/2007 @ 08:23:21, in Libri di narrativa, linkato 19441 volte)
Quando qualche giorno fa, mentre uscivo dall'ufficio, ho visto nell'area della libreria dove vengono catalogati i libri prima che vengano messi in vendita l'ultimo libro della Vargas ... quasi lo rubavo dalle mani di un collega per la gioia e la fretta che avevo di leggerlo! Come già scritto sono una sua vera fan!
Il suo ultimo romanzo è forse il più bello di quelli che ho letto [ahimè posso solo leggere quelli tradotti in italiano se potessi leggere in francese, avrei di che soddisfare la mia "voglia" di Vargas...] anche se è veramente difficile sciegliere il preferito o il migliore tra libri che ti sono piaciuti così tanto!

Unica nota di rammarico è la quasi totale assenza dei mitici Evangelisti che mi sono un po' mancati!

Nel risvolto di copertina si dice:

Nei boschi eterni - Fred VargasUna scrittura asciutta e tersa come un cristallo; un intreccio diabolicamente perfetto; una Francia esoterica, di oscure, vivissime credenze. Un romanzo dolente e insieme ironico, il piú inquietante e noir di Fred Vargas, in cui ogni elemento ne richiama un altro in una catena di suggestioni e di echi in cui nulla smarrisce mai la propria ragione d'essere.

Il fantasma di una monaca del Settecento che sgozzava le sue vittime non fa paura al commissario Adamsberg, ma tutto il resto sí. Da un momento all'altro sprofonda in un mondo che sembra tornato al Medioevo, dove si straziano i cervi dei boschi normanni, si profanano cadaveri di vergini per estrarne misteriose sostanze, e le pozioni magiche assicurano la vita eterna, a costo di orrendi delitti. Mentre un rivale che arriva dal piú lontano passato, e che parla in versi, gli vuole rubare tutto. Un puzzle inestricabile, fatto apposta per far smarrire la ragione a chiunque. Ma non a uno «spalatore di nuvole», come Adamsberg. Anche se, ancora piú delle altre volte, arrivare alla verità vorrà dire riuscire a strapparsi un pezzo di cuore...

All'origine del «caso Vargas» in Francia, dove i suoi romanzi raggiungono regolarmente il vertice delle classifiche (e Nei boschi eterni ha superato tutti gli altri per numero di copie vendute), ci sono lo stile ironico e incisivo, la capacità di prendere per mano il lettore fino alla rivelazione finale, e l'accuratezza nei dettagli piú sorprendenti, che le viene dalla passione medievalista e dalla professione di zooarcheologa. Da qui il gusto per la détection, per le impronte, le tracce, le piccole cose senza importanza che permettono di dedurre, per una qualche «associazione di idee», la soluzione di un caso. E c'è naturalmente la simpatia con cui è ritratto il mondo dell'Anticrimine parigina del commissario Jean-Baptiste Adamsberg - uno «spalatore di nuvole», uno che preferisce procedere a zigzag e aspettare le soluzioni, invece di cercarle - e dei comprimari. Cioè il suo vice, il coltissimo, iperrazionalista e pieno di complessi comandante Danglard; la titanica amazzone Violette Retancourt, tenente, capace di «indirizzare l'energia come vuole»; Camille, la molto autonoma compagna della vita, che in questo romanzo vediamo separata di fatto da Adamsberg, ma madre di suo figlio Thomas, di nove mesi, cui il commissario propina indimenticabili suggerimenti educativi...

Libro:

