Immagine
 libri... di Admin
 
"
I libri hanno gli stessi nemici degli uomini: il fuoco, l'umido, le bestie, il tempo ed il loro stesso contenuto.

Paul Valéry
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Silvia Venuti (del 30/11/2006 @ 17:51:51, in Poesia, linkato 7982 volte)


Il giorno 28 novembre 2006, la Fondazione D’Ars-Oscar Signorini onlus ha organizzato, con il Patrocinio del Comune di Milano e in collaborazione con la Libreria Internazionale Hoepli, l’incontro con il poeta Silvio Ramat che ha presentato: Tutte le poesie ( 1958- 2005 ), l’antologia che raccoglie tutta la sua opera poetica, recentemente edita da Interlinea. L’introduzione è stata svolta dal critico e poeta Giancarlo Pontiggia, curatore con Enzo Di Mauro dell’antologia poetica La parola innamorata (Feltrinelli 1978), redattore delle riviste «Poesia» e «Smerilliana» e critico letterario dell’«Avvenire».

Giovanni Raboni parlava per Ramat di poesia continua e del suo bisogno fisico di riversare via via in immagini e figure il tumultuoso, multiforme susseguirsi delle occasioni esistenziali. “In questa prospettiva”, sottolinea Giuseppe Langella, autore dell’approfondito ed esaustivo saggio di presentazione, “ il mondo non ha altro scopo se non quello di offrire materia di canto al poeta, che del canto appunto vive, nel canto adempie il suo destino.” La sfida che si pone Ramat è, dunque, sono parole sue, l’ora zero da riafferrare. Il principio del canto, quel punto più accosto alle sorgenti, dove la poesia acquista una voce diversa, mentre tutto il resto è letteratura.

L’intenso e significativo incontro con Silvio Ramat, ha fatto emergere con forte rilevanza la sua statura poetica.Il complesso della sua opera è stato paragonato ad una “enciclopedia” per la quantità delle voci trattate, più di ottocento, e per la vastità dei contenuti che sono stati sviluppati nell’arco dei decenni. Dalla vivace e partecipata presentazione di Giancarlo Pontiggia, è emerso il valore etico della poesia di Ramat che affronta la dimensione quotidiana del vivere trasformandola in consapevole riflessione sui principi fondamentali dell’esistenza. L’attenzione alla condizione umana e il suo continuo confrontarsi con la libertà e il limite, con la tenerezza e l’indifferenza, tra il dicibile e l’indicibile, lo pongono in stretto rapporto con la realtà contemporanea. Moltissime sono le poesie che ripropongono meditazioni sul linguaggio e sulla sua funzione. Sul foglio di sala era riportata la poesia E se i libri da lontano

Sarete stanco, signor passeggero.
La notte è andata, e voi qui sul mio carro
tutta una tirata sotto le stelle.
Fa freddo? Queste che il rosa addolcisce
sono le mura di Recanati.
E queste le chiavi della città.
Entrate da solo, sarà affar vostro
orientarvi – il dedalo non è
nelle vie dove non si sente un grido
ma semmai nel cuore di chi sapete.
Il poco sole forse gioverà.
Penso che un paio d'ore basteranno
a farvi capire se questo viaggio
era opportuno o inutile. Se i libri
da lontano dicevano già tutto.
Io intanto lego il carro a questi lecci
su cui insiste la luna (o cara luna…).
Siate calmo. Io v'aspetto. Mi direte.

1998 (da Silvio Ramat PER MORE, Crocetti, 2000)

Da questa poesia si evincono i capisaldi della poesia di Ramat: il viaggio, il desiderio, il sogno, la passione letteraria, il tempo, la natura, la storia, la solitudine del poeta, il labirinto della conoscenza, l’interiorizzazione, l’interrogazione, la trasmissione attraverso la parola, l’emozione del vivere. Nelle profondità culturali e spirituali, la sua poesia si apre ad incredibili scoperte, trasalimenti e riconoscimenti. Il pubblico composto da noti intellettuali, protagonisti della vita culturale milanese, ha partecipato con viva commozione all’incontro.