Autore: VARGAS FRED
Titolo: NEI BOSCHI ETERNI
Editore: EINAUDI
Prezzo: € 15,80
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 26/02/2007 @ 09:10:21, in Libri di narrativa, linkato 56206 volte)
Il titolo originale de La bambina che salvava i libri è The Book Thief. Perché la protagonista Liesel Meminger di fronte ai libri non può resistere: li deve possedere, e li ruba.
E il primo libro rubato, sul quale imparerà a leggere, è un manuale per necrofori, che sottrae durante il funerale di suo fratellino.La bambina che salvava i libri - Markus Zusak
Siamo nella Germania nazista, e Liesel e suo fratello sono in viaggio verso Molching, presso Monaco, dalla loro nuova famiglia adottiva.
Arriverà solo Liesel, una bambina triste, sola, che scopre il potere delle parole attraverso i pochi libri che la fortuna, e una buona dose di coraggio, le consentono di fare suoi.
E’ accompagnata nelle sue giornate per le strade di Molching dall’amico del cuore, il bambino dai capelli color limone Rudy, che sogna, nella sua fresca ingenuità, di essere il campione nero Jesse Owen.
Liesel conoscerà il fascino della libreria del sindaco, piena di libri e suo rifugio di lettura, le ceneri dei falò propagandistici, da cui salverà un volume bruciacchiato, la magia delle parole che il padre imbianchino le dipinge sui muri della cantina, per aiutarla a conoscere sempre più parole, e con esse, sogni sempre più liberi.
Saranno i libri ad accompagnare le notti sue e dei suoi vicini di casa nella paura dei bombardamenti, tutti ammassati negli scantinati più profondi, con la sua voce di bambina spaventata a fare forza.
Un giovane ebreo, Max, accolto e nascosto in casa dai genitori di Liesel, le farà il dono più prezioso: un libro speciale, scritto sulle pagine dipinte di bianco di Mein Kampf, il regalo del sogno e della speranza di vita, un racconto di amicizia e poesia.
La bambina che salvava i libri è un libro magnifico, che l’australiano Markus Zusak ha scritto ispirandosi in buona parte ai racconti dei genitori, vissuti in Germania in tempo di guerra.
E’ un racconto di grande poesia, nel quale la piccola Liesel non è la sola protagonista: i ritratti che il libro ci lascia sono tanti, e per ognuno di essi Zusak ci regala un tratto unico, che rivela grande umanità e ispirazione. Restano nel cuore il giovane Rudy, scalmanato, sempre affamato, disposto a qualsiasi cosa per un bacio, il padre di Liesel, Hans, dagli “occhi di argento”, che le insegna a rollare le sigarette, si stringe a lei nelle lunghe notti piene di incubi e le suona la fisarmonica, Rosa, la mamma, dura, tozza, incapace di cucinare una minestra decente, ma piena di compassione per il ragazzo ebreo Max, che accoglie in casa e cura con attenzione materna. Ma sarà Liesel a vegliare più di tutti sul giovane, quando anche le notti di lui sono segnate dagli incubi. Per lui, malato e febbricitante, Liesel raccoglie ogni tipo di regalo, foglie, bottoni, soldatini, con la purezza dell’infanzia e la poesia del cuore. A Max cerca di donare anche una nuvola in cielo, descrivendola su un foglio di carta: poche parole per regalare tutto il mondo.
E infine, la narratrice di questo meraviglioso racconto: la Morte stessa, una voce narrante umana, leale, compassionevole, affannata nel lavoro cui la guerra la costringe, ma sensibile ai racconti di chi resta, sfiorandola, e salvandosi.
Sono le parole e i libri a nutrire e salvare Liesel, a guidarla fuori dall’orrore della guerra, dalla vista degli ebrei in marcia verso Dachau, dal massacro delle bombe, verso la speranza di un futuro.
Una storia immensa, e un libro originalissimo, davvero da leggere.

Libro:

Autore. ZUSAK MARKUS
Titolo: LA BAMBINA CHE SALVAVA I LIBRI
Editore: FRASSINELLI
Prezzo: € 18,00
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 24/02/2007 @ 07:22:41, in Saggistica, linkato 39877 volte)
"Perché ciò che si salverà non sarà mai quel che abbiamo tenuto al riparo dai tempi, ma ciò che abbiamo lasciato mutare, perchè ridiventasse se stesso in un tempo nuovo."

I Barbari - Alessandro BariccoNel suo nuovo libro, I barbari. Saggio sulla mutazione, pubblicato a puntate sul quotidiano la Repubblica tra maggio e ottobre 2006, Alessandro Baricco riflette su un fenomeno che ha osservato nel mondo intorno a lui, percepito dai più come un'apocalisse imminente e annunciato da una voce che suona come un grido d'allarme: stanno arrivando i barbari. Puntata dopo puntata, Baricco va a visitare i villaggi che già mostrano i segni del saccheggio e li racconta in pagine che hanno sempre la forza viva della narrazione e qualche volta la malinconia della memoria personale (sono le sue fotografie in bianco e nero). Vino, calcio, libri: dai luoghi esplorati emerge che non si tratta di una semplice invasione ma di una vera e propria mutazione e "quelli che chiamiamo barbari sono una specie nuova, che ha le branchie dietro alle orecchie e ha deciso di vivere sottacqua".
Un'incursione nel palazzo imperiale di Google rivela un universo con milioni di links le cui traiettorie corrono in superficie e tracciano i sentieri-guida del sapere. Ne segue una nuova idea di esperienza e, con l'esperienza, di senso e percezione. In questo scenario c'è posto per l'anima? Una parentesi su musica classica, Nona di Beethoven e due famosi dipinti di Ingres apre scorci inattesi sul paesaggio dei barbari. Il viaggio si conclude sulla Grande Muraglia cinese: da quelle torri lo sguardo è distaccato ma ancora più netto: "Ogni volta che qualcuno si erge a denunciare la miseria di ogni singola trasformazione, esentandosi dal dovere di comprenderla, la muraglia si alza, e la nostra cecità si moltiplica nell'idolatria di un confine che non esiste, ma che noi ci vantiamo di difendere. Non c'è confine, credetemi, non c'è civiltà da una parte e barbari dall'altra; c'è solo l'orlo della mutazione che avanza e corre dentro di noi. [...] Ognuno di noi sta dove stanno tutti, nell'unico luogo che c'è, dentro la corrente della mutazione, dove ciò che ci è noto lo chiamiamo civiltà, e quel che ancora non ha nome, barbarie. A differenza di altri, penso che sia un luogo magnifico".


Ho inziato da pochissimo a leggerlo, come spesso accade Baricco mi incanta e mi fa riflettere.
Credo che stasera "costringerò" mio marito a legggere i due capitoli sul calcio!

Libro:

Autore: BARICCO ALESSANDRO
Titolo: I BARBARI
Sottotitolo: Saggio sulla mutazione
Editore: FANDANGO
Prezzo: € 12,00
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 21/02/2007 @ 07:46:28, in Libri di narrativa, linkato 77554 volte)
"Sono nato due volte: bambina, la prima, un giorno di gennaio del 1960 in una Detroit straordinariamente priva di smog, e maschio adolescente, la seconda, nell'agosto del 1974, al pronto soccorso di Petoskey, nel Michigan".

Middlesex - Jeffrey EugenidesCal/Calliope, voce narrante di Middlesex, è un ermafrodito identificato ed allevato come bambina fino ai quattordici anni. Cal/Calliope viene riconosciuto come maschio dopo un incidente e successiva visita medica che dà un nome preciso ai dubbi che inevitabili iniziavano a sorgere in famiglia su Calliope.
Responsabile della sua "eccentricità biologica" è la carenza di un enzima [5-alfa-reduttasi] dovuto a ragioni genetiche che attraversa come una colpa tre generazioni e che ora si manifesta dando inizio all'odissea di Callie.
Il libro è un viaggio che ci proietta nei sogni e nei segreti della sagra familiare dei Stephanides, tra furbi imprenditori e ciarlatani, sagge donne di casa e improbabili leader religiosi, in un alternarsi di nascite, matrimoni, scandali e segreti, che dalla Turchia ottomana si trasferisce nell'America del Proibizionismo e della guerra, dei conflitti razziali e della controcultura, del Vietnam e del Watergate. L'ineluttabilità dell'amore percorre il libro e ti accompagna dall'europa all'america moderna per ritornare in europa.

Colpisce nel libro l'americanizzazione della famiglia greca a cominciare dai nomi dei personaggi e la contrapposizione dei doppi sia generazionale tra i personaggi, sia storica tra culture diverse che ovviamente "umana" nella doppiezza per definizione di Cal/Calliope.

Ricordo con il sorriso sulle labbra il passo del libro in cui si cerca di dare una spiegazione antropologica/sociale alle diversità e alla contrapposizione uomo/donna ... consiglio il brano a tutte quelle donne che come me spesso si chiedono perhè il marito/compagno non è in grado di trovare il cartone di latte nel frigorifero vuoto!!

Con Middlesex Jeffrey Eugenides ha vinto il premio pulitzer nel 2003 che non è mai male!