Silvia Venuti, 30 Novembre 2006
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valentina Muzzi (del 30/11/2006 @ 14:45:44, in Biografie, linkato 32281 volte)
L’uscita dell’ultimo film di Sofia Coppola, Marie Antoinette, ispirato alla biografia, scritta nel 2003 da Antonia Fraser, Maria Antonietta. La solitudine di una regina, ha portato alla ribalta il personaggio dell’ultima grande regina di Francia, caduta sotto il colpo della ghigliottina nel 1793.
Rispetto all’immagine, tramandataci da storici e biografi, di una Maria Antonietta sciocca, frivola, occupata solo in divertimenti la biografia della Fraser, e il film della Coppola, ci restituiscono il ritratto di una sposa bambina, che viene catapultata in un mondo tanto lontano dal suo che quasi la stordisce.
Maria Antonietta era figlia dell’imperatrice d’Austria Maria Teresa, donna dotata di straordinarie capacità politiche e di una rigida morale, che aveva improntato tutta la sua corte ad uno stile di vita morigerato e austero. Da questo nido materno la giovane arciduchessa venne mandata in Francia, appena quindicenne, come futura sposa di Luigi Augusto, ovvero come strumento politico per suggellare l’alleanza raggiunta tra l’impero asburgico e quello francese.
In Francia Maria Antonietta si ritrovò a vivere in una corte, quella di Versailles, che il re Luigi XV aveva strutturato in maniera tale che ogni singolo momento della vita quotidiana dei nobili ruotasse intorno alla sua persona, come i pianeti intorno al sole, il tutto controllato da una rigida etichetta dovette essere recepita dalla giovane Maria Antonietta come un carosello vorticoso e inebriante, come possiamo capire da una semplice frase riportata dalla giovane delfina a proposito della sua routine quotidiana: “Mi metto il belletto e mi lavo le mani alla presenza di tutti”. Questa vita piena di frivolezze e lussi doveva presto mostrare le sue spine. Maria Antonietta, non veniva solo rifiutata fisicamente da Luigi Augusto, ma doveva subire anche i continui rimproveri della madre, sempre pronta a ricordarle come la sua presenza in Francia avesse solo un fine diplomatico, che doveva essere suggellato dalla nascita di un erede, imputando a lei la colpa delle mancate prodezze del delfino.
La sua legittimazione alla corte francese avvenne solo nel 1774, quando salì al trono al fianco di Luigi XVI e, successivamente, quando diede finalmente un erede alla Francia. Maria Antonietta non era però dotata del piglio politico della madre, e non ebbe mai influenza sulle decisioni del marito. Nella pellicola della Coppola la figura della regina viene isolata nella sua quotidianità, piena di distrazioni e di agiatezze, fatta di pizzi e confetti, di balli e di pranzi, pregna dell’odore del talco delle parrucche e del profumo dei fiori, ma anche colma di mancanze, come quella dell’amore. La vita della regina si consuma come una delle tante feste a cui partecipava, isolata nella reggia, senza la reale consapevolezza delle nubi che si addensano all’orizzonte, precipitando in un orrore che non seppe prevedere, e che la colpì violentemente. Sofia Coppola non prosegue la sua narrazione oltre la fine di quel sogno, il terrore che seguì a quegli anni spensierati viene solo fatto intuire allo spettatore, che ne è già consapevole.
La forza di questa donna sempre pronta ad ubbidire, come le era stato insegnato dalla madre si manifesta però nella grande dignità con cui Maria Antonietta seppe affrontare la tragedia, chinando la testa con tanta nobiltà davanti al corso della storia.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Roberto Seoni (del 29/11/2006 @ 20:44:17, in Guide turistiche e viaggi, linkato 24862 volte)
L'insolente incipit di questa guida, ne testimonia il carattere "altro" rispetto alla stragrande maggioranza dei comuni libelli turistici: "gli stati di Praga sono tre: solido, gassoso e liquido. Il primo è una fila di figure gotiche, barocche, liberty. Il secondo sono sciami di esistenze che, bisbigliando del passato, cianciano anche di futuro. Lo stato liquido è il più insolente: volgarmente è chiamato birra". E' forse l'anima di questa città ad ispirare l'autore Alessandro Ruggera, italiano per lungo tempo residente nella capitale ceca, nello scegliere per il suo racconto di Praga l'esoterica, un registro linguistico quasi aulico, certo molto distante e insolito per un pamphlet che dovrebbe adattarsi alle esigenze del turismo di massa. Incuriositi ci addentriamo nella lettura, mentre percorriamo i vicoli di Stare Mesto (la magnifica città vecchia), e scopriamo in un angolo di Staromestke Namestì l'effigie di Franz Kafka, sorretti da una descrizione surreale, straordinariamente intonata all'atmosfera della città. Leggiamo di alchimisti e della sfarzosa corte di Rodolfo d'Asburgo, mentre commossi attraversiamo il Ponte Carlo fino a giungere a Mala Strana, il quartiere piccolo amato dagli artisti, adagiato languidamente sulla Moldava e guatato dall'alto dall'onnipresente Castello. Emozionati scorgiamo l'isola di Kampa, con il muro di Lennon affrescato da legioni di giovani in cerca di libertà o trasgressione, all'epoca del governo comunista; e ci fermiamo a discorrere di politica davanti a una buona pivo (birra) praghese, ai tavolini in legno di una Pivovar, mentre attorno si scatena la malinconica allegria di una città troppe volte martire, troppe volte risorta. Qual'è il segreto di questo oscillante zigzare per le strade in ciottolato, mentre il nostro anfitrione letterario ci guida fino alla ripida salita della Vlasska, sù fino alla verdeggiante collina di Petrin? Forse potremmo scoprirlo discendendo da Hradcany, il quartiere del Castello, fino al simbolo di Praga, l'onnipresente e minaccioso Hrad cui i secoli non hanno rubato la magnificenza: la reverenza da cui è colto il viandante, è forse la stessa che nel seicento soffrivano le schiere di aspiranti cortigiani, nel presentarsi al cospetto del grande Rodolfo e della sua maestosa residenza? La nostra guida non dà soluzioni, non indica locali alla moda e non ci informa sugli orari di visita dei monumenti: al contrario semina dubbi e sembra inseguirci in questo curioso bighellonare, quasi fosse un'appendice della città misterica per eccellenza, cuore nei secoli della magia bianca e di quella nera, l'eterna Praga, l'esoterica.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 28/11/2006 @ 09:52:13, in Manuali HOEPLI, linkato 11211 volte)