Libro

Autore: EUGENIDES J.
Titolo: MIDDLESEX
Editore: MONDADORI
Prezzo: € 8,80
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 20/02/2007 @ 06:58:49, in Libri di narrativa, linkato 17932 volte)
Il silenzio di Cleaver di Tim Parks Il protagonista de Il silenzio di Cleaver è il più famoso giornalista televisivo di Inghilterra: ricco, famoso e sicuro di sé, Harold Cleaver ha intervistato il presidente degli Stati Uniti in piena campagna presidenziale. Un’intervista forte, aggressiva e coraggiosa, il capolavoro della sua carriera. Lusingato dai media, premiato dai dati di ascolto del suo talk show, gratificato da una vivace vita sessuale extraconiugale, Cleaver si nutre del suo successo.
Sarà la biografia del figlio maggiore, che lo dipinge come un egocentrico avido e manipolatore, a scardinare la sua sicurezza.
Furibondo per il ritratto pubblico infamante, costretto ad affrontare il confronto con il suo ingombrante ego, Cleaver lascia Londra e fugge in Italia, in un paesino del Sud Tirolo: lì si accampa in una baita isolata, spegne i cellulari, e cerca la solitudine e il silenzio.
Diventare muti dentro la testa, ecco la vera sfida.
Una sfida che per Cleaver è persa in partenza: il silenzio della sua nuova vita è assordante, un continuo vociare della mente che lo tortura in una lunga riflessione sulla sua vita.
Affiorano le debolezze, gli errori, i disincanti di un uomo che sotto il peso dei suoi chili e del suo orgoglio cerca di capire e capirsi, decodificando le accuse del figlio in un continuo dialogo con se stesso.
La morte della figlia tanto amata, il rapporto complesso con la compagna, le scelte di una vita spesa proiettato solo su se stesso e sul potere carismatico delle sue parole: Cleaver ripercorre tutto con rimpianto, con disagio ma anche con tanta rabbia.
La ricerca della solidità e concretezza nella vita semplice della montagna sembra impossibile per Cleaver, che riesamina, nel silenzio della sua mente, tutta una vita: nel chiarore della montagna innevata, nelle passeggiate nel bosco, o nelle buie serate solitarie, le parole di Cleaver affollano le pagine rimbombando, in un flusso di coscienza che fa emergere senza pietà le debolezze di un uomo disorientato.
Così il silenzio per Cleaver, abile, acuto e sarcastico giornalista, si trasforma nel confronto più difficile e aspro della sua carriera, che lo mette a nudo di fronte alle sue scelte.
Il silenzio di Cleaver è un bel romanzo, elegante e acuto nel percorrere gli stadi dell’emozione umana, ma anche nell’analizzare con ironia il feroce e assordante potere pubblico dei media, che invadono di parole, spesso inutili, la nostra vita.
Tim Parks, scrittore inglese trapiantato in Italia, e amante del nostro paese, ci regala con questa bella storia anche uno spettacolo prezioso: l’emozione e la solennità dei paesaggi sudtirolesi, e la silenziosa seduzione delle montagne innevate.

Libro:

Autore: PARKS TIM
Titolo: IL SILENZIO DI CLEAVER
Editore: IL SAGGIATORE
Pubblicazione: 09-2006
Prezzo: € 16,00
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Laura Di Donato (del 15/02/2007 @ 07:16:22, in Libri per bambini, linkato 24240 volte)
ho visto un re - dario foHO VISTO UN RE, di Dario Fo: consigliato dai 6 ai 99 anni, piace anche a mia figlia, che di anni non ne ha ancora compiuti tre, e che ormai sa a memoria la canzone (“cosa hanno rubato al contadino?” “La scatola dei cachi!”).
Il libro contiene il cd con la canzone cantata da Enzo Jannacci, e le illustrazioni di Emanuele Luzzati.
Niente più di quello. Però è oggettivamente divertente per una bimba, che ascolta la canzoncina, la impara (e magari un giorno capirà l’ironia che sta sotto il “sempre allegri bisogna stare / che il nostro piangere fa male al re. / Fa male al ricco e al cardinale, diventan tristi se noi piangiam!), si guarda i disegni un po’ strani; è altrettanto divertente e bello per noi adulti vedere le stesse cose, sorridere ascoltando la canzone (mi ricorda la mia infanzia, anche se è del ’68 e io ancora non ero nata…), vedere le bellissime illustrazioni di Luzzati, scomparso da pochi giorni, che hanno sempre e comunque qualcosa di magico.
Il libro, pubblicato da Gallucci Editore, fa parte di una collana di albi illustrati, che hanno vinto il premio Andersen 2006 per il progetto editoriale, composti da libro + cd o dvd. Tra questi, da ricordare, e da acquistare, illustrati da Luzzati, ALLA FIERA DELL’EST, L’ARMATA BRANCALEONE, PASQUALINO MARAJÀ. Illustrati da altri, tra cui Altan, e Nicoletta Costa, VIA DEI MATTI, L’ARCA DI NOÈ, I DUE LIOCORNI, IL LEONE SI È ADDORMENTATO… per divertire grandi e bambini con libri e canzoni che son piaciute a noi, che piacciono sempre, non sono le “solite” favole, o i soliti personaggi triti e ritriti.

Libro:

Autore: FO DARIO
Titolo: HO VISTO UN RE
Nel cd il brano originale cantato da Enzo Jannacci
Editore: GALLUCCI
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valentina Muzzi (del 14/02/2007 @ 07:52:57, in Libri di Arte, linkato 14581 volte)
Domenica 28 gennaio si è chiusa a Mantova la mostra su Mantegna che, insieme a quelle di Padova e di Verona, è andata a costituire un grande evento in onore di questo artista a cinquecento anni dalla sua morte.
Per secoli rimasto all’ombra dei grandi nomi di Michelangelo, Leonardo e Raffaello, Mantegna fu comunque uno dei primi a farsi portavoce partecipe di quella cultura antiquaria e intellettuale che fu la culla del Rinascimento italiano.
Mantegna arriva a Mantova nel 1460, dopo aver realizzato la Cappella Ovetari, con le Storie di San Cristoforo e San Paolo, nella chiesa degli Eremitani a Padova, e la Pala di San Zeno per la chiesa di San Zeno a Verona; è già affermato e richiesto, a lungo viene corteggiato da Ludovico Gonzaga, che in quegli anni sta cercando di fare di Mantova una ricca corte, caratterizzata dal gusto per il bello e per l’arte.
Ora Mantegna deve scegliere, se dedicarsi all’attività di “libero professionista”, girando di corte in corte accontentando le varie richieste, o se diventare un artista di corte, parte integrante di una comune temperie culturale, ma anche sempre e comunque soggetta al volere di un signore. Sceglie la corte e s ‘immerge nell’atmosfera di quella gonzaghesca che lo vede prima alle dipendenze di Ludovico Gonzaga, per il quale realizzerà quella squisita invenzione pittorica che è la Camera degli Sposi in Palazzo Ducale, la rappresentazione di tutta la corte di Ludovico Gonzaga che si affaccia su un idilliaco paesaggio campestre, terminando con la geniale invenzione del famoso oculo in cima al soffitto, che si apre verso il cielo lasciando intravedere, affacciati, puttini giocosi e sorridenti fanciulle.
Dopo Ludovico la signoria di Mantova passò nelle mani di Francesco Gonzaga e della sua sposa Isabella d’Este; fu lei uno dei grandi mecenati italiani, al pari degli esponenti del “sesso forte”, sia nella vita culturale che in quella politica. Per lei, sempre in cerca delle soluzioni più innovative e raffinate in campo artistico, e non solo, Mantegna realizzò le due famose opere per lo studiolo, Minerva che caccia i vizi dal giardino delle virtù e Il Parnaso, oggi al Louvre, entrambe cariche di quei rimandi intellettuali dal significato a volte criptico e di quel gusto per l’antico, che solo una ristretta classe di eruditi e intenditori poteva apprezzare a pieno, riconoscendosi in essi. È un peccato che alla mostra mantovana non sia stato possibile ammirare le due opere sorelle insieme, in quanto solo la prima delle due era esposta. Queste opere di Mantegna ci mostrano non solo il suo gusto per un’eroica classicità senza macchie e senza tentativi di introspezione psicologica, ma anche il suo approccio all’antico come ad un repertorio infinito di temi e suggestioni, privo di quella devota ammirazione che caratterizzava gli umanisti, ma più libero, intrecciato ad una fervida fantasia e ad un gusto delicato che si trasforma in invenzioni a volte buffe e grottesche, che ci vengono mostrate in faccine, figurette fantastiche, come i noti putti-farfalle, e simpatiche caricature che fanno capolino in queste come in molte sue opere.
L’amore di Mantegna per l’antico si esplica anche nei suoi dipinti monocromi esposti in mostra, dai temi tratti dalle antiche scritture o dalla mitologia, e creati come fossero bassorilievi scultorei. Queste eleganti opere fanno da controcanto alle incisioni di Mantegna, trattandosi in entrambi i casi di creazioni prive del sussidio del colore nella resa del soggetto, che viene interamente affidata alle capacità espressive della linea, una linea netta, pulita, classica. Mantegna fu molto noto e apprezzato per le sue incisioni, se addirittura uno dei più grandi incisori del Rinascimento, Durer, affermò che uno dei grandi rimpianti della sua vita fu di non essere riuscito a conoscere Mantegna, perché giunto poco dopo la sua morte. Le incisioni, come quelle realizzate da Mntegna, erano oggetti molto apprezzati dai collezionisti, oltre ad essere una fonte di modelli e di iconografie sempre nuove che viaggiavano per l’Italia e per l’Europa, ad esempio come doni tra le varie corti. Dalle incisioni di Mantegna furono create anche varie medagliette, oggetti molto apprezzati dalla cultura umanistica per il loro rifarsi alle antiche monete romane, usate anch’esse come doni, per arricchire abiti e berrette, e presenti nelle collezioni di ogni erudito dell’epoca. Particolarmente felice è stata la decisione di esporre in mostra nel palazzo di San Sebastiano queste medagliette, realizzate da noti artisti quali l’Antico, il Moderno, il Caradosso e il maestro I.O.F.F, che danno il segno del seguito che le invenzioni pittoriche del Mantegna ebbero nella cultura artistica dell’epoca; si spera così in un rinnovato interesse verso queste realizzazioni artistiche spesso considerate inferiori.