Ieri presso la libreria Hoepli di Milano è stato presentato EMMEACCA, catalogo storico ragionato dei Manuali Hoepli dall'inizio della loro pubblicazione nel 1875 fino al 1945.
Un'opera nata dalla passione di tre collezionisti bibliofili, completata in anni di intensa ricerca e sostenuta dal fascino che ancora oggi suscita questo straordinario fenomeno dell'editoria europea.
La presentazione è stata molto interessante, piena di appassionati e curiosi. E' stato portato in visione il rarissimo Manuale del Tintore, Roberto Lepetit 1875, di cui vi metto la fotografia (foto di Nino Romeo).
Gli organizzatori hanno preparato per il rinfresco delle favolose polpette fatte secondo la ricetta del ricettario Hoepli del '36.

DI MASI CLAUDIO, MORONI GIAN CARLO, AJELLO ALFONSO
EMMEACCA
Catalogo dei manuali Hoepli dal 1875 al 1945



Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 27/11/2006 @ 12:59:52, in Libri di narrativa, linkato 13515 volte)
Come dio Comanda di Niccolo' Ammaniti è un libro in puro stile Ammaniti.
Devo dire che quando ho saputo che il libro era in uscita ero contenta, avevo voglia di leggere di nuovo qualcosa di suo.
Il libro ha sicuramente un inizio un pò lento, seguito da un paio di capitoli decisamente coinvolgenti ed è concluso con un finale un pò frettoloso e repentino.
E' un libro dalle tinte forti, ricco di scene violente, che racconta la pazzia quotidiana di un gruppo persone che cresce pagina per pagina fino a sfociare nella tragedia.
I personaggi come sempre con l'autore sono da pugno nello stomaco, e anche se sono molto lontani dai tuoi valori e dal tuo stile di vita non puoi fare a meno di immedesimarti e di sentirli vicini.
Il libro nel suo complesso mi è piaciuto, anche se non è ai livelli di Ti prendo e ti porto via.