AA.VV.
MANTEGNA A MANTOVA 1460-1506
Mantova, 16 settembre 2006-14 gennaio 2007
SKIRA


AA.VV.
MANTEGNA E PADOVA 1445-1460
Padova, Musei civici, 16 settembre 2006-14 gennaio 2007
SKIRA


AA.VV.
MANTEGNA E LE ARTI A VERONA 1450-1500
Verona, 16 settembre 2006-14 gennaio 2007
MARSILIO


AA.VV.
ANDREA MANTEGNA E I GONZAGA
Rinascimento nel castello di San Giorgio Mantova, 16 settembre 2006-14 gennaio 2007
ELECTA


AA.VV.
LA SCULTURA AL TEMPO DEL MANTEGNA
Mantova, Castello di S. Giorgio Palazzo di S. Sebastiano, 16 settembre 2006 - 14 gennaio 2007
ELECTA
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Francesca Cingoli (del 13/02/2007 @ 07:12:50, in Libri di narrativa, linkato 4634 volte)
Ventotto Barbary Lane è il quarto episodio della miniserie Tales of the city, che in America ha ottenuto un grande successo, coronando Armistead Maupin icona della scena letteraria gay.
E’ una variopinta commedia, ambientata nei primi anni 80 in una strada di San Francisco.
Il numero 28 è abitato da una serie di personaggi eccentrici: Mary Ann, giornalista in carriera, e il marito Brian, insoddisfatto cameriere di ristorante, Michael “Mouse”, l’amico del piano di sotto, distrutto dalla morte del suo compagno, e la padrona di casa, la signora Madrigal, che coltiva marijuana in casa e cucina per tutti.

Le storie dei personaggi prendono vita quando in Barbary Lane capita Simon, giovane ufficiale inglese, bello e affascinante, che crea il prevedibile pandemonio nella vita di tutti, anche in virtù di uno scambio di appartamenti con Michael, che andrà a vivere per qualche settimana nella sua scalcinata casa di Londra.
Neo inquilino in Barbary Lane, Simon scatenerà con la sua presenza (a San Francisco), e la sua non-presenza (a Londra) una serie di situazioni dettate da equivoci e incomprensioni, seduzioni e infedeltà.

Voglia di gravidanza, senso di isolamento, incapacità di intrecciare relazioni, amicizia, amore coniugale, amore fraterno, amore e basta. In Ventotto Barbary Lane le persone si cercano, talvolta con leggerezza e frivolezza, ma sempre con il senso un po’ sgomento e malinconico di chi sta lottando con la propria solitudine, e cercando un suo posto nel mondo.
E’ il ritratto di un’America nella quale l’insidia dell’AIDS sta apparendo lentamente, facendo le prime vittime, e togliendo disinvoltura e serenità alla casualità dell’incontro.
Ironico, con tratti di stravaganza, e una carrellata di personaggi efficaci e simpatici, Ventotto Barbary Lane alterna registri leggeri e pop ad altri più cupi.

Fenomeno di costume in America, e anche in Italia con tanto di forum di appassionati, la saga di San Francisco Tales of the city, di Amistead Maupin, è anche (ovviamente) una fortunatissima serie televisiva con ospitate illustri.
Per chi ama il genere.

Libro:

Autore: MAUPIN ARMISTEAD
Titolo: 28 BARNABY LANE
Editore: RIZZOLI
Prezzo: € 17,00
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 12/02/2007 @ 08:02:43, in Eventi e Mostre, linkato 6039 volte)
Siamo lieti di annunciare, visto il successo ottenuto negli anni scorsi, la terza edizione di POMERIGGI VERDI - Progetti, idee e esperienza sul tema del giardino e del paesaggio, ciclo di pomeriggi organizzati in collaborazione con l'AIAPP [Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio].

Gli incontri si terranno presso la sala conferenza della Libreria Hoepli.

martedì 6 marzo ore 18

Antonio Perazzi
Botanica Temporanea

martedì 20 marzo ore 18

Paolo Alleva
I sentieri come beni paessaggistici

martedì 3 aprile ore 18

Katerina Ziman Scudo
Greenway: percorso di conoscenza


martedì 17 aprile ore 18

Anna Furlani Pedoja
fiori, colori, composizioni, stagioni


martedì 8 maggio ore 18

Emanuela Borio
Il giardino di Pisiche e Pomona


martedì 22 maggio ore 18

Valerio Cozzi
Tra terra e acqua: progettare il waterfront

Consulta tutti i libri di architettura del paesaggio e giardinaggio presenti sul nostro catalogo.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2
Ci sono 87 persone collegate

< dicembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Autori (1)
Biografie (1)
Colleghi (2)
Contributi dei lettori (1)
Cool Books (1)
DVD e Film (4)
Eventi (1)
Eventi e Mostre (26)
Gialli e Noir (5)
Guide turistiche e viaggi (5)
Libri di architettura e design (6)
Libri di Arte (7)
Libri di climatologia (1)
Libri di cucina (4)
Libri di diritto e fisco (1)
Libri di economia e marketing (14)
Libri di fotografia (4)
Libri di giardinaggio (5)
Libri di grafica (5)
Libri di informatica (4)
Libri di moda (1)
Libri di musica (3)
Libri di narrativa (183)
Libri di narrativar (1)
Libri di Sport (3)
Libri di Storia (5)
Libri per bambini (6)
Manuali HOEPLI (1)
News (20)
Para-Libri (1)
Poesia (5)
Recensioni dai nostri lettori (2)
Recensioni ed Articoli (2)
Saggistica (14)
Solidarietà (1)
Teatro (1)

Catalogati per mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Defining and analyzi...
04/02/2014 @ 10:47:53
Di Casino betting
Rökning är den främs...
04/02/2014 @ 08:16:47
Di www.lauras.se
A physicist is an at...
04/02/2014 @ 07:47:31
Di Synthroid +armour+equivalent

Titolo
Hoepli (10)
Viaggiando (17)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Abbastanza
 Per niente
 E' imprescindibile!

Titolo
HOEPLI S.p.A.

Sede Legale:
Milano (MI)
Via Hoepli, 5 CAP 20121
Telefono: 02 864871

Iscrizione registro imprese:
00722360153 del registro delle imprese di Milano

Capitale sociale in euro:
Deliberato: 4.000.000,00
Sottoscritto: 4.000.000,00
Versato: 4.000.000,00




14/12/2017 @ 05:03:49
script eseguito in 94 ms


Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

X