AMMANITI NICCOLO'
COME DIO COMANDA
Editore: MONDADORI


AMMANITI NICCOLO'
IO NON HO PAURA
Editore: EINAUDI


AMMANITI NICCOLO'
TI PRENDO E TI PORTO VIA
Editore: MONDADORI

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 24/11/2006 @ 11:33:08, in Guide turistiche e viaggi, linkato 12151 volte)
Le WALLPAPER* CITY GUIDE inizialmente hanno attirato la mia attenzione perchè sono belle, hanno una copertina molto semplice ed elegante.
Con un formato che ricorda le Moleskine, sono piccole guide turistiche, in lingua inglese, dedicate ad importanti città del mondo [ecco alcuni esempi: Tokyo, Singapore, Parigi, Londra, Roma, Milano, Madrid, Barcellona]. Hanno un taglio particolare, segnalano architetture contemporanee e moderne, luoghi e oggetti di design, spazi espositivi dedicati all'arte contemporanea e moderna.
Ve le segnalo se dovete visitare una di queste città e impazzite per l'architettura, il design e l'arte, io ho regalato quella di Barcellona alla mia amica Barbara in partenza per la Spagna tra poco... lei era entusiasta! : - )

Clicca qui per vedere tutte le WALLPAPER* CITY GUIDE disponibili

| | | Archiettura | | | |
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Valeria Surico (del 22/11/2006 @ 15:07:56, in Eventi e Mostre, linkato 4993 volte)
Il 20 novembre abbiamo inaugurato presso lo spazio espositivo secondopiano della Libreria Hoepli la mostra fotografica "Reportage della gioia". La mostra espone le fotografie e il diario di viaggio di Giuseppe Avino volontario di "aiutare i bambini".
All'inaugurazione ha partecipato l'attore Piero Balbi che ha interpretato brani del diario di viaggio.
La mostra è allestita fino al 3 dicembre le donazioni alla fondazione invece si possono fare sempre!







Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Roberto Seoni (del 21/11/2006 @ 11:29:40, in Libri di narrativa, linkato 2790 volte)
Da Wu Ming 5, membro attivo del collettivo di origine bolognese Wu Ming (autore, tra l'altro, di romanzi culto dell'underground narrativo, quali Q, sotto l'altro pseudonimo Luther Blisset, e 54), firma con Free Karma Food un nuovo romanzo dalle tonalità espressionistiche, recente pietra miliare nel cammino letterario di una delle più interessanti realtà del panorama underground nazionale. In un futuro che rivela l'anima cyber-punk del suo creatore, trova la sua dimensione una nuova epopea Pop in cui "le culture si ibridano e si sovrappongono", ma solo per svelare "una mostruosità" persino superiore alla nostra epoca. L'anno è il 2025: trascorsa l'apocalissi passata agli annali come Morìa, il nuovo cibo per ricchi è la carne umana: procacciarla non è però semplice, e solo i migliori, come John Smith Jones, maschio alfa di Central New York City, riescono ad avere una carriera abbastanza lunga da goderne i frutti. Ma è proprio un errore di JSJ a scatenare una spettacolare caccia all'uomo, condotta con particolare vigore dagli ex-amici del procaccia-carne. Su tutti l'ombra dell'Ultima speranza dell'Umanità, Ananda Marvin, contrastato dalla nemesi silenziosa di Wang, eroe cinese dei tempi della Morìa, e dalla follìa assassina di Harry The Mod, il killer Vintage di New Hindi Town. Un finale lisergico, per un racconto strappato, rinvigorito qua e là da qualche trovata interessante.
Nel complesso non certo l'opera più riuscita per i cinque di Wu Ming: qualche forzatura e qualche volo pindarico non aiutano la lettura, anche se non mancano gli spunti originali e i personaggi godibili. La parte finale appare comunque più riuscita, con una sequenza di avvenimenti che non mancherà di sorprendere il lettore.

Wu Ming 5 dice di sè stesso: "Scrivo nello stesso modo in cui si piantano pali coi teschi fuori del villaggio".
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo Ulrico Hoepli (del 21/11/2006 @ 10:44:33, in Para-Libri, linkato 7445 volte)

Disegna il tuo nome sulla neve !

allora bisogna cliccare qui ... poi mettere il proprio nome aspettare qualche secondo (15-20) e poi un pinguino disegnera' il vostro nome sulle montagne, moooooolto carino!
dopo tutto si tratta sempre di scrivere... no ;)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Sara Pagani (del 20/11/2006 @ 22:09:55, in Eventi e Mostre, linkato 5000 volte)
TRIENNALE BOVISA
Arte contemporanea e contemporaneita'

Con la personale di Hans Hartung dal titolo 'in principio era il fulmine' il 22 Novembre inaugura alla grande il polo distaccato in zona Bovisa della Triennale di Milano. Saranno 1400 mq di spazio espositivo tutti dedicati all'arte contemporanea realizzati grazie all'aiuto dell'imprenditoria milanese.
Continua quindi l'impegno a recuperare aree urbanistiche parzialmente dismesse e la volonta' di decentrare i luoghi della cultura, arricchendo i neonati quartieri universitari di periferia.
Davvero notevole la scelta di Hartung in ouverture, artista graffiante, deciso e difficilmente etichettabile, una dichiarazione di intenti del nuovo spazio che si presenta nel panorama artistico milanese da 'special guest star' piuttosto che da succursale periferica della piu' che consolidata Triennale.

HANS HARTUNG
In principio era il fulmine
Pittura, fotografia, architettura
22 novembre 2006 - 11 marzo 2007
Luogo: Triennale Bovisa - Via Lambruschini 31, 20156 Milano

Libri su Hans Hartung:

AA.VV.
HARTUNG . 10 PERSPECTIVES
Editore: 5 CONTINENTS EDITIONS


AA.VV.
HANS HARTUNG , SO BESCHWOR ICH DEN BLITZ
Museum Ludwig Koln, 26.6/19.9.2004
Editore: KONIG WALTHER


KAISER F., PONTEGNIE A., TODOLI V.
HARTUNG X3
Editore: EXPRESSIONS CONTEMPORAINES
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3
Ci sono 177 persone collegate

< giugno 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Autori (1)
Biografie (1)
Colleghi (2)
Contributi dei lettori (1)
Cool Books (1)
DVD e Film (4)
Eventi (1)
Eventi e Mostre (26)
Gialli e Noir (5)
Guide turistiche e viaggi (5)
Libri di architettura e design (6)
Libri di Arte (7)
Libri di climatologia (1)
Libri di cucina (4)
Libri di diritto e fisco (1)
Libri di economia e marketing (14)
Libri di fotografia (4)
Libri di giardinaggio (5)
Libri di grafica (5)
Libri di informatica (4)
Libri di moda (1)
Libri di musica (3)
Libri di narrativa (183)
Libri di narrativar (1)
Libri di Sport (3)
Libri di Storia (5)
Libri per bambini (6)
Manuali HOEPLI (1)
News (20)
Para-Libri (1)
Poesia (5)
Recensioni dai nostri lettori (2)
Recensioni ed Articoli (2)
Saggistica (14)
Solidarietà (1)
Teatro (1)

Catalogati per mese:
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Defining and analyzi...
04/02/2014 @ 10:47:53
Di Casino betting
Rökning är den främs...
04/02/2014 @ 08:16:47
Di www.lauras.se
A physicist is an at...
04/02/2014 @ 07:47:31
Di Synthroid +armour+equivalent

Titolo
Hoepli (10)
Viaggiando (17)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Abbastanza
 Per niente
 E' imprescindibile!

Titolo
HOEPLI S.p.A.

Sede Legale:
Milano (MI)
Via Hoepli, 5 CAP 20121
Telefono: 02 864871

Iscrizione registro imprese:
00722360153 del registro delle imprese di Milano

Capitale sociale in euro:
Deliberato: 4.000.000,00
Sottoscritto: 4.000.000,00
Versato: 4.000.000,00




26/06/2017 @ 19:29:18
script eseguito in 109 ms


Utilizziamo i cookie di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la navigazione, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

X